Netflix

Netflix: 5 novità, da Man in the dark a Mr. Nobody

Andiamo alla scoperta di alcune pellicole arrivate nelle ultime settimane su Netflix, da A caccia con papà a Mission to Mars.

speciale Netflix: 5 novità, da Man in the dark a Mr. Nobody
Articolo a cura di

Due film originali, usciti nell'ultimo mese, sono al centro del consueto appuntamento settimanale dedicato agli ultimi arrivi su Netflix. Parliamo di pellicole che condividono già dal titolo la figura paterna come A caccia con papà e Il padre dell'anno.
Gli altri tre titoli che vanno a comporre la classica cinquina sono il fantascientifico Mission to Mars, sottovalutata opera firmata da Brian De Palma, il teso thriller/horror Man in the dark e il toccante e fantastico Mr. Nobody, con protagonista un intenso Jared Leto.

Mission to Mars

Nel 2020 ha luogo la prima missione spaziale umana su Marte. In seguito all'atterraggio, gli astronauti rinvengono una strana formazione cristallina adiacente una montagna e, mentre studiano i dati, sono vittima di un gigantesco tornado di sabbia.
Luke Graham, l'unico sopravvissuto, riesce a inviare un SOS alla World Space Station, che decide di organizzare una disperata missione di salvataggio. Il nuovo team, composto dal Comandante Woody Blake, la moglie Terri Fisher, Phil Ohlmyer e il vedovo Jim McConnell, si imbarca sulla Navicella Marte 2 con l'obiettivo di ritrovare il collega disperso e scoprire cosa sia realmente successo sul Pianeta Rosso.
Tra i più sottovalutati film di fantascienza del nuovo millennio, Mission to Mars racconta una storia stratificata e più profonda della media, intrisa di una particolare poetica mal interpretata dal pubblico e da gran parte della critica. La regia di De Palma offre scene madri in serie, gran parte delle quali ad alto tasso di suspense.

A caccia con papà

Buck Ferguson è una vera e propria star del piccolo schermo, protagonista di un popolare programma televisivo in cui, in compagnia del cameraman e amico Don, si fa riprendere mentre organizza battute di caccia nelle foreste nazionali.
Nell'ultima puntata dello show, l'uomo ha intenzione di far partecipare anche il figlio Jaden, un bambino delle elementari, nella speranza di recuperare un rapporto incrinato da tempo in seguito al divorzio con la madre. Un divertimento facile per tutta la famiglia, in cui il sentimentalismo tra padre e figlio - pur non privato di battute sporche e gag divertenti - segue le classiche linee guida del filone, in un percorso emotivo destinato al prevedibile lieto fine. Josh Brolin nei panni del cocciuto genitore si rivela discretamente convincente.

Il padre dell'anno

Due amici fanno una scommessa su chi vincerebbe in un'ipotetica sfida tra i due rispettivi padri: il genitore di Larry è uno scienziato dal carattere riservato, spesso vittima della moglie e del figlio più piccolo, mentre quello di Ben è disoccupato e alcolizzato e vive in uno stato di semi povertà.
Quando la singolar tenzone viene loro proposta, le cose finiscono per degenerare. Commedia senza arte né parte in cui cercano di convivere istinti alla buddy movie anni '80 e altri che guardano al filone adolescenziale post American Pie che, nonostante le discrete performance del cast adulto, si risolve in un racconto banale e prevedibile.

Mr. Nobody

Anno 2092. Nemo Nobody è l'uomo più anziano del mondo, avendo raggiunto l'invidiabile età di 117 anni, ma ha deciso di rinunciare all'immortalità genetica ormai diffusa in questo tecnologico futuro. L'uomo è diventato una vera e propria celebrità e, prossimo alla morte, decide di ripercorrere la sua lunga esistenza.
Un'intera vita che si alterna continuamente tra memorie di diverse vite, tutte posteriori a una scelta da lui compiuta nell'infanzia e relativa alla decisione se rimanere a vivere con il padre nella cittadina natale o partire con la madre per il Canada.
Un vero e proprio gioiellino questo atipico film del regista belga Jaco Van Dormael, abile nel dar vita a una storia in cui le emozioni si rinnovano continuamente in un racconto a più strati e dimensioni, frutto di paradossi e di soluzioni visive sempre più originali, che riportano il Cinema alla sua concezione più magica e libera da vincoli di sorta. Con un Jared Leto che brilla in un ruolo sfaccettato e dalla potente attrazione empatica.

Man in the dark

La seconda prova dietro la macchina da presa del regista uruguaiano Fede Alvarez, dopo il violento remake de La casa, ne conferma il talento sopra le righe, filmando un thriller dalle venature horror di grande atmosfera e originalità.
La storia è incentrata su un gruppo di giovani ladruncoli intenzionati a sottrarre a un uomo cieco una grossa somma di denaro, ignari però che questi sia un reduce di guerra molto più agguerrito del previsto. E proprio l'oscurità diventa un fattore determinante dei novanta minuti di visione, dato che diventa elemento che ribalta i ruoli tra preda e predatori e offre all'istrionismo di Stephen Lang briglia sciolta e ferale.