Space Jam: A New Legacy, una grande eredità sulle spalle di LeBron James

Space Jam: A New Legacy è realtà, LeBron James e Bugs Bunny sono pronti a scendere in campo in questa nuova avventura.

Space Jam: A New Legacy, una grande eredità sulle spalle di LeBron James
Articolo a cura di

Warner Bros. ha recentemente diffuso il primo poster, con tanto di data d'uscita, legato a Space Jam: A New Legacy, generando, come facilmente preventivabile, un vero e proprio scisma tra i flussi del web. Simbolo degli anni '90, il primo e iconico capitolo di questo brand è rimasto scolpito nei cuori e nelle menti del pubblico tanto da far accogliere la notizia in una maniera alquanto dicotomica: è giusto o meno andare a intaccare quella preziosa gemma cinematografica con un sequel così distante? Parecchie domande, ma altrettante sono le possibili risposte in grado di motivare la scelta di questa operazione che non oseremmo definire nostalgica, bensì smart, intelligente.
Iniziamo dunque a fare chiarezza assieme, pur sottolineando come al momento di dettagli sulla pellicola se ne sappiano ben pochi se non che sarà disponibile nelle sale cinematografiche (salvo eventuali ritardi causati dal COVID-19) a partire dal 16 luglio 2021.

Un ponte generazionale

Il primo Space Jam ha influito tantissimo nella diffusione globale della pallacanestro. La pellicola infatti andava a posizionarsi in un momento particolare della carriera di Michael Jordan, e se vedrete The Last Dance su Netflix capirete ancora di più il motivo. Una figura leggendaria della NBA che ispirò tanti altri artisti a fondere nelle loro idee questo sport sfruttando il suo carisma e l'ambiente creatosi intorno a lui: citiamo Slam Dunk, il manga di Takehiko Inoue che prese spunto dai Chicago Bulls del #23 per i propri personaggi e la loro caratterizzazione.

Comprendete dunque quanto Space Jam sia uno dei ricordi più belli dell'infanzia di tante persone che scoprirono, ciascuno in maniera del tutto soggettiva, l'amore per il basket o per il cinema stesso grazie alla tecnica mista che mescolava scene reali ad altre animate.
La presenza dei Looney Tunes fu un grande mezzo per far evolvere il concetto stesso di cartone animato verso gli occhi di un pubblico più maturo: insomma, quel film riuscì in un colpo a unire così tante generazioni diverse per età e per interesse in maniera straordinaria.

Riportando il tutto ai giorni nostri, consci di quanto sia impossibile replicare le atmosfere anni '90, poniamo questa domanda: è così difficile creare un ponte generazionale tra la vecchia guardia e i millennials? Analizzando il trend della distribuzione cinematografica degli ultimi anni, non ci sono stati prodotti del genere in grado di riproporre un risvolto sociale di tale natura. I bambini e gli adolescenti di oggi conoscono Space Jam? Dato il lasso di tempo tra il primo capitolo e questo, potremmo immaginare di no. La mossa di Warner è coerente, e il momento è propizio sebbene ci sia una più che ovvia dose di rischio d'impresa data l'importanza del brand.

LeBron James e Bugs Bunny: scintille sul parquet

Sappiamo bene che molti appassionati, soprattutto dopo la triste perdita di inizio 2020, avrebbero voluto vedere Kobe Bryant in Space Jam: A New Legacy ma, se avete una buona conoscenza del personaggio, sapete meglio di noi quanto sarebbe stato poco adatto caratterialmente al ruolo rispetto a LeBron James.
Non stiamo parlando di abilità cestistiche bensì di quelle da "fenomeno da palcoscenico" che solamente l'attuale leader dei Los Angeles Lakers, in tanti anni di carriera, è riuscito a garantire al carrozzone chiamato NBA.

Gesti iconici prima della palla a due, schiacciate con espressioni mimiche e facciali riprese ovunque e molto altro ancora lo rendono il giusto protagonista della pellicola. Rispetto a Jordan, potrebbe addirittura essere così fuori le righe da donare quel pizzico di brio in più al film.
L'elemento particolare in tutto questo discorso è pensare alla carriera stessa di LeBron James messa, pur vincendo anelli su anelli con prestazioni al limite della fantascienza, costantemente in confronto a quella del giocare di basket più influente del pianeta.

Che questo stimolo persistente nella sua vita non porti James a dare il massimo anche in Space Jam: A New Legacy? Conoscendo il mastodontico ego del Re (per chi non è avvezzo al mondo della NBA, è proprio uno dei suoi soprannomi), è facile pensare a una serie di acrobazie tali da essere paragonate al suo punto di riferimento e, perché no, addirittura migliorate in termini di spettacolarità.
Parliamo di diverse ere della pallacanestro, sport notevolmente cambiato anche a causa delle sempre migliori prestazioni degli atleti. A tal proposito giocheranno un fattore determinante anche tutte le altre "stelle" NBA chiamate in causa all'interno del film.

Infine è doveroso ipotizzare il già atteso rapporto con Bugs Bunny, leader carismatico dei Tunes, pronto ad avere al suo fianco un nuovo Campione. Cambieranno le carte in tavola? Sarà il famelico mangiatore di carote a guidare LeBron James in un'avventura al limite di ogni immaginazione umana o, come accaduto in passato, la paura e il timore di perdere qualcosa di caro giocheranno a sfavore del coniglio più amato di sempre?
Di una cosa siamo certi, se tanti dialoghi si baseranno sullo slang moderno rideremo fino a non finire tra battute legate ai social network (dove James è protagonista indiscusso) e non solo.

Fedeli al passato, ma non troppo

Bisognerà poi essere rispettosi del primo Space Jam, ma fino a un certo punto. Il timore di vedere una rivisitazione in chiave moderna del primo capitolo è indubbio considerando la ben nota moda di utilizzare "l'usato sicuro". D'altra parte non vorremmo uno stravolgimento tale da far perdere quella armoniosa magia ritrovata all'interno della primissima avventura cestistica di Bugs Bunny, Lola Bunny, Duffy Duck e tutti gli altri Looney Tunes.

Speriamo in un compromesso che vada a strizzare l'occhio al passato introducendo almeno un dettaglio roboante che possa caratterizzare Space Jam: A New Legacy come possibile simbolo di questi tempi.
Proprio come accaduto per il primo negli anni '90, un capitolo del brand figlio del tempo in cui è stato prodotto. Il sottotitolo stesso, per quanto non faccia dell'originalità il suo marchio, sembra puntare verso un nuovo corso che possa far sognare ancora grandi e piccini.

Quanto attendi: Space Jam 2

Hype
Hype totali: 53
72%
nd