Star Wars Celebration Orlando Day Two: Just Breathe...

La seconda giornata della Star Wars Celebration 2017 è stata interamente dedicata a Star Wars Gli Ultimi Jedi: ecco il nostro reportage da Orlando.

Star Wars Celebration Orlando Day Two: Just Breathe...
Articolo a cura di

L'argomento principe della seconda giornata di Star Wars Celebration ad Orlando è stato "Gli Ultimi Jedi". Ogni persona fin dalla mattina non ha fatto altro che parlare del prossimo attesissimo seguito. Il panel di Episodio VIII è stato presentato dall'attore comico Josh Gad, che ha introdotto tra "scroscianti applausi" il resto cast. Daisy Ridley, la bella Rey di rosso vestita, resta muta riguardo ad ogni domanda posta dall'impertinente presentatore: "Sei la figlia di Luke?" "Di cognome fai Skywalker?" "Di cognome fai Kenobi?", ma lei declina con sorrisi imbarazzati e sguardi eloquenti. Ci fa intuire che ogni speculazione riguardo a questo potrebbe essere sbagliata a priori.
John Boyega, Finn, vestito di bianco e nero (abito che richiama squisitamente la sua armatura da Stormtrooper) sottolinea la bellezza di tornare alla Celebration: l'anno scorso a Londra aveva presenziato durante la cerimonia di chiusura. L'attrice Kelly Marie Tran ci svela di più sul suo personaggio: si chiamerà Rose ed è un membro della Resistenza, e con Finn percorrerà un percorso parallelo a quello di Rey, che sarà presumibilmente per gran parte del film impegnata nell'addestramento Jedi con Luke. Il Maestro Skywalker: Mark Hamill, ancora una volta sul palco protagonista dello show, specifica di non essere al centro del film, nonostante con un solo sguardo ha lasciato tutti noi attoniti nella scena finale de ‘Il Risveglio Della Forza'. Il regista Ryan Johnson, che aveva sorpreso i fan durante la fila notturna per attendere all'evento, ci mostra la nuova locandina del film che ricorda senza dubbio quella classica del 1977, simbolo di "Una Nuova Speranza", e il teaser poster per "La Vendetta dei Sith" (2005) : per la prima volta notiamo una somiglianza incredibile tra Kylo Ren e suo nonno Anakin.

Il regista, sul finire, sentendo la nostra impazienza, con molto entusiasmo introduce il trailer. Lo avrete già visto, elucubrato, scansionato, spezzettato analizzato come ho fatto io, tuttavia so che nuovamente lo farete partire cliccando nel vide qui sotto:

L'energia creata dalle parole di Luke "Just Breathe..." che sembrava rivolgersi a me e al resto del pubblico piuttosto che alla sua apprendista è stata palpabile.
Due enigmatici minuti (e 5 secondi! Non li scordiamo!) di cui ormai sappiamo a memoria ogni fotogramma eppure non possiamo non commentare le cose più evidenti: Rey sta imparando a vedere attraverso la Forza. Compare il simbolo dei Jedi e subito dopo una struttura ramificata che ricorda Bendu (la Creatura nel mezzo tra il Lato Oscuro e il Lato Chiaro nella terze serie di Star Wars Rebels) presumibilmente la dimora di qualcuno (Luke?).

La posizione della cicatrice di Kylo Ren (per estetica) è stata modificata, lo ha specificato il regista in una serie di Tweet, gli stessi dove ha detto riguardo il titolo italiano al plurale "Gli Ultimi Jedi" di non "preoccuparsi delle traduzioni" e di averlo sempre inteso al singolare.
Riguardo al fatto che l'ultima frase del trailer sia "Il tempo della fine dei Jedi è giunto" il web si è scatenato sul fatto che Luke sia un "Jedi Grigio" cosa che personalmente trovo improbabile. Il "Jedi Grigio" è un Jedi che si è staccato dall'Ordine e dal seguire delle regole, come Ahsoka. Luke invece, citando Han Solo ne "Il Risveglio della Forza", è andato a cercare il "primo tempio dei Jedi" per cui ha interesse (o lo ha avuto) nel ricostituire un Ordine. Il termine poi va decontestualizzato dal canone attuale (dove comunque è presente solo formalmente) e potrebbero aver scelto un'altra definizione per il fatto che Luke sia in esilio. L'esperienza mi ha insegnato che tutto sarà il contrario di tutto, le nostre intuizioni potrebbero essere lontanissime dalla realtà, non ci resta che aspettare dicembre per scoprirlo.
Il pomeriggio continua con la foto di gruppo ufficiale della Rebel Legion: ogni anno durante questo evento i gruppi di costuming ufficiali come questo, riconosciuti da Lucasfilm (ovvero oltre ai ribelli la famosissima 501st Garrison e il gruppo Saber Guild) si ritrovano per una foto di gruppo che resta nella storia del fandom.

Io stessa faccio parte della Rebel Legion Italian Base, associazione benefica non a scopo di lucro, che si occupa di eventi di beneficenza spesso negli ospedali pediatrici, e all'occorrenza presenzia agli eventi ufficiali durante la promozione dei film e alle manifestazioni a tema. Partecipare significa fare un costume perfetto su tutti i fronti, farlo approvare tramite il forum internazionale e divertirsi insieme ad una grande e allargata famiglia mondiale. Mi ha commosso l'affetto che in quattro giorni degli sconosciuti mi hanno dimostrato solo per aver indossato un simbolo che ci accomuna tutti, quello del gruppo. Una delle Rey nella foto sono io: nel prossimo articolo vi parlerò di Star Wars Rebels e del primo episodio della quarta stagione che ho avuto modo di vedere in anteprima!

Che voto dai a: Star Wars - Gli Ultimi Jedi

Media Voto Utenti
Voti: 212
6.7
nd