Metal Gear Solid: Il Film, cosa rende Oscar Isaac un perfetto Solid Snake

L'interprete di X-Men: Apocalisse e Star Wars è stato scelto da Sony Pictures e Jordan Vogt-Robert come protagonista dell'adattamento cinematografico.

Metal Gear Solid: Il Film, cosa rende Oscar Isaac un perfetto Solid Snake
Articolo a cura di

L'adattamento cinematografico di Metal Gear Solid è uno dei sogni di ogni appassionato di videogiochi che si rispetti. La saga ideata dal geniale Hideo Kojima nasce infatti già alla radice come un progetto di forte caratura cinematica, questo grazie a una narrazione e una trama sci-fi complessa e a personaggi meravigliosamente caratterizzati, a una sceneggiatura dettagliata, sontuosa, indimenticabile. Sorvolando sul comparto gameplay che è andato evolvendo e mutando nel corso dei cinque capitoli canonici che compongono la saga post-Metal Gear, quella di Kojima è un'opera profondamente articolata che vive di momenti iconici e straordinari, in un susseguirsi di eventi che se tradotti adeguatamente sul grande schermo potrebbero regalare ai fan e al grande pubblico uno spettacolo cinematografico maestoso e incomparabile.

Fino a pochi giorni fa, comunque, un film su Metal Gear Solid era dato in sviluppo presso Sony Pictures ma con pochissimi aggiornamenti al riguardo. In molti avevano infatti cominciato a pensare alla caduta del progetto in un limbo produttivo, poi all'improvviso la svolta: lo studio e il regista e sceneggiatore Jordan Vogt-Roberts accelerano la lavorazione del titolo, mettendolo in corsia preferenziale, rivelando inoltre che il talentoso Oscar Isaac vestirà ufficialmente i panni del mitico Solid Snake. Scelta, questa della star, che appare potenzialmente vincente.

La parte per il tutto

Metal Gear Solid non è quel tipo di trasposizione cinematografica dove può o deve funzionare solo una parte per rendere l'intero lavoro funzionale e appetibile. Non basta che sia ricco d'azione se manca il peso della forma; non serve che abbia una buona sceneggiatura se è poi assente un controbilanciamento di genere; inutile che ci sia un ottimo interprete se la scrittura e il contenuto non sono all'altezza. Non è un progetto che nasce solo per essere ricco di scene action martellanti come potrebbe essere un John Wick o un Fast & Furious e non è nemmeno un Monster Hunter o un Resident Evil, adattamenti dove è soprattutto necessario ricreare l'atmosfera dell'opera originale in aggiunta a qualche vezzo formale più virtuoso di altri per fare bene.
Metal Gear Solid è tutt'altro. Serve una sceneggiatura che richiami pedissequamente la struttura narrativa del videogioco, che come già ricordato nasce a monte con una carica cinematografica dirompente in chiave scenografica, registica e di scrittura. È passaggio praticamente obbligato ricreare tutte le stranezze fantascientifiche dedicate al surrealismo militare pensato da Kojima per non tradire l'anima stessa del progetto, il che si traduce in uno sforzo effettistico e scenografico da copogiro, che sarà forse l'elemento più difficile da realizzare del film.

Non devono poi mancare le scene clou tradotte sul grande schermo, ovviamente ragionando su di un meccanismo di ripresa che riesca a valorizzarle al meglio (e qui ci vengono in mente piani sequenza, montaggio cinetico alla Mad Max: Fury Road, steady cam ecc). E sì, ultimo ma non meno importante, è più che essenziale un attore che sappia incanalare nella sua interpretazione il carisma e lo stoicismo emotivo di Big Boss o Solid Snake che sia, ed è qui che Oscar Isaac risulta performer adeguato alla parte.

L'attore della Nuova Trilogia di Star Wars, di Ex-Machina e di 1981: Indagine a New York è infatti tra i più blasonati interpreti in circolazione, tanto per le sue doti drammatiche quanto per la sua propensione a spaziare tra generi e cinema indie o mainstream. È insomma poliedrico perché capace di dare profondità, carattere e veridicità ai personaggi di cui veste i panni, e sua grande particolarità è questo volto che appare al contempo sempre un po' burbero eppure pulito, apparendo allo stesso tempo gioviale e contrito.

Questo è evidente, ad esempio, nel bellissimo A proposito di Davis dei fratelli Coen, film che lo ha reso attore brillante agli occhi della critica mondiale. Isaac giocherebbe insomma un ruolo fondamentale come parte che lavora per il tutto, anche perché tra Star Wars e Triple Frontier ha persino dimostrato di avere un grande physique-du-role per dei personaggi d'azione apparentemente poco muscolari ma in verità dinamici e di grande impatto fisico.

La somiglianza, infine, è innegabile, molto più dell'altro fan favourite tutto italiano, il nostro adorato Luca Marinelli, che pure sarebbe stata una grande scelta, molto più coraggiosa di Isaac a dire il vero, che tra il suo arrivo in Moon Knight di Disney+ e le sue ultime partecipazioni cinematografiche è ormai uno degli attori più quotati e richiesti del momento. E anche questo, purtroppo o per fortuna, serve a un titolo come Metal Gear Solid: un volto internazionale.

Quanto attendi: Metal Gear Solid: The movie

Hype
Hype totali: 42
78%
nd