Netflix

Netflix Italia: dal cinema a Zerocalcare, tutti i nuovi annunci

Da un interessante hesit movie storico fino alla nuova serie animata di Zerocalcare: si espandono i progetti nostrani della piattaforma streaming.

Netflix Italia: dal cinema a Zerocalcare, tutti i nuovi annunci
Articolo a cura di

L'occasione è quella dell'inaugurazione della nuova sede italiana di Netflix in via Boncompagni, nel cuore di Roma. Un evento di presentazione in grande stile, pensato per essere anche e soprattutto momento di conferma dell'impegno del colosso dello streaming in Italia. Le tre parole chiave sono: varietà, qualità e autenticità, e pure se bisognerà attendere l'uscita dei prodotti per capire la bontà degli stessi, passione e originalità ci sono. Si parla di cinema e serie tv, e proprio in onore della vecchia e mitica "Dolce Vita" romana, quella del mondo della settima arte, la sede non poteva che aprire a due passi dalla storica via Vittorio Veneto.

In una cornice moderna e meravigliosa è stato dunque presentato un primo palinsesto delle prossime stagioni streaming italiane targate Netflix, onorati dalla presenza in loco del suo stesso fondatore, Reed Hastings, che ha spiegato: «È un vero piacere aver finalmente messo radici in Italia, paese che ha una storia culturale e cinematografica di primaria importanza. L'apertura dell'ufficio di Roma è un chiaro segno del nostro impegno a lungo termine nel paese e ci permetterà di lavorare ancora più a stretto contatto con la comunità creativa italiana per realizzare una varietà di grandi show e film made in Italy». Scopriamo allora questi titoli.

I film Netflix made in Italy

Sono in tutto cinque i lungometraggi originali presentati da Sara Furio, direttrice dei film per l'Italia, all'evento, tutti senza data ma di prossima uscita, presumibilmente entro la fine dell'anno. Si inizia con Love & Gelato di HT Film, scritto e diretto da Brendon Camp. Si tratta di un coming of age dedicato a una ragazza americana, Lina, alla ricerca di se stessa e delle proprie radici in una scintillante Roma. C'è poi Per lanciarsi dalle stelle, diretto da Andrea Jublin e ispirato all'omonimo romanzo di Chiara Parenti. La storia racconta di Sole, ragazza di 25 anni che affronta il disturbo d'ansia. Un racconto d'accettazione e rinascita. La sceneggiatrice ha dichiarato: «Volevamo trattare il tema in modo responsabile, con empatia e profondità, uscendo da ogni tipo di stereotipo e pregiudizio». Arriva anche un sequel: Sotto il sole di Amalfi, secondo "capitolo" di Sotto il solo di Riccione. Tra i protagonisti ritroviamo Lorenzo Zurzolo, Isabella Ferrari e anche Luca Ward.

Alla fine i due film più interessanti e di genere. Il primo è Il mio nome è Vendetta, prodotto da Colorado Film e scritto e diretto da Cosimo Gomez. Si tratta di un adrenalinico revenge movie ricco d'azione e sopravvivenza, ambientato nell'Italia del Nord. Protagonista un agguerrito Alessandro Gassman, che ha rivelato: «Mi sono rimesso in forma in 4 mesi, che alla mia età non è cosa facile. Quindi grazie, Netflix. Mi è piaciuto molto lavorare a questo film. Ammazzo un sacco di persone e onestamente mi sono così divertito a girarlo che potrei e vorrei continuare a fare solo questo».

Infine il titolo forse di punta, tra questi primissimi annunci: Rapiniamo il Duce. Si tratta di un ambizioso heist movie ambientato negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale, nel 1945 a Miano. Protagonisti della storia sono dei piccoli delinquenti che decidono di rubare il tesoro di Mussolini. La gemma preziosa del progetto è il cast: Pietro Castellitto, Matilda de Angelis, Maccio Capatonda, Filippo Timi e Isabella Ferrari.

Nuova linfa alle serie italiane Netflix

L'arrivo di alcune era stato già annunciato. Parliamo soprattutto di Di4ri e de La vita bugiarda degli adulti tratto da Elena Ferrante, con protagonisti Valeria Golino e Alessandro Preziosi. Tra scripted e non fiction, gli show in arrivo su Netflix sono molti.Più precisamente, in post-produzione o in dirittura d'uscita sono 5, ancora in pre-produzione o primissime fasi produttive sono invece 8. Tra le prime - comprese le due già citata - troviamo Lidia Poet con Matilda de Angelis nei panni della prima donna avvocato italiana, ambientata a fine '800 a Torino. Nel cast anche Eduardo Scarpetta.

Tinny Andreatta, vice presidente delle serie originali italiane, in merito ha dichiarato: «Quello della De Angelis è un personaggio irriverente, provocatorio e fuori dagli schemi, affascinante e disinibita. Una ragazza di oggi in un tempo che non la comprendeva». C'è poi l'intrigante Briganti, scritta dal collettivo Grams e ben più ambiziosa della precedente Baby. Racconterà il momento storico del brigantaggio dopo l'Unità d'Italia ma dal punto di vista delle donne e del loro empowerment. Matilda Lutz è tra le protagoniste.

In Tutto chiede salvezza, invece, un intenso Federico Cesari veste i panni di Daniele, un ventenne che finisce per sette giorni sotto regime di TSO (Trattamento sanitario obbligatorio). Scrive e dirige Francesco Bruni e si tratta di una dramedy delle esistenze desiderosa di recuperare la radice della nostra migliore commedia amara. In arrivo anche Skam 5 per la regia di Tiziano Russo, che non ha bisogno di presentazioni.

Passando alle novità finora inedite, di cui non si è mai parlato, la più importante è sicuramente la seconda serie animata di Zerocalcare, che non sarà una seconda stagione della bellissima Strappare lungo i bordi ma un progetto del tutto nuovo. Il numero di episodi sarà lo stesso, 6, anche se questi avranno una durata più lunga, di circa 30 minuti ciascuno. In merito, Michele Rech ha dichiarato: «Con Strappare lungo i bordi dovevo prendere un attimo le misure del medium. Ora posso approfondire meglio diversi aspetti e sono felicissimo della libertà creativa concessami da Netflix, altrimenti non ce l'avrei mai fatta, mi sarei sentito ingabbiato». Si passa poi a un altro heist, questa volta seriale: Lotto Gang, dedicato alla più grande truffa ai danni dello stato. Il titolo è provvisorio, ma la produzione è di BIM e Feltrinelli Originals. Ambientata nell'hinterland Milanese a metà degli anni '90, lo show proporrà una narrazione di qualità con antieroi e antieroine indimenticabili, almeno secondo le promesse di Netflix e produzione. Ci sono poi Inganno di Cattleya, thriller sentimentale dedicato alle scomode verità dell'amore, e Odio in Natale, questa invece una commedia a tema natalizio che racconta la ricerca dell'amore di una trentenne.

L'ultima delle serie scripted annunciate è la trasposizione de Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, già adattato nel magnifico film i Luchino Visconti e questa volta diretto invece da Tom Shankland, regista internazionale con un forte legame con l'Italia e soprattutto la Sicilia, che si dice entusiasta di poter lavorare a questo importante progetto per portarlo alle nuove generazioni, sempre moderno e dalle tematiche attuali, specie in questi tempi tumultuosi.

Non solo fiction

Per le produzioni non-fiction invece arriveranno diversi progetti curiosi. Il primo è sicuramente Wanna, dedicato alla storia di Wanna Marchi da lei direttamente raccontata, approfondendo anche il mondo colorato e assurdo delle televendite. È stato descritto come divertente oltre all'elemento criminale e processuale insito nella storia in sé.

Stesso discorso per Il caso Alex Schwarzer, un racconto senza filtri sull'ascesa, la caduta e la redenzione di un campione olimpionico italiano. Chiude le fila Summer Job, primo reality italiano originale (anche nel format) di Netflix che seguirà un gruppo di ragazzi convinti di arrivare in Messico per divertirsi in vacanza e costretti invece a confrontarsi col duro mondo del lavoro. Alla conduzione troveremo Matilde Gioli.