The Twilight Saga: Eclipse, Taylor Lautner e Kristen Stewart si raccontano

Taylor Lautner e Kristen Stewart raccontano i loro Jacob e Bella, aspettando The Twilight Saga: Eclipse.

The Twilight Saga: Eclipse, Taylor Lautner e Kristen Stewart si raccontano
Articolo a cura di

The Twilight Saga: Eclipse è ormai sempre più vicino... e l'ansia di tutti i twilighters sparsi per il globo è sempre più alle stelle. Giovedì 17 Giugno è toccato alla città di Roma assistere a scene di isteria, fanatismo e pura ammirazione. 1700 i biglietti venduti per la maratona Twilight, a cui si sono unite altrettante persone in attesa fin dal mattino del passaggio dei propri beniamini sul red carpet dell'Audutorium della Conciliazione. Ma prima di concedersi il bagno della folla adorante, Taylor Lautner e Kristen Stewart hanno raccontato alla stampail loro particolare rapporto con i personaggi che interpretano, Jacob e Bella... i vertici, insieme all'Edward di Robert Pattinson, del triangolo amoroso che ha stregato il mondo.

Focus on Bella & Jacob

Raccontateci Eclipse dal vostro punto di vista, come personaggi e come attori.

TL:
Ho sempre detto che Eclipse è il mio libro preferito e automaticamente anche il mio film preferito. C'è romanticismo, lotte, suspance... Eclipse prende tutti gli elementi della saga di Twilight e li porta a un livello successivo, di maggiore impatto. È gremito di azione e questo è fantastico.

KS:
In Eclipse Bella finalmente riesce a capire di che cosa si tratta veramente e a prendere una decisione. Tutto le appare molto più concreto e reale. Dopo il primo film in cui era completamente persa in questo amore e il secondo in cui si era persa in se stessa, apre finalmente gli occhi e riesce a vedere oltre. Vede in maniera diversa questo suo migliore amico che improvvisamente diventa una reale possibilità per lei e il suo futuro. Il triangolo amoroso adesso diventa reale. Prima si trattava di un triangolo a due lati... ora è più vero e complesso.


Twilight è stato diretto da Catherine Harwicke, New Moon è passato nelle mani di Chris Weitz e in Eclipse avete lavorato con David Slade. Cosa è cambiato con il modificarsi dei registi?

KS:
Ovviamente il processo di elaborazione di ogni film è completamente diverso. Personalmente credo che per ogni film il regista sia stato quello perfetto. Sono parti molto diverse della stessa storia che hanno bisogno di punti di vista diversi. Si tratta di sfide diverse. David Slade ci ha fatto lavorare veramente sodo, erchè voleva imprimere un marchio personale al film. Lavorare sempre con lo stesso regista ci avrebbe fatto sentire molto più a nostro agio con i personaggi e ci avrebbe portato ad impigrirci.

TL:
Sono d'accordo con Kristen, ha riassunto il tutto molto bene. Dopo due anni siamo ormai abituati al punto di vista dei nostri personaggi e il cambio di regia ci ha permesso di metterci ogni volta in discussione.


Come sono cambiati i vostri personaggi in questo film? E avete detto che in Eclipse c'è molta azione: che vi siete ritrovati a fare?

TL:
Jacob ha subito davvero un gran cambiamento. Se nel primo film è l'amico infantile e marginale alla storia e nel secondo è impulsivo e lotta per un proprio ruolo, in Eclipse è molto più maturo e comincia ad affrontare tutti i suoi problemi. Noi due personalmente non abbiamo fatto nulla di particolarmente emozionante, perché durante le scene d'azione io sono quasi sempre trasformato in lupo, e quindi è tutto un lavoro di computer grafica, e lei generalmente se ne sta in un angioletto a guardare gli altri.

KS: Bella all'inizio della storia si lancia in qualcosa di assolutamente ignoto. Questa storia perfetta, però, a un certo punto deve diventare per forza concreta. Non ha più la concezione romantica e idealistica che aveva dell'amore . Sta crescendo, non è più una ragazzina. È una mia responsabilità come attrice far diventare Bella un'adulta.

Progetti per il futuro

Ormai è ufficiale che Breaking Dawn sarà diviso in due film. Pensate sia una buona idea?

KS:
Quando si cerca di raccontare una storia piena e complessa attraverso un film, è molto difficile andare in profondità ai personaggi e alle situazioni. Purtroppo le sfumature sono quelle che si perdono per prime. Dividere la storia in due film è sicuramente una cosa positiva, perché si ha molto più tempo per raccontare i fatti e approfondire i personaggi. Tutto è molto più ricco e divertente.

TL:
Condensare tre libri in tre film è già stata una cosa molto difficile. Fare la stessa cosa con Breaking Daws è veramente impossibile. Ovviamente nessuno di noi ha ancora letto lo script e non sappiamo quale sarà il risultato finale, ma credo che questo sia l'unico modo per realizzare il film.


Questi film piacciono soprattutto ad un pubblico molto giovane: quale messaggio pensate trasmettano i vostri personaggi?

KS: Molte persone amano il personaggio di Bella. Di fondo è strana, ma lo è in un modo molto personale. È forte, è cool, sa il fatto suo. Commette molti errori, ma sa come affrontarli e alla fine è questo quello che conta. È una ragazza davvero molto forte ed è divertente interpretarla.

TL:
Non penso siano film che piacciano solo ai teenager. Ok, non posso negare che abbiamo moltissimi fan giovani, ma non solo. Jacob è molto determinato: sa cosa vuole e non vuole rinunciarci. Lotta continuamente per questo e ammiro molto questo suo tratto caratteriale.


Quali sono i vostri prossimi progetti?


KS: Io sto lavorando a On the road, l'adattamento cinematografico diretto da Walter Salles del celebre libro di Jack Kerouac.

TL: Tra poche settimane comincio le riprese di Abduction, un thriller con John Singleton.

Vita da star

Ovunque andate si assiste spesso a scene di isteria, siete inseguiti da paparazzi e fan. Come è cambiata la vostra vita e quanto questo vi limita?

TL: Le nostre vite sono ovviamente cambiate moltissimo, soprattutto perché adesso abbiamo la possibilità di fare quello che vogliamo. Di poter scegliere... e siamo molto fortunati perché possiamo fare un lavoro che amiamo molto. Ovviamente ci sono anche i contro della situazione e con questa saga ce ne sono di più. Ma basta adattarsi ed essere intelligenti sul cosa, dove, come e quando.

KS: Non bisogna cambiare. Noi siamo noi stessi e facciamo quello che ci piace. Ovviamente, come dice Taylor, bisogna essere intelligenti nel fare le proprie scelte.


Kristen non hai paura di rimanere imprigionata nel ruolo di Bella?


Da un certo punto di vista sarebbe davvero molto lusinghiero se tutti mi vedessero sempre e solo come Bella, perché significherebbbe che ho fatto bene il mio lavoro. Ma non tutti nel mondo sono dei fanatici di Twilight (letteralmente degli "hard die fan", ndr) e ho già fatto altre scelte in passato al di fuori di Bella e continuerò a farle.


Jacob è un licantropo, ma è completamente diverso dai mostri a cui siamo stati abituati in passato. Come ti senti nella parte del mostro? (ride) Onestamente non ho mai pensato a Jacob come un licantropo. È una cosa difficile... è spiazzante. Tutto sommato la storia e i personaggi sarebbero gli stessi anche senza i vampiri e i licantropi. Io sono solo Jacob, un ragazzo innamorato di lei che deve vedersela con un altro ragazzo... non tanto male.

The Twilight Saga: Eclipse Durante la conferenza erano stati annunciati 15 minuti di proiezione in anteprima di Eclipse. Purtroppo la sala si è ritrovata davanti ad una proiezione cinematografica di tutte le clip che nelle ultime settimane hanno invaso il web, senza poter godere di nessuna anticipazione esclusiva. Da questa prima visione rimane confermato il tocco decisamente più tendente al dark di un regista come Slade, un maggiore numero di combattimenti (la famosa "azione" di cui tutti gli attori in tutte le interviste continuano a parlare con estrema riverenza), e un trucco che, a discapito dei miglioramenti fatti in New Moon, torna al pallore da polvere di gesso e alle improbabili parrucche. Ma attenderemo ancora qualche giorno prima di esprimerci al meglio. Ormai il 30 Giugno è davvero vicino.

Che voto dai a: The Twilight Saga: Eclipse

Media Voto Utenti
Voti: 77
5.6
nd