Suicide Squad: alla scoperta dei 'peggiori eroi di sempre'

Il lato oscuro dei fumetti arriva al cinema il 13 agosto grazie a Suicide Squad. Alla scoperta del manipolo di villains DC.

Suicide Squad: alla scoperta dei 'peggiori eroi di sempre'
Articolo a cura di

Suicide Squad animerà l'estate cinematografica italiana, raccontando le scorribande di una task force criminale dalle abilità eccezionali. Il nuovo blockbuster targato Warner Bros. annovera nel cast star come Will Smith, Jared Leto e Margot Robbie, chiamati ad esaltare con la propria presenza una pellicola che tratta personaggi dei fumetti DC sconosciuti ai più. Le origini della Suicide Squad a fumetti risalgono al 1959, inserita nella collana "The Brave and the Bold" (numero 25). La prima task force di cui si ha memoria è composta perlopiù da combattenti dal background e dalla preparazione militare. Tra di essi vi è il colonnello Rick Flag e il soldato Jesse Bright. La Squadra Suicida non attira le simpatie dei lettori, ragion per cui bisognerà attendere fino al 1987 per un restyling del team. È John Ostrander il creatore della versione moderna della Suicide Squad - che debutta nella miniserie "Legends" - a cui conferisce un respiro più ampio tramite intrighi politici, riferimenti all'attualità e coinvolgimento di super criminali dei fumetti DC. Proprio come nel film di David Ayer, è Amanda Waller (che al cinema avrà il volto di Viola Davis) la mente che sta dietro la creazione della Task Force X, affidandola poi a Rick Flag jr., unico legame con la precedente versione della Squadra Suicida (è il figlio del colonnello Flag).

Brutti, sporchi e cattivi

Ostrander stravolge completamente la formazione suicida, introducendo alcuni componenti che avremo modo di vedere nella pellicola diretta da David Ayer: è il caso di Deadshot e Capitan Boomerang, affiancati da Bronze Tiger (esperto di arti marziali), Poison Ivy (in grado di controllare le piante) e Bane, aberrante nemesi dell'Uomo Pipistrello apparsa ne Il Cavaliere Oscuro - Il Ritorno (era Tom Hardy a prestargli volto e muscoli da wrestler). La nuova epopea della Suicide Squad termina nel 1992, a causa delle vendite fiacche dei fumetti. Nel 2011 la DC Comics, con l'iniziativa editoriale "I nuovi 52", decide di rilanciare tutte le serie a fumetti. Non fa eccezione nemmeno la Suicide Squad, i cui testi vengono affidati ad Adam Glass. La nuova formazione vede l'ingresso di due new entry che ritroveremo anche al cinema: Harley Quinn e il vulcanico El Diablo.
La Squad si presta agevolmente ad una trasposizione cinematografica, vuoi per la cinecomic mania degli ultimi anni vuoi per gli ingredienti spettacolari alla base del fumetto: si tratta di un team di "mercenari sacrificabili" (proprio come i guerrieri vintage di Sylvester Stallone) chiamati ad effettuare operazioni black ops in cambio di uno sconto sulla pena detentiva. Difficile non ritrovare echi di serie e film di successo come Mission: Impossible (la segretezza delle missioni), Quella sporca dozzina e Bastardi senza gloria, di cui Suicide Squad condivide l'idea di riciclare elementi indisciplinati per missioni (più o meno) eroiche in cui il tornaconto personale cede il passo al sacrificio per il bene comune.
Ma chi sono effettivamente i membri della Squad? Quali poteri e abilità hanno? Ecco il "peggio del peggio" in dettaglio:

Deadshot

Deadshot, a.k.a Floyd Lawton, è un personaggio dei fumetti creato nel 1950 da Bob Kane. Killer a pagamento, assassino senza scrupoli, tiratore scelto dalla mira infallibile. Deadshot è uno dei leader del gruppo, nonché uno dei principali antagonisti di Batman. Nel film è Will Smith a prestargli il volto.

Harley Quinn

Harleen Frances Quinzel è la psicologa dell'Arkham Asylum, il manicomio criminale di Gotham City. Intenzionata a curare il Joker, ne rimane invece affascinata. Il clown prima la seduce e poi la manipola, trasformandola in una folle e sadica pupa del male. Nei fumetti indossa un classico costume da giullare rosso e nero, mentre al cinema l'outfit sarà decisamente più hot, studiato appositamente per le curve di Margot Robbie.

Capitan Boomerang

Ecco l'elemento più anarchico del gruppo. George "Digger" Harkness è un furfante australiano interessato solo al proprio tornaconto personale. Nei fumetti è uno dei principali antagonisti di Flash. Esperto nell'uso del boomerang, ne possiede diverse varianti: dai prototipi spia a quelli supersonici.

Rick Flag

È colui che tenta, a fatica, di tenere le redini del gruppo. Ad aiutarlo nell'impresa vi è la guardaspalle Katana e dei microchip esplosivi innestati nel corpo dei supercriminali della Squad. Ricattato dalla perfida Amanda Waller, nutre un amore profondo per la biologa June Moon. In principio doveva essere Tom Hardy a prestargli il volto, ma gli impegni dell'attore hanno costretto la produzione a virare su Joel Kinnaman, apparso in Run All Night.

El Diablo

Vero nome Chato Santana. Ex membro di una gang criminale, è uno dei più taciturni della Squad. Restio ad entrare in azione, mostrerà i suoi poteri a dir poco sbalorditivi. Dietro la canotta e i tatuaggi da gangster troviamo l'attore Jay Hernandez.

Killer Croc

Di lui vi basta sapere che vive nelle fogne e mangia la gente. È l'elemento più inquietante del gruppo, metà uomo e metà coccodrillo dalla forza sovraumana. Dietro il massiccio trucco prostetico vi è l'attore Adewale Akinnuoye-Agbaje.

Che voto dai a: Suicide Squad

Media Voto Utenti
Voti: 126
6.1
nd