Netflix

Red Notice è un successo: come potrebbe proseguire il franchise Netflix?

Analizziamo insieme i possibili sviluppi narrativi dei futuri capitoli del franchise con protagonisti The Rock, Ryan Reynolds e Gal Gadot.

Red Notice è un successo: come potrebbe proseguire il franchise Netflix?
Articolo a cura di

Numeri da capogiro per Red Notice in queste due settimane dal suo arrivo in streaming. L'heist-action comedy scritto e diretto da Rawson Marshall Thurber ha infatti generato visualizzazioni per la bellezza di 277.9 milioni di visite, divenendo il secondo film più visto di sempre su Netflix. Per scalzare l'ancora imbattuto Bird Box con Sandra Bullock servono altre 4 milioni di ore, ma il titolo con protagonisti Dwayne "The Rock" Johnson, Ryan Reynolds e Gal Gadot sembra voler raggiungere questo obiettivo e togliere dal trono il rivale.

Al netto dei numeri e dell'incredibile successo commerciale per il servizio di Reed Hastings, Red Notice è stato molto apprezzato dal grande pubblico (92% di score audience su Rotten Tomatoes) rispetto a una più fredda critica internazionale (35%), motivo che ha spinto Marshall Thurber a sbilanciarsi non poco sulla messa in produzione di ben due sequel di Red Notice, su cui proprio l'autore dice di avere le idee chiare. Proviamo allora a capire come e quando arriveranno questi nuovi capitoli e come potrebbe proseguire la storia di John Hartley, Nolan Booth e Sarah Black.

Ricercati internazionali

Stando alle parole del regista, l'intenzione sarebbe quella di girare il secondo e il terzo capitolo del franchise Netflix back-to-back, dunque insieme o uno dopo l'altro. Come suggerito proprio da Thurber, la produzione sarebbe davvero gigantesca e il modo più intelligente per terminare il lavoro sarebbe una tabella di marcia in continuity dal punto di vista delle riprese e poi una grande attenzione alla post-produzione.

Anche se l'autore ne ha parlato come di un'idea ipotetica, guardando all'incredibile successo di Red Notice e agli introiti che sta generando è facile pensare che il via libera al progetto arriverà molto presto, essendo già accaduto per Extraction con Chris Hemsworth (qui la nostra recensione di Tyler Rake), che con le sue 270 milioni di ore di visione è oggi il terzo film più visto di Netflix. La domanda è: come potrebbe proseguire la storia? Va da sé che Marshall Thurber non tradirà una formula che sembra aver funzionato sul pubblico di massa, riproponendo dunque un secondo e poi terzo mix funzionale di commedia, azione e rapine con tre grandi e divertenti (e divertiti) protagonisti. Dopo la rivelazione nel finale del primo film, con John Hurtley scopertosi in realtà la seconda testa dell'Alfiere e marito di Sarah Black, le dinamiche del rapporto tra lui e Nolan Booth cambieranno certamente. Non c'è più un'identità da nascondere e il piano centrale del colpo non riguarda più né le Uova di Cleopatra né tantomeno lo stesso Booth; dunque a cambiare sarà direttamente il focus del progetto, così come la figura stessa di Hurtley, che dovrà dimostrarsi a tutti gli effetti l'ottimo ladro che è, oltre a dover tenere fede ad alcuni obblighi coniugali con la compagna e collega.

Nuove prospettive

Di certo muteranno gli equilibri: l'Alfiere e Booth collaboreranno insieme per mettere in atto quello che il personaggio di Ryan Reynolds ha descritto come un colpo ben più remunerativo delle Uova di Cleopatra. Nell'immagine finale di Red Notice, il trio si accinge a entrare al Louvre di Parigi, uno dei musei più grandi e importanti del mondo dove sono custodite opere d'arte senza prezzo ma che fa subito pensare alla Gioconda di Leonardo Da Vinci. Che vogliano rubare proprio la Monna Lisa? Sarebbe effettivamente un colpo importante, specie se messo in atto dai due migliori ladri al mondo, che ricordiamo essere adesso ricercati con bollino rosso dall'INTERPOL, guidata dall'ispettrice Urvashi Das.

Ovviamente ci aspettiamo che Marshall Thurber espanda a dismisura il sottobosco criminale di ladri e personaggi evocativi come Sotto Voce nel corso dei successivi due capitoli della storia, regalandoci magari un villain sopra le righe e fuori di testa, nonché un giro per il mondo memorabile. Potrebbe così approfittare dell'occasione anche per migliorare il tiro sensazionalistico e cinematografico delle sequenze d'azione, rendendole più uniche e appaganti, e cercare di equilibrare ancora di più il comparto comedy con il colpo vero e proprio, inventando soluzioni anche più azzardate ma d'impatto.

Sapere poi come evolverà con certezza un franchise ancora in erba e così aperto come Red Notice è impossibile, ma i punti programmatici sopra descritti ci sembrano una buona partenza per creare qualcosa che possa andarsi a inserire con decisione tra Indiana Jones, John Wick e Fast & Furious, portando certamente più ironia che altro, sicuramente in modo derivativo eppure funzionando a dovere, per intrattenere al meglio delle sue possibilità.

Quanto attendi: Red Notice

Hype
Hype totali: 20
70%
nd