CC2010

Speciale Sucker Punch

Zack Snyder ci parla della sua insolita svolta fantasy.

speciale Sucker Punch
Articolo a cura di

Il primo trailer di Sucker Punch mostrato al Comic Con ha condotto lo spettatore in un mondo fantastico immerso nella fantasia. Ma cosa significa tutto questo? L'unico che può svelare l'arcano è Zack Snyder, il visionario regista di Watchmen e 300, che, insieme a Debbie Snyder (producer della pellicola), ha approfondito il suo mondo onirico con pochi giornalisti subito dopo il panel ufficiale del film.

Nella mente di Snyder

"Io sogno in un modo diverso dagli altri", esordisce il regista, "e suppongo sia questo quello di cui parla questo film, o almeno lo è per me. Uno dei meccanismi del film prevede che quando una delle ragazze inizia a fantasticare o chiude gli occhi, le loro piccole avventure parallele diventano realtà". E per rendere il tutto più comprensibile Snyder prova a figurare un esempio: "Se hanno bisogno di rubare un accendino con inciso un drago, non c'è nulla di più semplice. È quello che fanno realmente, ma lo spettatore vede la versione si Baby Doll e questo è il film, o almeno una parte di questo. Lei chiude gli occhi e finiscono in un assurdo mondo dove combattono contro un drago, pilotano un B-25 e finalmente si infilano nella gola di un piccolo drago e...", "Rubano il fuoco", precisa Debbie Snyder, come per mettere ordine nei pensieri apparentemente confusionari del collega.

"Assolutamente. Rubano il fuoco e lei finisce per uccidere il drago e quando torna, e la musica finisce, l'oggetto è stato rubato, perché è stata capace di distrarre le persone che aveva bisogno di distrarre". Riassunto in questi termini il modus operandi di Sucker Punch appare decisamente affascinante e contorto. "C'è una specie di procedura molto semplice e lineare alla base di tutto ciò. Ma allo stesso tempo è folle e quando lei sta effettivamente fantasticando, è fantasy. Ho solo usato la mia immaginazione come modello. Quindi si... loro sognano in grande!"

Tra fantasia e realtà

A questa premessa sono seguite le domande dei giornalisti presenti in sala, desiderosi (come chiunque altro d'altronde) di avere maggiori informazioni sulla pellicola action-fantasy.

Quanto del film è basato su queste fantasie e quanto invece è ambientato nel mondo reale?
DS: Ci sono quattro fantasie.

Quindi il film per la maggior parte della sua durata è ambientato nella realtà?
DS: Bhe, diciamo più che altro che ci sono tre diversi livelli di realtà.

Come in "Inception"?
ZS: Credo che "Inception" abbia quattro livelli di realtà... ma noi non avevamo abbastanza soldi (ride).
DS: Fondamentalmente il mondo reale è più simile a quello de "Il mago di Oz" o almeno io l'ho sempre concepito in questo modo.
ZS: Quindi quello che succede è che c'è un tornado gigante all'inizio... (ride).

E ci sono anche diversi livelli fantastici? Può spiegarceli meglio?
ZS: Baby (il personaggio principale) viene portata in un ospedale psichiatrico dal suo patrigno, che vuole sia lobotomizzata così che non possa testimoniare o dire alla polizia cosa le ha fatto. Paga l'inserviente che gli dice che non c'è nessun problema, ma che ci vorrà un po' di tempo perché al momento non hanno un medico che possa fare la lobotomia. Lui ha cinque giorni per trovare un medico e lei e ha altrettanti per escogitare un piano e fuggire. Questa è più o meno la storia del film. Poi si ritrova ad aiutare queste ragazze e loro aiutano lei perché, allo stesso modo, vogliono fuggire dall'ospedale. Ma da qualche parte sulla loro strada, lei comincia a immaginarsi questo manicomio come un bordello... e lei è vergine, quindi..."
DS: Nel corso dei cinque giorni perderà la sua verginità.
ZS: Precisamente c'è questo ragazzo ricco che arriva a portare via la sua verginità.

Quindi è di qui che provengono tutte quelle voci online sulla prostituzione?

ZS: Si, esattamente. In quella realtà, gli show che le ragazze fanno sono per gli uomini che vanno al club, ma dato che lei non è ancora una performer, non lavora all'interno del club. Mrs. Schulz (Carla Gugino) vuole insegnarle a ballare e diventare una delle ragazze. Il problema è che Baby è davvero molto timida e così ogni fantasia diventa il suo modo di imparare. Sai, lei chiude gli occhi ogni volta che balla e così noi non la vediamo mai ballare, vediamo solo la fantasia.

Ma queste fantasie hanno ripercussioni nel mondo reale?
DS: Tutto riporta indietro alla realtà
ZS: Ovvio, e il trucco sta nel cercare di incasinare il tutto. Non volevo diventasse qualcosa del tipo "se ti accoltello alla gamba, questa comincia a sanguinare nel mondo reale"! Sono consapevole che questa sia la convenzione e volevo stravolgerla proprio per questo.

Come "Nightmare on Elm Street"?

ZS: Esattamente. Ma è una delle regole fondamentali dei film basati sui sogni. Sai "Se muoio qui, se muoio in Matrix, sono morto anche nella vita reale?"
DS: Alla fine della giornata, dopo che tutto è andato storto, dove puoi fuggire per far fronte a tutto questo? Spesso immagini di essere in un altro posto ed è in questo modo che Baby Doll trova la sua forza, come se andasse in un mondo diverso e ogni volta tornasse più forte.
ZS: Già, Scott Glenn è una sorta del suo Yoda.

Meet the Mecha-Bunny!

Mi piace molto l'approccio unico del film. Grezzo, violento, basato sulla fantasia, prevalentemente femminile. Può parlarci di come questa idea è nata e per che tipo di pubblico l'ha sviluppata?
ZS: Io spero il film attragga chiunque, perché non penso che i ragazzi guarderanno le immagini e penseranno "Non voglio vedere questo film perché parla di un gruppo di ragazze con delle macchine da guerra!".
BS:
E comunque ci sono ragazze sexy, orchi, Samurai e tutte queste creature.

Orchi come quelli delle favole o come quelli di Tolkien?
ZS: Una specie di quelli tolkeniani.

Quali generi il film sfiora? C'è un po' di steampunk, ci sono elementi fantasy, c'è una base di fantascienza e ancora un po' di gotico e di horror. Può farci una lista?
ZS: Non so se ho una lista, ma posso provare a dirti qualcosa. Per me si tratta, come dicevo prima, di questo enorme concetto di sogno basato sul "perché no?". Mi sono detto, "C' è un enorme robot ed è come un Samurai alto dieci piedi... cos'altro? Quanto figo potrebbe essere? Magari uno dei Samurai ha un mini fucile e magari un altro potrebbe avere una mitragliatrice".

Ok. Allora a quale genere sicuramente non appartiene il film?

ZS: Commedia romantica... e non c'è western.

Avete deciso di non girare il film in 3D. sembra una decisione molto dura da prendere, soprattutto in un momento in cui tutti sembrano lavorare in 3D.

ZS: Sono stato molto impegnato per faccende personali e nella realizzazione del film e non vogliamo che il film sia stato fatto in maniera approsimativa, perché non è assolutamente così. La Warner Brothers ci ha dato una enorme opportunità e nemmeno loro volevano menomare il film. Io credo davvero in lui.
DS: Hanno visto un primo montaggio del film e hanno pensato che non ne avesse bisogno. Abbiamo pensato che il 3D potesse rovinare il film molto più che aiutarlo.

Durante il Comic Con abbiamo visto questo enorme coniglio robot. Vorrei sapere quanto importante è questo personaggio per avere addirittura un suo personal toy.
ZS: È semplicemente fantastico!
DS: C'è una spiegazione per il coniglio. Moltissime cose avvengono nei diversi livelli di realtà. Abbiamo cercato di usare solo delle parti. Pensandoci, quando sogni, spesso non vedi le immagini intere e se sei stressato da qualcosa vedi solo pezzi e piccoli suggerimenti di altre cose e questo è quello che volevamo ricreare nel film. Il coniglio è uno dei giocattoli che la sorella di Baby Doll tiene sul suo letto e c'è qualcosa di tragico che le accade. È davvero molto spaventoso.
ZS: Si, ma di per sé, il mecha è davvero favoloso!

Che voto dai a: Sucker Punch

Media Voto Utenti
Voti: 76
7.7
nd