Speciale So cosa eye fatto: Vin Diesel

Il calvo, roccioso, minaccioso protagonista di Fast and furious

INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Aria minacciosa, corporatura che non passa certo inosservata e capigliatura... quale capigliatura?
Per il terzo appuntamento con lo spazio volto a ripercorrere velocemente ed in maniera sintetica vita e carriera di una star della settima arte, non potevamo scegliere altro che il newyorkese Mark Vincent Sinclair III, meglio conosciuto come Vin Diesel, nome che adottò quando lavorava come buttafuori presso il Tunnel, nightclub della Grande Mela.
Del resto, con Fast & furious 5 in arrivo nelle nostre sale cinematografiche, celebrarne il roccioso protagonista non ci sembrava affatto una cattiva idea; precisando, però, che, per quanto riguarda la frenetica saga incentrata sulle corse automobilistiche clandestine, vi rimandiamo al nostro apposito speciale visibile qua.

La voce del Diesel

Nel corso della sua carriera, Vin Diesel, oltre a recitare, si è spesso cimentato come doppiatore. Infatti, possiamo ascoltare la sua voce non solo nei videogiochi The Chronicles of Riddick: Escape from Butcher Bay, The Chronicles of Riddick: Dark Fury, Wheelman e The Chronicles of Riddick: Assault on Dark Athena, ma anche nel cartoon di Brad Bird Il gigante di ferro, del 1999.

Chronicles of Vin

Ed è il 18 Luglio del 1967, da padre afroamericano che non ha mai conosciuto e madre di origini siciliane, che il futuro Domic Toretto viene alla luce, rimanendo affascinato dalla recitazione a partire dal giorno in cui, a soli sette anni, si trova, insieme a suo fratello e ad alcuni amici, a prendere parte alla rappresentazione per bambini Dinosaur door, presso il teatro di New York situato al Greenwich Village. Rappresentazione nella quale vengono inclusi per punizione, in quanto tempo addietro causarono danni proprio al teatro, senza immaginare minimamente che ciò avrebbe rappresentato il primo contatto con il mondo dello spettacolo per colui che, dopo aver studiato come attore, si trova a fare un'apparizione come inserviente d'ospedale nel drammatico Risvegli, diretto da Penny Marshall nel 1990 ed interpretato da Robert De Niro e Robin Williams.
Ruolo che anticipa di otto anni quello del soldato Caparzo ricoperto in Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg, al quale prende parte solo dopo aver diretto ed interpretato prima lo short Multi-Facial, presentato nel 1995 al Festival di Cannes, poi il lungometraggio Strays, incentrato nel 1997 sulle difficoltà di un attore in cerca di lavoro.

Di(vin)o

E' però il periodo 2000-2002 quello che consacra definitivamente Diesel a star del cinema a stelle e strisce.
Periodo in cui, oltre ad interpretare 1 Km da Wall Street di Ben Younger, anche conosciuto con il titolo Affari ad alto rischio ed ambientato nel mondo della finanza, e la storia di malavita Compagnie pericolose, diretta a quattro mani da Brian Koppelman e David Levien, entra a far parte dell'immaginario collettivo sia con il succitato Toretto che con altri due personaggi: l'agente segreto Xander Cage che, affiancato dalla nostra Asia Argento, ne combina di tutti i colori in xXx di Rob Cohen, e lo spietato criminale Riddick del già cult Pitch black di David Twohy, alle prese con misteriose e sanguinarie creature su un pianeta deserto.
Personaggio, quest'ultimo, poi ripreso nel 2004 nel tanto costoso quanto brutto sequel The chronicles of Riddick, concepito da Twohy accentuando i toni fantascientifici e diminuendo notevolmente quelli horror.
Ma solo dopo aver concesso anima e corpo, l'anno precedente, all'agente della DEA Sean Vetter nel non disprezzabile Il risolutore di F. Gary Gray, in cui va alla vendicativa ricerca del misterioso Diablo, responsabile della morte di sua moglie.

Ultime gocce di Diesel

E' invece del 2005 il pessimo Missione Tata di Adam Shankman , nel quale, probabilmente ricalcando le orme di macho-men della settima arte quali Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger, capaci di cimentarsi nelle commedie tra un action-movie e l'altro, si ricicla in chiave brillante nei panni di Shane Wolfe, agile marine cui viene assegnato l'incarico di proteggere i figli di uno scienziato, assassinato mentre stava lavorando ad un'invenzione segreta.
Nel 2006, al di là di un'apparizione non accreditata nel terzo Fast and furious, lo troviamo al servizio del compianto Sidney Lumet per il giudiziario Prova a incastrarmi, in cui, invecchiato, ingrassato e perfino provvisto di capelli, interpreta il mafioso Jackie DiNorscio, dimostrando di non essere soltanto una "macchina umana da action-movie" e conquistando la critica.
Dopo essere stato produttore esecutivo, l'anno successivo, del cineVgame Hitman-L'assassino di Xavier Gens, lo troviamo nel 2008 protagonista di Babylon A.D., pasticcio fantascientifico dalla lavorazione travagliata a firma di Mathieu Kassovitz; cui fa seguito, nel 2009, il quarto Fast and furious, destinato a segnare il suo effettivo ritorno nella serie, tanto da dirigere ed interpretare anche il cortometraggio Los bandoleros, ad essa legato.
Mentre attendiamo il più volte annunciato terzo film incentrato sul personaggio di Riddick e xXx: The return of Xander Cage, diretto come il capostipite da Rob Cohen e che non dovrebbe tenere conto del secondo capitolo della saga, diretto da Lee Tamahori ed interpretato da Ice Cube nel 2005.