Netflix

Netflix: 5 novità da vedere, da I famelici a Verónica

Andiamo alla scoperta di alcune pellicole arrivate negli ultimi giorni su Netflix, da 28 settimane dopo a The Last Witch Hunter.

speciale Netflix: 5 novità da vedere, da I famelici a Verónica
Articolo a cura di

Grande spazio all'horror e al cinema di genere negli ultimi giorni su Netflix, con l'arrivo di ben quatto titoli che faranno la gioia di tutti gli appassionati. Dominano la scena i morti viventi con l'esclusiva della piattaforma on demand I famelici e il sequel 28 settimane dopo, seguito del cult di Danny Boyle diretto da Juan Carlos Fresnadillo, mentre il regista di Rec firma un'originale ghost story, ispirata a una storia vera, con Verónica. Vin Diesel torna invece in scena nell'action fantasy The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe mentre l'unica produzione più soft come tematiche è il biografico Frida, con Salma Hayek a vestire i panni della famosa pittrice messicana.

I famelici

In una piccola cittadina del Quebec i morti viventi vagano affamati per le strade e i boschi circostanti. I sopravvissuti all'epidemia vanno alla ricerca di altri individui scampati al contagio, trovandosi però a lottare contro un numero sempre maggiore di infetti e ad affrontare dolorose perdite nella ricerca di un luogo finalmente sicuro. Zombie movie autoriale che unisce gustosi istinti di genere a un'atmosfera più lenta e compassata, con tanto di critiche sociali nascoste sottotraccia e nei comportamenti dell'eterogeneo numero di protagonisti, I famelici si rivela originale quanto basta anche nel gestire il background dei morti viventi, con un paio di colpi di scena di buon impatto.

The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe

Sin dai tempi antichi un gruppo di eletti ha dato la caccia alle streghe che imperversavano nel mondo, almeno fino a quando il prode guerriero Kaulder non ne uccise la Regina demoniaca ponendo fine al regno di terrore. Prima di morire la donna lanciò su di lui un incantesimo che lo ha condannato all'immortalità, costringendolo a sopravvivere ai propri cari fino ai giorni nostri. E quando l'antica nemesi torna improvvisamente in vita Kaulder avrà l'occasione di ottenere la sua vendetta in una violenta battaglia che potrebbe decidere il futuro dell'intera umanità. Action fantasy incentrato sulla classica lotta tra il Bene e il Male, The Last Witch Hunter è un film tanto innocuo quanto divertente nel suo non prendersi sul serio, affidando al carisma di Vin Diesel il compito di alzare notevolmente il livello testosteronico dell'insieme.

Frida

La storia di Frida Kahlo, celebre pittrice messicana, qui messa in scena partendo sin dalla gioventù (in cui rimase gravemente ferita) fino al successo mondiale, tra amori trovati e perduti e la genesi delle sue opere più famose. Adattamento del libro Frida: A Biography of Frida Kahlo di Hayden Herrera, il biopic diretto da Julie Taymor, già nota ai tempi per il mai troppo citato Titus (1999), è un film che si affida alla mimetica performance di Salma Hayek che, oltre a prestarsi minuziosamente all'imbruttimento estetico e di make-up, ha anche dipinto alcuni dei quadri presenti nella pellicola. In un'operazione che a tratti rischia di eccedere in verbosità ma restituisce comunque buoni spunti per quanti curiosi di sapere di più sulla vita, anche e soprattutto privata, dell'artista.

Verónica

La quindicenne Verónica, sorta di seconda madre per i fratelli più piccoli visto le assenze per lavoro della vera genitrice, partecipa a una seduta spiritica dopo la quale è vittima di inquietanti fenomeni. All'interno della casa infatti si palesano strane presenze sovrannaturali che minacciano la sua famiglia e la ragazza comprende di essere l'unica a poter affrontare il pericolo. Horror spagnolo diretto dal Paco Plaza di Rec (2007), Verónica porta una ventata di freschezza nelle ghost-story di stampo classico, facendo coincidere la fase puramente di genere con il bel percorso di formazione della giovane protagonista. Spaventi e dramma convivono armoniosamente in cento minuti ad alto tasso tensivo.

28 settimane dopo

In seguito agli eventi del precedente episodio, il virus che ha trasformato gran parte della popolazione in morti viventi affamati di carne umana si è diffuso sempre più. Una cura però sembra esser stata trovata, ma l'arrivo in città di due fratelli e il desiderio di far ritorno alla casa paterna, innescherà una reazione a catena che riporterà l'epidemia a seminare morte e caos per le strade londinesi. Fresnadillo riesce nella non semplice impresa di non far rimpiangere Danny Boyle, qui solo produttore, realizzando un sequel degno dell'innovativo originale. Tensione costante, un'azione ad alti ritmi e gli ottimi effetti speciali e make-up garantiscono uno spettacolo a tema incisivo e avvincente, cavalcato da un cast di tutto rispetto.