Marvel

Spider-Man: Far From Home, Mysterio e il Multiverso nella tela del ragno

A poco più di un mese dall'uscita nelle sale, approfondiamo rumor e conferme del capitolo conclusivo della Fase 3 del MCU.

speciale Spider-Man: Far From Home, Mysterio e il Multiverso nella tela del ragno
Articolo a cura di

Lontano da casa nel film - come suggerisce il titolo - ma sempre più vicino all'uscita nelle sale. Dopo aver assistito al suo ritorno nel memorabile Avengers: Endgame, Spider-Man è infatti pronto a tornare in azione nell'atteso Far From Home, sequel dell'Homecoming del 2017 ancora una volta diretto da Jon Watts e interpretato dall'atletico Tom Holland. È un capitolo che tirerà le fila della Fase 3 del Marvel Cinematic Universe, segnandone la conclusione effettiva, lasciando che la sua presenza al cinema serva d'accompagno alle rivelazioni ufficiali sulla Fase 4, oggi un mistero meno grande di ieri ma pur sempre criptica e non del tutto chiara.
Durante la gita europea di Peter Parker e compagni è comunque certo che saranno affrontati diversi punti consequenziali agli eventi della Fine dei Giochi, così come una nuova, dolorosa presa di coscienza del nostro protagonista, eppure sono ancora molti i punti da chiarire. Ce ne sono diversi, provenienti da vari rumor o presunti report, due in particolare riempiono i sogni dei fan più sfegatati dell'Arrampica-Muri di casa Marvel: quanto sarà approfondito il Multiverso e le reali intenzioni di Mysterio (Jake Gyllenhaal).
A un mese dall'uscita, anche grazie al marketing illuminato della Sony (coadiuvato dai Marvel Studios), le risposte sono tutt'altro che certe, le conclusioni poco effettive e concrete, come stringere una massa fumosa in un pugno. Possiamo però approfondire le ultime novità sul film, cercando di trovare il bandolo della matassa sulle questioni più importanti.
[ATTENZIONE, POSSIBILI SPOILER A SEGUIRE]

Identificativo dimensionale

Ne abbiamo già parlato ed è stato confermato più volte: in Spider-Man: Far From Home verrà introdotto il Multiverso Marvel. Di che si tratta? In termini editoriali, dunque fumettistici nel caso specifico, è un escamotage narrativo pensato da molti scrittori per raccontare gli stessi personaggi con storyline differenti. Funziona così: l'Universo è elastico ed esistono una moltitudine di dimensioni, che però non si influenzano reciprocamente. Questo permette di rilanciare e reinventare qualsiasi personaggio con storie ed elementi sempre differenti, senza andare a intaccare minimamente la solidità stilistica o narrativa di una storia precedente, magari persino conclusiva. È la porta editoriale verso l'eternità, che a quanto pare i Marvel Studios hanno deciso di adottare anche nel loro Universo Cinematografico, lasciando anzi collidere le Dimensioni.
Per ogni dimensione, un universo. Per ogni universo, una Terra. Ce ne sono svariate, di ogni tipo, alcune persino assurde, ma quella della continuity principale del MCU - e dunque di Far From Home - è la Terra-616, un numero identificativo come un altro, che non nasconde niente di particolare.
Nella Terra-616 è scoppiato il disastro relativo a Thanos, che è andato poi a influenzare con le Gemme dell'Infinito tutto il Multiverso, a quanto pare scombinandolo e aprendo una faglia dimensionale, la stessa utilizzata dal Mysterio della Terra-833 per raggiungere la nostra continuity.

È tutto dichiarato e spiegato in uno degli ultimi trailer di Spider-Man, dove anzi si percepisce anche l'intenzione di approfondire in parte questa macro-struttura durante gli eventi del film, che vedranno Spider-Man combattere al fianco del Mysterio-833 la minaccia degli Elementali, esseri anch'essi provenienti (forse) dalla stessa dimensione del Quentin Back alternativo.
Dicevamo però delle poche certezze, infatti tutto questo è una premessa alla storia e ad alcuni possibili plot twist che darebbero uno scossone continuo alla trama, specie in riferimento alla natura stessa di Mysterio.

Inganni

Quello che sembra aver fatto Jon Watts con Spider-Man: Far From Home è giocare con i personaggi e il setting impostato da Endgame. Hai più dimensioni e dunque più personaggi, che come la storia della fantascienza ci insegna possono essere fisicamente identici ma moralmente ed eticamente agli antipodi. Il fatto di avere un Multiverso potrebbe significare per Peter il desiderio di rivedere ancora Tony Stark, ovviamente quello di una delle altre Terre - e chissà che non possa riuscirci -, ma nel suo mondo deve fare i conti con la morte del mentore e amico, interiorizzarne la scomparsa e raccoglierne l'eredità supereroistica.
A oggi, appare chiaro come uno dei motori centrali del cinecomic sia l'incertezza o l'inganno, soprattutto guardando al tratteggio di Mysterio, uno delle più grandi nemesi di Spider-Man qui invece affabile alleato, in più sequenze quasi amico, dispensatore di buoni consigli. Cosa nasconde, in realtà?
Magari nulla. Tutto è come ci viene presentato, rendendo questa versione di Quentin Back un effettivo esule della Terra-833 pronto a dare la caccia agli Elementali per distruggerli, cercando al contempo una strada per tornare a casa.

Potrebbe però anche nascondere tutto, rivelandosi il solito cattivo sotto mentite e buone spoglie, servendosi del dolore di Peter per i suoi scopi, addirittura puntando a un'alleanza con lui nella Terra-616 per mascherare le sue reali intenzioni. Potrebbe essere lui a sguinzagliare gli Elementali, nascosto dietro a un piano ben più grande e congegnato, forse per vendicarsi di qualche torto subito.

Potrebbero poi esserci due Mysterio: quello della Terra-833 e quello della Terra-616. Pensando sempre al giocare con i personaggi, chissà se Watts non abbia addirittura pensato a un incrocio tra i due, magari con il Mysterio cattivo che decide di sostituirsi a quello buono (intrappolandolo, uccidendolo ecc.) e ingannare - appunto - Peter, portandolo dalla sua parte, cambiando la realtà con i suoi sporchi trucchi. In fondo è proprio questa la natura del personaggio: ineffabile, enigmatica, mendace. Un vero mistero.

Che voto dai a: Spider-Man: Far From Home

Media Voto Utenti
Voti: 129
7.9
nd