Marvel

Spider-Man: No Way Home, quando il vero protagonista è Tobey Maguire

Pur non essendo in alcun modo confermato nel cinecomic di Jon Watts, il primo e storico spidey di Sam Raimi sembra rubare la scena a tutti.

Spider-Man: No Way Home, quando il vero protagonista è Tobey Maguire
Articolo a cura di

Il primo Spider-Man non si scorda mai. È un po' come il primo amore: nonostante alcune imperfezioni e l'inesorabile trascorrere del tempo, rimane qualcosa di indimenticabile, sconvolgente, unico. Eterno nel cuore per tutti i fan dell'Arrampica-Muri Marvel, il Peter Parker interpretato da Tobey Maguire nella trilogia cinematografica di Sam Raimi resta ancora oggi inimitabile, per molti anche irraggiungibile nonostante le ottime performance del reboot Sony-Marvel Studios di Jon Watts con protagonista Tom Holland. Spider-Man diversi, ovviamente, ognuno figlio dei propri tempi e dei propri autori, che però stando a insistenti rumor dovrebbero incontrarsi e collaborare nell'attesissimo Spider-Man: No Way Home in uscita il prossimo dicembre, anche in compagnia della versione Amazing di Andrew Garfield.

Interessante, al riguardo, la campagna promozionale messa in campo da Sony, che pur confermando il ritorno di alcuni grandi villain del passato - dal Doc Ock di Alfred Molina al Goblin di Willem Dafoe (ma anche l'Uomo Sabbia di Spider-Man 3), non si è ancora minimamente slacciata sull'eventuale ritorno nel costume dell'Uomo-Ragno di Maguire e Garfield, lasciando i fan orfani di qualsivoglia ufficialità.

Risulta emblematico e quasi assurdo l'hype generatosi attorno alla presenza del primo Spidey cinematografico, che potrebbe rivelarsi il peggior segreto di pulcinella degli ultimi anni o la migliore strategia di marketing dello studio, visto che de facto il probabile comeback di Maguire sta fagocitando quasi ogni altro aspetto della chiacchierata produzione.

Maguire o non Maguire in No Way Home

Recentemente Jon Watts ha definito il suo No Way Home come uno Spider-Man: Endgame, chiarendo soprattutto le grandi ambizioni del progetto, praticamente paragonabili alla mastodontica conclusione dell'Infinity Saga del MCU.

L'aspirazione è stata quella di confezionare un prodotto il più spettacolare, avvincente e conclusivo possibile (per lo meno di questa prima trilogia), provando al contempo a introdurre definitivamente il Multiverso in chiave cinematografica, muovendosi al suo interno e rendendolo parte integrante del tessuto narrativo del racconto. Per fare questo, l'idea avuta da Watts, gli sceneggiatori e Kevin Feige è stata quella di mostrare direttamente le grandi potenzialità e i pericoli del Multiverso, lasciando tornare in azione sul grande schermo e tutti insieme alcuni famosi nemici ancora sconosciuti allo Spidey di Holland ma ben noti alle sue altre Varianti. Come già riportato e confermato, infatti, nel film saranno presenti Doctor Octopus, Green Goblin, l'Electro interpretato da Jamie Foxx e Sandman (forse anche Lizard), fattore che unito alle voci di corridoio dell'ultimo anno porta a pensare a un ovvio arrivo degli Spider-Man di Maguire e Garfield, che resta però ancora un mistero.
Che siano poi dei cameo di pochi minuti o dei ruoli più sostanziosi, poco importa: al momento i fan dell'Arrampica-Muri Marvel e del MCU vogliono solo sapere se i due faranno effettivamente parte del cinecomic oppure no.

La risposta sembra poi ovvia a tuti. In questa delicata fase promozionale di Spider-Man: No Way Home (cominciata comunque molto tardi e forse per tutelare i contenuti del film) a prendere piede su tutto è proprio il nome di Maguire, quell'indimenticabile e immortale primo amore che tutti gli appassionati non vedono l'ora di riabbracciare virtualmente nel buio di una gremita sala cinematografica.

I trend su Twitter parlano chiaro: è lui uno dei personaggi più discussi del momento insieme al film a cui dovrebbe prendere parte. Così in voga tra il cinguettio del social network da trascinare in trend Twitter il mai realizzato Spider-Man 4 di Sam Raimi, che i fan più fantasiosi pensano per altro sia stato annunciato indirettamente da Sony come uno dei tre enigmatici titoli senza nome in uscita nel 2023.

Non si fa che discutere di questo: tornerà o non tornerà Maguire? Ignorando persino Garfield: l'importante, l'essenziale, è Maguire. Passano poi in secondo piano (comunque di rilievo, ben inteso) il ruolo di Doctor Strange, il viaggio effettivo nel Multiverso, le parti che ricopriranno in termini d'intreccio i tanti villain in gioco.

È solo ed esclusivamente Tobey Maguire a essere così tanto chiacchierato, e se dovesse manifestarsi siamo certi cannibalizzerebbe in buona parte attenzione e interesse del grande pubblico. Che si riveli allora un segreto ben celato ma idealmente mal nascosto o una mossa promozionale, la realtà è una sola: in questo possibile ritorno di Maguire Sony ha un grande, grandissimo asso nella manica che sta giocando nel modo migliore possibile, catturando appassionati della prima e dell'ultima ora, pubblico generalista e stampa di settore nell'astuta tela del ragno.

Quanto attendi: Spider-Man: No Way Home

Hype
Hype totali: 218
82%
nd