Netflix

Netflix: 5 novità, da Extinction a Into Darkness - Star Trek

Andiamo alla scoperta di alcune pellicole arrivate nelle ultime settimane su Netflix, da Tale padre a Viaggio in paradiso.

speciale Netflix: 5 novità, da Extinction a Into Darkness - Star Trek
Articolo a cura di

Nonostante l'estate si faccia sempre più rovente, Netflix continua ad ampliare il suo catalogo di proposte filmiche, continuiamo dunque a porre lo sguardo su alcuni degli arrivi più recenti.
In questo nuovo appuntamento ci concentriamo su due produzioni originali, il fantascientifico Extinction, con i protagonisti Michael Peña e Lizzy Caplan alle prese con un'invasione aliena, e la commedia familiare Tale padre, che gioca molte delle sue carte sulla simpatia e la bravura di Kristen Bell.
Tra le altre novità segnaliamo il tosto action/thriller Viaggio in paradiso, con un gigione Mel Gibson, lo sci-fi Into darkness - Star Trek, secondo capitolo/reboot del leggendario franchise, e il thriller Bus 657 con Robert De Niro nei panni di un istrionico villain.

Tale padre

Rachel viene abbandonata sull'altare dal futuro sposo, incapace di sopportare la sua continua e insana ossessione per il lavoro. Tra gli invitati all'ormai saltata celebrazione si presenta anche Harry, il padre di Rachel, che non vedeva la figlia da molto tempo in seguito al divorzio.
L'uomo, la sera dopo la fallimentare cerimonia, suona alla porta della ragazza nel tentativo di riappacificare il rapporto: l'occasione verrà data dal già organizzato viaggio di nozze, una lussuosa crociera durante la quale padre e figlia cercheranno di ricominciare da zero.
Commedia che nulla aggiunge a quanto già visto in decine e decine di produzioni a tema, Tale padre risulta stereotipata nella gestione narrativa e nell'evoluzione delle gag, ma può almeno contare sulle buone interpretazioni dei protagonisti, Kristen Bell in primis.

Into Darkness - Star Trek

Quando l'Enterprise è chiamata a tornare verso casa, l'equipaggio scopre una terrificante e inarrestabile forza all'interno della propria organizzazione, che ha fatto esplodere la flotta e tutto ciò che essa rappresenta, lasciando il nostro mondo in uno stato di crisi.
Spinto da un conflitto personale, il Capitano Kirk condurrà una caccia all'uomo in un mondo in guerra per catturare una vera e propria arma umana di distruzione di massa. Mentre i nostri eroi vengono spinti in un'epica partita a scacchi tra la vita e la morte, l'amore verrà messo alla prova, le amicizie saranno lacerate, e i sacrifici compiuti per l'unica famiglia che Kirk abbia mai avuto: il suo equipaggio.
Il sequel del reboot dell'iconica saga di fantascienza è ancora più spettacolare e divertente del predecessore, capace di sfruttare sia i riferimenti citazionisti che gli ottimi effetti speciali, trovando in Benedict Cumberbatch un villain d'eccellenza.

Extinction

Peter, marito e padre amorevole, sta trascurando la famiglia e il lavoro per via di continui incubi, che lo assalgono sia di notte che di giorno. Su consiglio del suo superiore, decide così di rivolgersi a uno specialista, ma prima di iniziare le sedute i sogni diventano realtà, con il pianeta vittima di un'invasione aliena che, in piena notte, scatena il caos.
Peter si trova a fuggire con la moglie e le due figlie, unendosi a un gruppo di sopravvissuti, quando però cattura uno degli extraterrestri scopre un'incredibile verità che cambia tutte le carte in tavola. Godibile sci-fi di serie B che, a dispetto di una messa in scena appena sufficiente, può contare su una narrazione intrigante nella sua linearità, che trova in un inaspettato colpo di scena il vero e proprio cliffhanger capace di offrire spunti di riflessione.

Bus 657

Luke Vaughn è un dipendente del casinò di proprietà del ricco uomo d'affari conosciuto come The Pope, da sempre coinvolto in affari illegali e nel riciclaggio di denaro sporco.
Vaughn ha una figlia gravemente malata che necessita di costosissime e urgenti cure, decide così di chiedere un prestito al suo boss, che però glielo rifiuta e lo licenzia in tronco. Per ottenere in tempo il denaro necessario alle terapie della bambina, l'uomo organizza una rapina proprio al casinò, con la collaborazione dell'addetto alla security Cox, ma il colpo non va secondo le previsioni e i nostri sono costretti a dirottare un bus di passaggio sequestrandone gli occupanti.
Un thriller dalle marcate influenze melodrammatiche che si affida a un reiterarsi di cliché e stereotipi e a un eccesso di forzature narrative nei novanta minuti di innocua visione, sprecando anche il cast di lusso che vede nei panni di Nemesi un divertito Robert De Niro.

Viaggio in paradiso

In fuga dopo una rapina di 4 milioni di dollari, un rapinatore supera il confine messicano dove viene però immediatamente arrestato. L'uomo, che rifiuta di dichiarare la sua identità, viene condotto nel carcere/villaggio di El Pueblito, dove stringe amicizia con un ragazzino orfano di padre e la bella madre del bambino.
Il penitenziario, dove regna la corruzione, è gestito da un ricco e spietato trafficante malato di fegato, e il piccolo - essendo l'unico donatore compatibile - è a costante rischio della vita. In questo action noir costruito su misura, Mel Gibson torna a sprizzare carisma da tutti i pori in un ruolo a lui congeniale, dove riprende tic ed espressioni di suoi storici personaggi passati, reggendo dal punto di vista attoriale tutto il film sulle sue spalle.
Il regista sa comunque come gestire la narrazione, diverte e appassiona quanto basta, con uno stile secco e deciso che non disdegna ottime sequenze d'azione e un'ironia nera da non sottovalutare.