Marvel

Thunderbolts, gli ultimi rumor: dalla trama all'esordio di Henry Cavill

Diversi rumor e leak sembrano aver anticipato la trama di Thunderbolts, che potrebbe rappresentare uno degli apici della Fase 5 del MCU.

Thunderbolts, gli ultimi rumor: dalla trama all'esordio di Henry Cavill
Articolo a cura di

Le riprese di Thunderbolts inizieranno a giugno, e il film arriverà al cinema tra un bel po', poiché la sua uscita, nonostante la recente revisione dei programmi delle release dei prossimi film Marvel, resta fissata al 26 luglio 2024. Il film, tuttavia, sta catalizzando su di sé l'attenzione dei fan fin dalla sua presentazione: in primo luogo, molti hanno criticato il team dei Thunderbolts dell'MCU, considerato troppo lontano dalla controparte a fumetti e, soprattutto, composto da membri troppo "buoni", come Red Guardian, Bucky Barnes e Yelena Belova.

Più di recente, però, la "Suicide Squad Marvel" è tornata alla ribalta delle cronache per un turbinio di leak e rumor che sembrano aver anticipato trama, ambientazione e villain di Thunderbolts. Sfortunatamente, le indiscrezioni delle ultime settimane sono state molto eterogenee, tanto che è difficile pensare che possano essere tutte corrette: cerchiamo di analizzarle e di capire dove potrebbe andare a parare la pellicola sui "reietti" dell'Universo Marvel.

Nella preistoria, sotto il Polo Sud

Il primo rumor, emerso tra fine novembre e inizio dicembre, sembra stabilire che Thunderbolts comporrà un'ideale "trilogia del Vibranio" insieme a Black Panther: Wakanda Forever e Captain America: New World Order.

Tutti e tre i film, in particolare, dovrebbero giocare sulla "corsa" al minerale wakandiano, i cui inizi ci sono già stati mostrati proprio nell'ultima pellicola della Fase 4 dell'MCU. In particolare, secondo alcuni scooper le guerre del Vibranio saranno al centro della Fase 5, sviluppandosi nel corso di Thunderbolts, Captain America 4 e, forse, della serie TV Kingdom of Wakanda e del progetto standalone dedicato a Namor già in sviluppo presso Marvel. La domanda sorge spontanea: cosa c'entra il team creato da Valentina Allegra de la Fontaine con con Talokan e il Wakanda? Ebbene, sembra che, dopo il fallimento dei tentativi di mediazione con il Regno sommerso e quello africano, ai Thunderbolts verrà chiesto di recuperare il Vibranio da un altro luogo, in una sorta di "missione suicida". Nello specifico, la posizione del terzo giacimento di Vibranio del pianeta dovrebbe essere al di sotto della calotta antartica, in quella che, nei fumetti, viene chiamata "Terra Selvaggia". Secondo altri rumor, la zona sarà invece ricca di un altro minerale dalle caratteristiche però molto simili a quelle del prezioso wakandiano: l'Adamantio.

Cos'è esattamente la Terra Selvaggia? Con una storia che va indietro fino a 200 milioni di anni fa, la Terra Selvaggia è un "ritaglio di preistoria" tra i ghiacci dell'Antartide, creato dagli alieni Nuwali e rimasto pressoché disabitato (eccetto che da uomini-scimmia e dinosauri, ovviamente), fino alla seconda metà del XX secolo. Nei fumetti, la regione viene scoperta dall'avventuriero alla ricerca del Vibranio Robert Plunder, che vi trova rifugio insieme al figlio Kevin. Plunder viene ucciso da un uomo-scimmia, mentre Kevin diventa l'eroe noto come Ka-Zar (il Tarzan di casa Marvel, per intenderci), vivendo per anni da solo dentro la Terra Selvaggia.

Proprio una sortita di Ka-Zar tra i ghiacci del Polo Sud porta alla scoperta della regione da parte degli X-Men, e più tardi, di tutto il mondo. Sicuramente, nel MCU le cose andranno diversamente e la scoperta della Terra Selvaggia potrebbe essere casuale, legata magari a dei carotaggi eseguiti in Antartide alla ricerca del Vibranio o dell'Adamantio, sulla falsariga di quelli visti in Wakanda Forever. Difficile anche dire se Ka-Zar esisterà mai nell'MCU, o se verrà introdotto con Thunderbolts o più avanti. Quello che è certo è che, nei fumetti come al cinema, il legame tra Terra Selvaggia e Vibranio sarà forte, mentre i Thunderbolts potrebbero trovarsi nella difficile situazione di dover riportare in superficie il minerale da un mondo preistorico colmo di minacce.

L'isola dei Mutanti e il Superman dorato

Se la via della Terra Selvaggia non sembra così fuori discussione, proprio poco prima di Natale un nuovo scoop ha rimescolato le carte in tavola. Niente più Polo Sud, perché i Thunderbolts andranno sull'isola di Genosha, che nel MCU non sarà altro che il corpo del defunto celestiale Tiamut, la cui emersione dal nucleo terrestre è stata fermata dagli eventi di Eternals.

Molti fan si domandavano cosa sarebbe successo alle parti emerse del celestiale: la risposta, dunque, sarebbe che esse sono diventate delle isole nel mezzo del Pacifico. Non delle "semplici" isole, però: il corpo di Tiamut sarebbe infatti di Adamantio, e da qui avrebbe inizio la missione di "recupero" del materiale, considerato una valida alternativa al Vibranio, da parte dei Thunderbolts. Insomma, le premesse del film rimarrebbero le stesse, ma la sua ambientazione si sposterebbe da una terra sotto i ghiacci dell'Antartide a un'isola in mezzo all'Oceano. L'inclusione di Genosha nell'MCU, però, potrebbe avere anche un impatto di lungo termine nel Multiverso Marvel, che potrebbe travalicare sia i confini della Fase 5 che quelli della Saga di Kang: l'isola, infatti, è stata per anni profondamente legata alla storia dei mutanti. Qui, questi ultimi venivano deportati e schiavizzati; sempre qui si è verificato il primo tentativo di creare uno "Stato Mutante"; e infine proprio a Genosha si è verificato uno dei primi massacri di mutanti, che ha portato all'uccisione di 16 milioni di persone.

Ovviamente, Thunderbolts potrà essere ambientato o a Genosha o nella Terra Selvaggia: improbabile che il film si muova liberamente tra due location così simili tra loro e del tutto inedite, specie nel momento in cui esse dovrebbero rivestire lo stesso ruolo di giacimento di Vibranio o di Adamantio da sfruttare. Probabilmente, specie se consideriamo che i lavori su Thunderbolts sono ancora agli inizi, è possibile che la sceneggiatura del film sia passata da un luogo all'altro negli ultimi mesi, ma di fatto il resto della trama potrebbe rimanere invariato. Un trattamento analogo potrebbe essere stato destinato anche ad un'altra componente fondamentale del film, ovvero il suo villain: stando a quanto riportato da diversi scooper, infatti, il nemico principale di Thunderbolts avrà la faccia di Henry Cavill, che però potrebbe impersonare uno tra due personaggi del tutto diversi tra loro.

Hyperion

Sentry

Da tempo si vocifera infatti di un casting di Henry Cavill come Hyperion, leader dello Squadrone Supremo, una formazione di antieroi al servizio di Kang il Conquistatore: al di là del "meta-casting", che metterebbe l'ex-Superman nei panni di un personaggio ricalcato proprio sull'Uomo d'Acciaio, in molti si sono interrogati su come possa tenere banco l'idea di includere Hyperion, "cattivo" legato alla dimensione multiversale del MCU, in una pellicola che sembra avere i piedi saldamente piantati sulla Terra. Qui entra in gioco la seconda opzione, che negli ultimi giorni è stata vociferata con sempre più insistenza dagli insider.

Da Thunderbolts a Captain America: New World Order

La voce di corridoio che va per la maggiore è che, dopo l'addio a Superman e a Warner, Henry Cavill avrà un ruolo più grosso nell'MCU, interpretando nientemeno che l'antieroe Sentry. Sentry potrebbe essere il villain di Thunderbolts e potrebbe persino essere creato dalla stessa Valentina Allegra de la Fontaine nel corso della pellicola.

Come? Con il siero del super-soldato, o quantomeno con una versione "modificata" di quest'ultimo, in modo non dissimile dalle origini di Sentry nei fumetti della Casa delle Idee. Il "Superman dorato" di casa Marvel, dunque, potrebbe essere inavvertitamente generato dalla nuova direttrice della CIA, per poi liberarsi dal suo controllo e, per qualche motivo, rifugiarsi a Genosha, dove spetterebbe ai Thunderbolts catturarlo e riportarlo a casa. Se guardiamo alla formazione dei Thunderbolts (e alle origini del siero in Falcon and The Winter Soldier), possiamo accorgerci che il siero del super-soldato ha riguadagnato peso nel MCU: Bucky, Red Guardian e U.S. Agent, infatti, sono tutti dei soldati geneticamente modificati per avere la super-forza, mentre delle fiale del siero, insieme alla sua formula, sono ancora in circolazione, e la sottotrama relativa a Power Broker (Sharon Carter) dovrebbe comunque completarsi entro la fine della Fase 6, quindi con Thunderbolts e Captain America 4. Insomma, è possibile che Sharon Carter e Valentina Allegra de la Fontaine creino Sentry, che poi dovrà essere sconfitto proprio dai "perdenti" dell'universo Marvel.

L'idea è allettante per diversi motivi: il primo è che Sentry è uno degli esseri più potenti di tutto il mondo Marvel; il secondo è che proprio a Sentry dovrebbe essere destinato uno spin-off di Thunderbolts, magari nella forma di un film della Fase 6 o di uno speciale per DIsney+. Con ogni probabilità, quest'ultimo potrebbe essere basato sulla storyline di Assedio, che vede gli Avengers di Norman Osborne, insieme a Sentry, intenti combattere contro Nuova Asgard e contro i veri Vendicatori.

È possibile che questo arco narrativo, opportunamente modificato dal fatto che Marvel non possa usare Norman Osborne nei propri film per via di alcune controversie con Sony relative ai diritti, venga ulteriormente approfondito con Captain America 4 e trovi compimento in una terza pellicola (magari proprio un film dedicato a Sentry), che metta insieme tra loro il tema delle guerre del Vibranio, quello del siero del super-soldato e, soprattutto, quello della creazione di un team di Avengers alternativi sotto il controllo degli Stati Uniti e della loro politica di potenza a livello globale.

D'altro canto, pare che proprio l'America avrà un ruolo centrale nel MCU da qui in poi, forse al punto da diventare una sorta di "cattivo" dell'ordine internazionale post-blip.

O se non l'America almeno il suo Presidente, che ormai sappiamo sarà il Generale Thunderbolt Ross di Harrison Ford. Secondo dei nuovi rumor, infatti, Thunderbolt Ross sarà uno dei villain di Captain America 4, insieme al Capo di Tim Blake Nelson, a Valentina Allegra de la Fontaine e ad altri due nemici, uno dei quali sarà interpretato da Jessica Chastain. Il quinto, insomma, potrebbe essere proprio Sentry. Questi collegamenti sembrano mostrare Thunderbolts come un vero e proprio prequel di Captain America: New World Order, che potrebbe essere proprio basato su una guerra mondiale per Adamantio e Vibranio e che potrebbe finalmente introdurre al pubblico personaggi amatissimi come Hulk Rosso, che nei fumetti sono stati presentati (anche) come parte dei Thunderbolts e che in futuro potrebbero entrare in una formazione rivista del team.

Quanto attendi: Thunderbolts

Hype
Hype totali: 19
80%
nd