Morbius: che senso hanno le scene post credit?

Morbius ha ben due scene post credit che presentano varie incongruenze con cinecomic già visti: scopriamole tutte assieme.

Morbius: che senso hanno le scene post credit?
Articolo a cura di

E alla fine dopo tanti rinvii Morbius è arrivato nei nostri cinema. Un film che ha sofferto lo strascico della pandemia sulle sale cinematografiche, subendo ritardi nel suo rilascio, ma che terminato il calvario è finalmente sui nostri schermi. Solo che la sua uscita ha portato la stragrande maggioranza di pubblico e critica ad affossarlo, facendo scendere molto in basso il suo gradimento (qua invece la nostra recensione di Morbius).

Al netto però dei difetti del film, che purtroppo arranca in più di una battuta, c'è una grande questione da analizzare, soprattutto per quanto riguarda il futuro del Sony Universe, e non solo. Stiamo infatti parlando delle scene post credit: due sequenze dopo i titoli di coda che rischiano di stravolgere fin troppo quello che abbiamo già visto, sia nel film ma non solo. Perciò vogliamo analizzarle assieme, cercando di capire tutte le implicazioni che possono avere. Seguiranno ovviamente spoiler pesanti su Morbius e le sue scene post credit.

Morbius: le due scene post credit

Eccoci qua nel terreno dello spoiler più puro. Iniziamo con la prima scena, che poi a conti fatti è indissolubilmente legata alla seconda. E cominciamo con la domanda fatidica: perché Adrian Toomes è passato nell'universo di Morbius e Venom?

Prendiamo per buono che il Multiverso sia ancora pericolante, e che quindi i passaggi non siano completamente chiusi. Però lo squarcio che si vede nel cielo è lo stesso di No Way Home, quindi il passaggio dell'Avvoltoio dovrebbe essere direttamente collegato a quegli eventi. Ma qual è il nesso? Per qualche strano motivo potrebbe essere plausibile, forse, che il personaggio di Michael Keaton abbia fatto il salto inverso rispetto agli altri villain Sony, ma allora, esattamente come gli altri due Peter, una volta chiuso tutto dovrebbe tornare a casa. Eppure rimane nell'universo Sony, senza alcun apparente motivo anche solo vagamente logico. Questo sarebbe già un problema, ma poi arriva la seconda post credit di Morbius a complicare (e peggiorare) ancora di più le cose. Toomes ha infatti ricreato il proprio costume, e da quel che si vede è praticamente identico a quello già visto in Homecoming. Come è riuscito a farlo? Ricordiamo che questa persona si è ritrovata in un nuovo universo dove non conosce nessuno e non ha agganci criminali come nel suo.

Oltretutto, quel costume era stato creato anche grazie al materiale alieno dei Chitauri, abbandonato a New York dopo la battaglia con gli Avengers. Avengers che non esistono in quell'universo. Non solo, l'Avvoltoio cita anche esplicitamente Spider-Man a Morbius. Ma come sappiamo da Venom, Spider-Man teoricamente non esiste in quel mondo, quindi perché fare questa proposta al personaggio interpretato da Jared Leto?

Le incongruenze con Morbius stesso

Michael Morbius sembra accettare la proposta di Adrian Toomes. Proposta di fare squadra per... cosa? Sconfiggere Spider-Man? Anche se teoricamente (cioè da quello che sappiamo noi vedendo i film) l'Arrampicamuri non dovrebbe esiste in quell'universo. Ciononostante, il regista Daniel Espinosa ha invece confermato che un Uomo Ragno esiste eccome, e che molto presto scopriremo la sua identità

Allora qual è il piano? Creare i Sinistri Sei? Ma Morbius è buono, anzi, non fa altro che tentare di fermarsi per tutto il film e voler trovare una cura a quello che gli è successo. Cura che palesemente non ha trovato, visto che tiene ancora l'orologio per sapere quanto tempo ha prima di trasformarsi e perdere il controllo. E allora perché dovrebbe volersi alleare con uno sconosciuto, che è pure arrivato nel suo universo vestito da carcerato, quindi potrebbe non essere proprio una persona di cui fidarsi. Volendo ci sarebbe anche da chiedersi perché l'Avvoltoio contatta uno pseudo-vampiro con il quale passare il tempo, ma non addentriamoci fino a quel punto. Resta il fatto che un team sembra si stia creando, ma al momento non ci è dato sapere secondo quali basi. Anche perché, se per caso si vuole reclutare Venom, pure lui teoricamente è ormai un antieroe positivo. La domanda è ovvia: a parte l'Avvoltoio, perché queste persone dovrebbero combattere contro un ipotetico Spider-Man?

Ecco, qui spunta l'ennesima incongruenza. Morbius non fa una piega quando Toomes gli cita l'Uomo Ragno. Quindi esisterebbe una sua versione in questo universo, come confermato anche dal regista Daniel Espinosa, che si è sbottonato fin troppo durante la promozione del film. Ma allora perché Eddie Brock è sorpreso nel vedere Spider-Man durante la post credit di Carnage?

Dovrebbe conoscere almeno una persona con un costume e poteri simili, ma così non è, come confermato nella post credit di No Way Home.
Esiste o non esiste Spider-Man nell'universo Sony? E, soprattutto, sarà Andrew Garfield o addirittura un nuovo attore "esclusiva" del Sony Universe? Al momento non lo sappiamo, ma viste tutte queste post credit anche la stessa Sony sembra non avere le idee molto chiare. Noi comunque vi raccontavamo le nostre impressioni sulle post credit di Morbius anche nel vlog su Everyeye Plus.

Che voto dai a: Morbius

Media Voto Utenti
Voti: 49
6.2
nd