The Batman, Paul Dano come Enigmista: quanto è importante il suo ruolo?

Matt Reeves punta su uno degli attori più talentuosi della sua generazione per uno dei villain più eccentrici e complessi del parterre DC.

Articolo a cura di

L'inizio delle riprese del The Batman di Matt Reeves è ancora distante, dovendo partire orientativamente al termine della primavera 2020, ma finita la complessa riscrittura della sceneggiatura (revisione costata diversi mesi all'autore), il reboot cinematografico del Cavaliere Oscuro sta finalmente riunendo tutti i pezzi sulla scacchiera. Risale ormai a maggio la scelta di Robert Pattinson come nuovo Bruce Wayne, mentre le ultime settimane hanno visto un netto intensificarsi delle fasi di casting, con l'annuncio di Zoe Kravitz nei panni di Catwoman, Jeffrey Wright in quelli del Commissario Gordon e - ultimo ma non ultimo - l'ottimo Paul Dano in quelli di Edward Nigma, soprattutto noto come il villain Enigmista.

A quanto pare le discussioni con Jonah Hill riguardavano proprio quest'ultimo personaggio e non il Pinguino come credevano in molti; trattative poi sfumate per motivi non meglio specificati ma probabilmente legati a un provino di Dano come Enigmista che avrebbe (evidentemente) convinto molto di più Reeves e Walter Hamada, tanto da annunciarne la presenza nel progetto appena due giorni dopo la notizia della fine del dialogo con Hill.
Da parte nostra, per questa scelta, c'è solo ed esclusivamente entusiasmo, essendo Paul Dano uno dei migliori interpreti della sua generazione, per giunta anche consapevole del mezzo cinematografico dietro la macchina da presa grazie al suo emozionante ed elegante Wildlife (ma questo anche Hill con il suo splendido Mid90s).

Tra fede e follia

È bene specificare che al momento non conosciamo l'estensione del ruolo di Enigmista all'intero della trama detective noir del nuovo Batman, ma è interessante notare come sia al momento il primo e unico villain tout court presentato ufficialmente come nemesi del film. Sappiamo infatti che nel cinecomic di Matt Reeves comparirà un variegato parterre di nemici dell'Uomo Pipistrello (stando almeno ai primi dettagli leaked), tra i quali dovrebbe sicuramente esserci anche il Pinguino (forse interpretato da Seth Rogen?), eppure attualmente non è semplice capire quali altri supercriminali del mondo DC faranno la loro apparizione.
Speculando un po', si potrebbe quasi pensare che Enigmista possa essere a questo punto il fulcro centrale di quella "gigantesca cospirazione criminale" su cui indagherà il miglior detective del mondo, cercando di risolvere il mistero dietro a una serie di efferati omicidi. Certo, magari alleandosi con il Pinguino o con Due Facce, Maschera Nera o Deathstroke, ma risulta essenziale sottolineare il fatto che - a parte Edward Nigma - tutti gli altri villain restano fumosi e incerti.

Questo rende la scelta di un interprete incisivo, profondo e articolato come Paul Dano un altro piccolo indizio sull'importanza del personaggio all'interno della storia, come lo fu nel Batman Forever di Joel Schumacher, in quel caso interpretato da una attore quasi agli antipodi rispetto a Dano.

L'Enigmista è un nemico astuto che ha come missione principale quella di smascherare il Cavaliere Oscuro, intraprendendo la sua carriera criminale per dimostrare al mondo intero la sua intelligenza. Questo lo rende egocentrico e subdolo, ossessionato e pericoloso, e proprio l'interprete di Okja sembra il volto perfetto per dare vita sul grande schermo a questa nuova iterazione del personaggio, che potrebbe ispirarsi a un mix tra le sue origini e Batman Hush, dove è la mente dietro agli ingranaggi delle trama orizzontale.

Dano raccoglie in sé eleganza e carattere, un certo charme e la capacità di superare delle barriere psicologiche in termini espressivi che appaiono essenziali per una parte come quella di Edward Nigma. Ce lo immaginiamo con caratteristiche provenienti ovviamente dai fumetti ma sfumato dallo stesso interprete per essere un mix tra il suo Hank di Swiss Army Man (mentalmente instabile, ma con un lato tenero) e l'Eli Sunday de Il Petroliere (ossessivo, intelligente, viscido e fisicamente debole), con qualcosa di nuovo, di diverso, di incredibile.

Già il solo fatto che l'attore abbia accettato di partecipare a un cinecomic, comunque, è segno di qualità, considerando che per Paul Dano si tratta per giunta del primo vero e grande blockbuster della sua carriera, di cui per giunta non aveva bisogno.
A quanto pare deve aver apprezzato particolarmente il ruolo, vedendoci qualcosa di promettente ed elaborato, altrimenti - conoscendo la sua storia - avrebbe fatto sicuramente un passo indietro e lasciato ad altri il compito di dipingere su schermo Enigmista. Con lui a bordo, comunque, tutto diventa più curioso, interessante e imprevedibile.

Quanto attendi: The Batman

Hype
Hype totali: 190
73%
nd