Resident Evil: Welcome to Raccoon City, cosa ci rivelano le prime foto?

Analizziamo i dettagli e le curiosità trapelate online sul reboot cinematografico di Resident Evil dopo il reveal ufficiale del progetto.

Resident Evil: Welcome to Raccoon City, cosa ci rivelano le prime foto?
Articolo a cura di

Tra i titoli più leggendari e apprezzati del panorama videoludico tutto, un posto d'eccellenza nel cuore di molti lo ha senza dubbio il franchise di Resident Evil, progetto iniziato nel 1996 sotto l'egida Capcom e ideato dal mitico Shinji Mikami insieme al collega Tokuro Fujiwara. Ancora oggi è una IP di portata incredibile e amata da un gran numero di videogiocatori, adattata anche per il grande schermo nell'omonima saga cinematografica firmata da Paul W.S. Anderson e interpretata dalla moglie e attrice Milla Jovovich, senza poi considerare il prosieguo stesso della serie con remake e nuovi capitoli in continua uscita. Un prodotto, insomma, impossibile da non opzionare per un'ulteriore e più sostanziosa espansione trans-mediale, che a conti fatti si svilupperà adesso in una serie televisiva targata Netflix e in un film reboot intitolato Resident Evil: Welcome to Raccoon City.

Dello show originale del colosso dello streaming conosciamo pressoché tutto il cast e nulla più, ma è invece del progetto cinematografico che sono recentemente approdate online le prime immagini ufficiali e anche diversi dettagli e curiosità sulla storia e lo sviluppo dello stesso. In questo righe proveremo allora a raggruppare insieme tutte le informazioni e a dare una nostra lettura del film, decisamente molto atteso dai fan perché prometterebbe di "rendere finalmente giustizia a una delle saghe horror più amate di tutti i tempi".

Azzardo biologico... o cinematografico?

Essendosi ormai concluse da mesi le riprese ed entrato in piena fase finale post-produttiva, Resident Evil: Welcome to Raccoon City è praticamente ormai prossimo all'arrivo, attualmente previsto nei cinema americani per il prossimo 24 novembre 2021. Sony Pictures lo ha messo in cantiere poco dopo la fine della serie filmografica di Anderson, procedendo lentamente per capire come rilanciare al meglio il progetto sempre in chiave cinematografica.

Non che ci volesse poi molto, onestamente, considerando il distacco narrativo e contenutistico di quei titoli rispetto al prodotto originale, e infatti lo studio ha deciso di riproporre in sala l'IP aderendo con molta più fedeltà al materiale videoludico, trasponendolo se non perfettamente quantomeno in modo perfettibile, comunque visivamente solido e legato alle atmosfere, ai costumi, ai mostri e ai personaggi visti e giocati sulle diverse generazioni di console.
Per farlo, i produttori hanno optato su di un taglio autoriale, dove si intende l'affidamento della regia e della sceneggiatura a un solo nome, quello di Johannes Roberts, filmmaker fattosi conoscere nel genere dei survival movie e dell'horror grazie a The Strangers 2 e a 47 Metri. Regista sinceramente interessante e soprattutto consapevole del lavoro di cesellatura da svolgere intorno al reboot, che infatti nel corso dello sviluppo ha sempre tenuto presente il videogioco "come stella polare da seguire". "Abbiamo lavorato a stretto contatto con Capcom", ha dichiarato Roberts in una recente intervista, "Ogni personaggio e creatura proviene dal gioco originale perché volevo essere il più fedele possibile alla saga. Volevo creare una sensazione davvero coinvolgente per i fan".

Ha anche spiegato come "il film abbia un suo look autentico" e che le creature che vedremo in Welcome to Raccoon City sono state create "utilizzando un mix di protesi e CGI"; mostri che gli appassionati di Resident Evil riconosceranno comunque immediatamente.

La storia è poi ambientata nel 1998 ed esplorerà - come si legge in sinossi - i segreti della Spencer Mansion, ricreando sostanzialmente gli eventi del primo capitolo della saga videoludica e mixandoli attivamente con il secondo. Per questo i protagonisti sono praticamente i principali personaggi della serie: Claire Redfield (Kaya Scodelario), Chris Redfield (Robbie Ammell), Jill Valentine (Hannah John-Kamen), Leon Scott Kennedy (Avan Jogia), Albert Wesker (Tom Hooper) e Ada Wong (Lily Gao).

Dalle prime immagini trapelate online, il look dei personaggi sembra rispettare pedissequamente quello videoludico, con Clarie e il suo iconico giubbino rosso, Leon e la divisa da RPD, maniche corte e giubbotto antiproiettile per Chris.

La sensazione apparente, almeno al primo impatto, è però che si sia tentato così tanto di avvicinarsi a quegli standard estetici da esagerare un po' troppo e trasformare i protagonisti in inconsapevoli cosplayer. È solo una sensazione, al momento, che speriamo possa essere diradata dalla visione del film, che comunque sembra promettere le giuste atmosfere ansiogene e terrificanti, si spera con il giusto mix d'azione e virtuosismo. In attesa di vedere qualcosa di più completo in un primo trailer ufficiale, comunque, ci auguriamo che Resident Evil: Welcome to Raccoon City possa a tutti gli effetti e non solo idealmente rendere giustizia a un titolo tanto importante e blasonato in chiave mainstream, per un rilancio cinematografico valido che possa generare consenso e ovviamente gli sperati sequel. Considerando la presenza di James Wan alla produzione, poi, le aspettative crescono ulteriormente.

Quanto attendi: Resident Evil: Welcome to Raccoon City

Hype
Hype totali: 45
70%
nd