Thor: Love and Thunder, Christian Bale sarebbe un ottimo Minotauro?

Il blasonato interprete vestirà i panni di un villain nel cinecomic di Taika Waititi, e il Minotauro gli calzerebbe a pennello.

speciale Thor: Love and Thunder, Christian Bale sarebbe un ottimo Minotauro?
Articolo a cura di

Complice il Covid-19, Thor: Love and Thunder si farà attendere più del previsto e, date le ingenti aspettative dettate da un cast decisamente di primo livello, torniamo a parlare nuovamente di Christian Bale e del suo enigmatico ruolo, grande mistero che tutti quanti noi vorremmo svelato al più presto. Recentemente vi abbiamo parlato di Gorr in un approfondimento dedicato, stavolta è invece il turno di un'altra possibile figura di cui il buon Bale potrebbe vestire i panni o, meglio, la peluria: stiamo parlando del Minotauro e vi spieghiamo il perché sarebbe una mossa alquanto azzeccata da parte del grande Taika Waititi, regista del prossimo film di Thor.
Fresco vincitore del Premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale con quella piccola perla chiamata Jojo Rabbit, non possiamo che sottolineare come abbia attirato così tante stelle cinematografiche in un progetto che, ovviamente, ha già diviso la community.
In molti vorrebbero un proseguo del tono dato a Ragnarok, altri un cambio totale al registro visti i recenti avvenimenti di Infinity War ed Endgame.

Insomma, tanta carne al fuoco che già in questo momento stuzzica non poco le fantasie e pone alte aspettative visto anche il ritorno in auge di Natalie Portman, ben pronta a impugnare il Mjolnir diventando infine La Potente Thor.

Chi è il Minotauro?

Un villain non di primissimo spicco ma che, grazie all'ottimo lavoro svolto da Jason Aaron nella sua decennale gestione di Thor in Marvel Comics, ha goduto di così tanta fama da essere stato accostato a Christian Bale per fare il suo grande esordio, e farsi conoscere a un pubblico così vasto come quello del Marvel Cinematic Universe.
Ce ne sono state diverse di rivisitazioni su questo personaggio, ma andremo a focalizzare l'attenzione sull'alter ego più noto di questa possente divinità (basata su quella della mitologia greca) che prende il nome di Dario Agger: CEO della Roxxon Energy Corporation.
Quest'ultima non dovrebbe suonare nuova visto che, in maniera sibillina, compare a più riprese nella trilogia cinematografica dedicata a Iron Man.

Il magnate può infatti, a suo piacimento, trasformarsi in questa feroce bestia e guerreggiare contro potenti nemici al punto da aver messo più e più volte in difficoltà sia il Thor Indegno che La Potente Thor.
Non ha chissà quali poteri particolari se non una velocità e una forza micidiale, uniti a un cervello pensante e arguto. Riesce costantemente a tramare piani ben orchestrati utili a far fuori i propri nemici e, infine, ad avere un conseguente tornaconto personale per l'azienda che rappresenta con tanto orgoglio.
Il Minotauro è un personaggio molto particolare che, se reso bene, potrebbe di gran lunga sorprendere sul grande schermo.

Il Dario Agger di Christian Bale

Dando per scontato, viste le più che evidenti strizzate d'occhio da parte di Waititi, di vedere Dario Agger in Thor: Love and Thunder, proviamo a dare dei validi motivi per cui Bale sarebbe il candidato ideale per portarlo alla ribalta.
In primis la rinnovata voglia da parte dell'attore di tornare a mettersi in gioco in un cinecomic, un genere da lui snobbato dopo le iconiche gesta nella trilogia di Batman firmata da Nolan.

Siamo ben convinti che non sia bastata solamente una cospicua cifra economica per far tornare Bale sui propri passi, bensì uno script adeguato alla sua importanza sfruttando Dario Agger/Minotauro come gancio perfetto e passando, per una volta, dalla parte del cattivo di turno anziché del buono.
Dario Agger è infatti un "Bruce Wayne" in versione ridotta, tanto denaro e potenza economica alle spalle utili a riportare in scena la sua ben nota interpretazione del miliardario di Gotham associata, diversamente da quanto fatto in precedenza, a una componente "fantasy" e "strategica" visto il duplice ruolo che potrebbe ricoprire durante la pellicola.

Sia nelle spoglie umane che divine, infatti, Dario Agger è quel villain che potrebbe portare tanto rinnovato pepe all'interno del MCU vista anche la possibile duplice interazione, come avvenuto nel fumetto, con ambedue i Thor presenti.
Con l'abbandono, dopo i fatti di Endgame, di Midgard da parte del Thor originale, perché non trovarsi di fronte a un dualismo ben marcato tra due grandi new entry? Minotauro contro Lady Thor, prepariamo già i pop-corn.

Quanto attendi: Thor: Love and Thunder

Hype
Hype totali: 102
74%
nd