La Fase 4 dell'universo Marvel sarà più interconnessa e seriale che mai

Facciamo un viaggio all'interno della Fase 4 del MCU, cercando di capire come saranno connessi film e serie TV attraverso le loro storie.

Articolo a cura di

Ormai non c'è più neanche bisogno di fare finta: abbiamo già destinato il nostro 8x1000 alla visione di tutto ciò che i Marvel Studios hanno annunciato al loro panel di San Diego. Mamma Marvel ha allargato nuovamente le sue braccia mediatiche, sfilacciandole su più universi e più medium, come mai prima d'ora. E, paradossalmente (tolto qualche titolo inaspettato come Blade), la Marvel è riuscita a fomentare l'hype solo con un paio di sottotitoli e confermando ciò che già sapevamo. Ecco la forza, ormai inarrestabile, del MCU: farti fare una splendida piroetta verso qualcosa che già sapevi fosse lì, ma atterrarci sopra è tutta un'altra storia.
E come si riesce a ricreare quel bisogno di visione post-Endgame? La spinta arriva ovviamente da Far From Home, ma i Marvel Studios sono riusciti a tirare fuori tanti piccoli coniglietti dai loro cilindri magici, trasformando il più grande universo seriale al cinema mai concepito in... un universo seriale a tutti gli effetti, con un'interconnessione tra cinema e televisione totale, capace di prenderci per mano (cinema da una parte, serie TV dall'altra) e farci volare in alto, come facevano i nostri genitori da bambini.

Si ricomincia dal basso: Black Widow e la prima serie Disney+

Mai dimenticare che il MCU è un universo cinematografico. Perciò bisogna ripartire dalle "origini", da un Black Widow pronto a risollevare la parte "terrena" e spionistica del franchise. Rispetto alle nostre speculazioni non ci è dato sapere molto di più, ma possiamo sbilanciarci: Florence Pugh raccoglierà il testimone di Natasha (magari in una scena post-credit), dato che il film sarà ambientato dopo Civil War, ma con flashback sul passato della Vedova Nera. La nota dolente? David Harbour che interpreterà una sorta di Captain America russo. Perciò addio a tutte le teorie che lo volevano come Ben Grimm, pilota statunitense al fianco di Natasha. E chi potrebbe esserci in questo film? Per forza Jeremy Renner, anche se le basi per la sua serie sono da ricercare in Endgame. Infatti è The Falcon e The Winter Soldier a collegarsi direttamente a Black Widow.
Ragioniamo: il film narrerà le vicende da fuggitiva di Natasha per le conseguenze di Civil War, e nel suo stesso "stato" erano Sam e Bucky, anche se in luoghi diversi. Non solo, il villain sarà lo splendido Barone Zemo di Daniel Brühl, già visto all'opera proprio in Civil War. La serie perciò potrebbe collegarsi a temi trattati nel film, anche e soprattutto per la sua natura estremamente terrena, viste le abilità di Falcon e Winter Soldier. A loro potrebbe aggiungersi il personaggio di Florence Pugh, diventando ufficialmente la nuova Vedova Nera.

Stelle e lanterne

Messa in banca una prima parte sulla Terra, ecco che la Fase 4 del MCU vola finalmente tra le stelle. Tocca agli Eterni riempire la casella di secondo film. Un prodotto che avrà sicuramente un impatto cruciale per la storyline spaziale della Fase 4, magari introducendo Adam Warlock, semplicemente citato in I Guardiani della Galassia Vol.2. Sarebbe uno splendido omaggio a Jack Kirby, e potrebbe davvero avere ripercussioni (piccole, forse) sul prossimo Thor e giganti sul terzo capitolo dei Guardiani. E, magari, anche su Doctor Strange, che nel suo "multiverso della follia" potrebbe venire a contatto con entità altre, Celestiali, Tribunali viventi e, perché no, Eterni. In una scena post-credit del film si potrebbe già inserire questo eventuale collegamento. Ma non c'è tempo da perdere guardando le stelle, perché la Marvel ha uno dei compiti più difficili della sua storia cinematografica: Shang-Chi. Il tocco di genio è collegarlo all'organizzazione dei Dieci Anelli, già vista all'opera proprio agli albori del MCU, con i primi Iron Man, e inserire finalmente il vero Mandarino dopo la (geniale, per alcuni criminale) versione di Ben Kingsley.
Il grande pubblico non conosce Shang-Chi, perciò la Marvel dovrà renderlo iconico fin da subito, utilizzando la stessa bacchetta magica che ha trasformato i Guardiani della Galassia in icone pop contemporanee. Anche, e soprattutto, per il fatto che il Mandarino potrebbe essere un ottimo villain per questo inizio di Fase 4, e non solo per il singolo film. Che i dieci anelli ricordino ai fan le sei gemme?

Streghe e stregoni

Dopo due film si prende fiato in tv. Tocca a WandaVision regalarci la splendida Elizabeth Olsen che, non si ancora bene come, riporterà in vita Visione. O ne creerà uno nuovo. WandaVision potrebbe iniziare a sbloccare i poteri latenti di Scarlet, che risulterebbero molto più devastanti di quelli già visti (anche se un assaggio ci è stato dato nel suo scontro con Thanos in Endgame). Chissà quale "versione" di Visione vedremo, ma ciò che è importante ai fini dell'universo interconnesso è, innanzitutto, la presenza della figlia (ormai cresciuta) di Maria Rambeau, Monica, già vista ragazzina in Captain Marvel. Quale sarà il suo ruolo è ancora sconosciuto, ma potrebbe avere un qualche potere anche lei. E se fosse un gene mutante, scoperto da Scarlet e Visione?

La cosa più importante, però, è che la serie confluirà direttamente in quello che sembra il progetto più ambizioso di tutta questa Fase 4: Doctor Strange in the Multiverse of Madness. Una specie di horror PG-13 in cui sarà presente proprio la stessa Wanda. Ora, non è ancora ben chiaro come il film e WandaVision saranno collegati a livello temporale, ma il filo magico che passa da uno all'altro è inossidabile: se il film verrà prima, Strange potrebbe aiutare Scarlet nella ricostruzione di Visione, se fosse il contrario (come la timeline ufficiale suggerirebbe), a Scarlet, per colpa degli eventi del film, si potrebbe impiantare un seme di follia, tale da portarla sull'orlo di una House of M... magari adattata al MCU! Vedremo, anche perché dopo c'è lui: Loki.

Loki e tutti i what if dell'universo

E se la serie su Loki si inserisse in maniera certosina dentro tutto quello visto finora, con uno sguardo al futuro? Perché il Loki buono è morto, in giro c'è ancora quello cattivo del 2012. Il lavoro complicato sarà renderlo consapevole delle evoluzioni storiche nel MCU e vederne la reazione. Magari facendolo "assistere" agli eventi più importanti! In ogni caso sarà complesso, perché avendo rimesso a posto le Gemme bisogna capire esattamente come la "fuga" di Loki verrà canonizzata all'interno di questo "rimetta a posto la candela" che avrebbe azzerato ogni linea alternativa. Loki potrebbe riportare in auge il personaggio come villain, magari vedendolo alleato del Mandarino e di altri supercattivi inseriti in questa Fase 4, che potrebbero unirsi tutti assieme per fronteggiare i nuovi Avengers... C'è comunque da rilassarsi un attimo con il divertissement What If. Qua i Marvel Studios possono davvero entrare nella tana del Bianconiglio. Immaginiamoci una sorta di Love, Death & Robots (magari scritto meglio) in salsa Marvel, con tecniche di animazione mista, con Marvel Zombi, 1602 e... forse stiamo volando troppo. Ma tanto è gratis.

Frecce e fulmini

Ed eccoci a Hawkeye, la serie su Occhio di Falco. Sarà splendido rivederlo nei panni di Ronin, e poi in quelli di mentore per Kate Bishop, futura Hawkeye quando il nostro Clint appenderà le frecce al chiodo. Una serie fortemente intimista, che vedrà Clint alle prese prima con la perdita della famiglia, poi con quella di Natasha e, infine, con la forza di volontà di passare il proprio testimone e, finalmente, poter vivere con i propri cari "blippati" indietro. Il tutto mentre, sulla Terra, un nuovo Thor prenderà forma. Sì, perché la Fase 4 non poteva che chiudersi con un altro film: Thor: Love and Thunder, in cui un Dio del Tuono più terreno (bisognerà capire come lo allontaneranno dai Guardiani) avrà a che fare con il ritorno di Jane Foster, magari una cura dimagrante e... la nuova Thor. In qualche maniera faranno sì che entrambi rimangano in possesso dei loro poteri, ma sarà interessante (e pericoloso) vedere come Waititi trasporrà le storie di Jason Aaron, che non sono proprio nelle sue corde predilette.
Sicuro è che Natalie Portman è tornata alla carica, nonostante il suo, diciamo, disgusto per la Marvel e tutto ciò che rappresenta. Sossoldi, direbbe Maccio Capatonda. La conclusione di questo Thor, allora, lascerebbe una Jane a proteggere la Terra (magari con Valchiria) e un Dio del Tuono a unirsi, nuovamente, ai Guardiani, per avventure galattiche. Staremo a vedere.

Tirate le somme, questa Fase 4 non ha titoli roboanti o sorprese assurde, ma è perfetta per ripartire dopo la Infinity Saga e porre tutte le basi necessarie per sparare le cartucce vere nella Fase 5, con Blade, l'inserimento dei Fantastici 4, degli X-Men, il terzo capitolo sui Guardiani e i seguiti di Captain Marvel e Black Panther. Noi dobbiamo tirare un attimo il fiato e goderci il puro intrattenimento che i Marvel Studios stanno pensando per i nostri occhi, senza aspettarci sempre un Avengers dietro l'angolo. Perché appena svoltato ci sarà comunque una scena post-credit pronta a farci saltare sulla sedia per il prodotto successivo. Parola di Kevin Feige.