La fantascienza in salotto: 10 film sci-fi da vedere in streaming

Andiamo alla scoperta di dieci titoli di fantascienza, spettacolari ed emozionanti, disponibili sulle principali piattafome di streaming.

La fantascienza in salotto: 10 film sci-fi da vedere in streaming
Articolo a cura di

Mai come in questo momento, alle prese con una realtà che ha superato le nostre peggiori fantasie, gettarsi in universi fantascientifici può essere motivo di svago, sebbene alcuni degli ipotetici futuri narrati dal cinema di genere suggeriscano prospettive ancor più catastrofiche. Abbiamo deciso di accompagnarvi alla riscoperta di dieci film a tema disponibili sulle principali piattaforme di streaming, da alcuni grandi classici recenti a titoli passati più in sordina ma meritevoli di "un'altra occasione" nella loro facile fruizione online, all'insegna di emozioni e spettacolo alla portata di tutti. Fate questo viaggio assieme a noi, comodamenti seduti sul vostro divano di casa.

Annientamento (Netflix)

Basato sul primo romanzo della Trilogia dell'Area X scritta da Jeff VanderMeer, Annientamento vede per protagonista un team di scienziate che si trova in missione per conto dell'agenzia governativa Southern Reach in un territorio disabitato e misterioso, conosciuto come Area X.
Il loro sarà il dodicesimo team ad addentrarsi nella zona, alla ricerca di qualche indizio sulla scomparsa di altre squadre inviate in precedenza. La protagonista ha un duplice motivo, in quanto in una di queste vi era anche il marito.

Un cast quasi completamente al femminile, guidato da un'intensa e determinata Natalie Portman, è al centro di uno sci-fi impegnato e dagli alti risvolti concettuali. Una narrazione capace di appassionare alle vicende delle temerarie esploratrici anche grazie a un impatto visivo affascinante e sempre ricco di sorprese.
Una manciata di sequenze fanno gelare il sangue nelle vene e instillano una profonda inquietudine, con una resa dei conti finale dal taglio pseudo action che si pone quale ideale preambolo all'ambiguo, affascinante, epilogo.

Anon (Netflix)

In un prossimo futuro il Governo possiede una sorta di controllo totale sulla popolazione: ogni ricordo delle persone viene registrato in una memoria accessibile a chiunque previa autorizzazione (le forze dell'ordine vi hanno invece libero accesso).
L'ufficiale di polizia Sal Frieland sta indagando su un'inquietante serie di omicidi nei quali gli ultimi istanti vissuti dai deceduti - ormai fondamentali nella risoluzione dei delitti - sono stati eliminati dal killer, capace anche di sostituire il proprio punto di vista con quello delle vittime al fine di celare la propria identità.
La principale sospettata è una hacker conosciuta col nickname di Anon e Frieland decide di offrirsi come esca per scoprire chi sia realmente, trovandosi coinvolto nel cuore di un possibile focolaio atto a cambiare radicalmente la società.

Andrew Niccol, già autore dell'illuminante Gattaca - La porta dell'universo (1997), realizza un thriller/poliziesco ambientato in una realtà futuristica e distopica, palcoscenico che gli permette di approfondire i mali odierni attraverso lo sguardo metaforico del genere fantascientifico.
Anon è un film ricco di suspense e spunti, visivamente ingegnoso (a tratti confuso per via dell'enormità di informazioni su schermo) e affascinante, che può contare sulle solide performance dei protagonisti Clive Owen e Amanda Seyfried.

The Machine (Prime Video)

In un prossimo futuro, alla vigilia di un'imminente guerra globale tra la Cina e le potenze occidentali, il talentoso scienziato Vincent lavora in segretezza per il governo britannico allo sviluppo di una nuova tecnologia, con lo scopo di creare androidi indistruttibili e dotati di intelligenza umana.
L'obiettivo dell'uomo è in realtà quello di trovare una cura per la figlia, affetta da una rarissima sindrome psichica che le impedisce una vita normale. Durante una sorta di provino nel quale vengono giudicati i migliori progetti di intelligenza artificiale, Vincent fa la conoscenza della giovane e bella Ava, programmatrice di talento che ha sviluppato un I.A. dalle sorprendenti capacità e decide di assumerla nel suo staff.

Due anni prima dell'Ex Machina (2015) di Alex Garland, ecco arrivare dall'Inghilterra un film concettualmente molto simile ma più incentrato su dinamiche action che, nell'ultima mezz'ora, prendono il sopravvento in un'escalation tosta e appagante e sfruttano al meglio il carisma anche fisico della protagonista femminile Caity Lotz.
Il regista utilizza al meglio il basso budget e trova una ideale armonia tra l'anima di genere e spunti di riflessione non banali, coniugando emozioni e spettacolo in un mix ricco di sorprese.

Demolition Man (Infinity)

Los Angeles, 1996. Il pluridecorato agente John Spartan sta dando la caccia allo psicopatico criminale Simon Phoenix ma, durante l'operazione, l'esplosione del palazzo dove questi si nascondeva insieme ai suoi complici provoca la morte di diversi civili che erano tenuti in ostaggio.
Spartan, ritenuto pur involontariamente co-colpevole della strage, viene ibernato in congelamento correttivo, pena che avrà una durata di settant'anni, nella stessa struttura dove Phoenix deve scontare una ben più ampia condanna.
Nel 2032 il criminale, durante l'udienza per un possibile sconto di pena, riesce a fuggire e la polizia, figlia di una società molto cambiata rispetto al passato, non possiede le capacità per fronteggiare la pericolosa minaccia. Viene così deciso di risvegliare proprio Spartan, il solo in grado di fermare la sua iconica nemesi.

Distopia satirica e azione fumettistica si incrociano con efficacia in Demolition Man, divertito e divertente titolo di genere che non si prende troppo sul serio e azzecca battute e gag in un mondo anestetizzato e immobile, schiavo di un opprimente politically correct.
Il film adempie ai suoi piacevolmente esagerati canoni di genere con ammirevole, e voluta, (in)genuinità, merito anche delle frizzanti e autoironiche performance di Sylvester Stallone, Sandra Bullock e Wesley Snipes.

Mr. Nobody (Netflix)

Anno 2092. Nemo Nobody è l'uomo più anziano del mondo, avendo raggiunto l'invidiabile età di 117 anni, ma ha deciso di rinunciare all'immortalità genetica ormai diffusa nel tecnologico futuro in cui vive.
Il protagonista, diventato una vera e propria celebrità, prima di passare a miglior vita decide di ripercorrere la sua lunga esistenza.
Un racconto che si alterna continuamente tra memorie di diverse vite, tutte posteriori a una scelta da lui presa nell'infanzia e relativa alla decisione se rimanere a vivere con il padre nella cittadina natale o partire con la madre per il Canada.

Il regista belga Jaco Van Dormael firma uno degli sci-fi più atipici e raffinati del nuovo millennio, capace di emozionare a più riprese in una sceneggiatura su più strati e dimensioni, frutto di paradossi e di soluzioni visive sempre originali, che riportano il media cinematografico alla sua concezione più magica e libera da vincoli - concettuali e di messa in scena - di sorta.
Jared Leto è chirurgicamente perfetto in un ruolo sfaccettato e dalla potente attrazione empatica.

Durante la tormenta (Netflix)

La sera del 9 novembre 1989 il dodicenne Nico rimane solo in casa e, durante una tempesta, all'improvviso sente degli strani rumori provenire dall'appartamento dei vicini.
Intrufolatosi di nascosto per scoprire quanto stia accadendo, Nico trova stesa sul pavimento a piano terra la signora Weiss, con il marito armato di coltello che sta scendendo le scale. Preso dal panico, il piccolo fugge in strada e viene investito da una macchina, morendo sul colpo.
Venticinque anni più tardi ha luogo un altro fenomeno meteorologico di carattere molto simile a quello passato e nella casa di Nico ora vive una famiglia composta da Vera, suo marito David e la piccola figlia Gloria.
Una notte Vera si sveglia di colpo per un'improvvisa accensione della TV e scopre di poter comunicare direttamente con Nico, tentando di avvertirlo sul tragico destino che lo attende, ma il suo consiglio modificherà ogni cosa per entrambi.

Dopo l'ispirato thriller Contrattempo (2016), il regista spagnolo Orion Paulo adatta le regole di una suspense chirurgica a una vicenda dai connotati fantastici, dove la logica dei paradossi diventa elemento determinante nella risoluzione di segreti e tradimenti inaspettati.
Un film capace di attrarre diversi tipi di pubblico, ricco di colpi di scena e ottimamente interpretato dall'eterogeneo cast, per due ore di grandi emozioni a tema.

Eva (Prime Video)

Nel 2041, nella cittadina di Santa Irene in Spagna, Alex è un ingegnere cibernetico che sta lavorando a un progetto segreto che si propone di creare una bambina robot, capace di provare le stesse emozioni di un giovane essere umano.
Ma oltre all'ambiziosa missione che si trova davanti, l'uomo dovrà anche venire a patti con il proprio passato, e col rapporto che ora lega suo fratello David alla sua ex fidanzata Lana. La coppia ha avuto anche una figlia, Eva, che brilla per spontaneità e intelligenza.
La piccola si affeziona incredibilmente allo zio Alex, che decide di prenderla come modello per realizzare l'intelligenza artificiale su cui sta lavorando.

Un'opera che fonde in maniera mirabile diverse influenze, giocando tra e con i generi: fantascienza, dramma e thriller sono amalgamati in un calibrato mix di emozioni.
Eva tiene con il fiato sospeso fino alla fine, appassionando con i suoi toni - suadenti e intensi - e i sobri ma efficaci effetti speciali, alla ricerca di uno spettacolo ad alto tasso di sentimenti dove i colpi di scena sono una costante.

Interstellar (Netflix - Prime Video)

Nel futuro la Terra è diventata sempre più invivibile, dopo che un fenomeno naturale ha reso impossibile l'agricoltura e tempeste di sabbia si susseguono costantemente sulla superficie.
L'ultima speranza per l'umanità risiede in una missione segreta della NASA che intende inviare un gruppo di astronauti all'interno di un wormhole, alla ricerca di pianeti sui quali sia possibile proseguire la vita.
Per guidare il team viene reclutato l'esperto ingegnere ed ex-pilota dell'ente spaziale Cooper: il compito però lo costringe al sacrificio di abbandonare i figli che potrebbe non rivedere mai più.

Interstellar è la fantascienza a portata d'uomo secondo Christopher Nolan che, con un pathos emozionale per lui inedito nei confronti della storia e dei personaggi, realizza un'opera incredibilmente coinvolgente.
Una visione che suscita sensazioni tali da nascondere anche le palesi forzature narrative che sfruttano, in maniera furba e intelligente, i vizi del paradosso per innescare un'odissea di genere che in poco meno di tre ore ci parla della vita, della morte e dell'amore più puro tra padri e figli.

Edge of Tomorrow - Senza domani (Netflix)

In un prossimo futuro l'umanità è alle prese con una devastante guerra contro i Mimic, una razza aliena supertecnologica. Nel tentativo di sconfiggere il nemico, le superpotenze mondiali hanno unito le forze e formato un esercito di soldati dotati di esoscheletro.
Nelle milizie armate viene arruolato forzatamente anche il maggiore Cage, addetto all'ufficio stampa e mai sceso prima sul campo di battaglia. L'uomo perde la vita durante uno scontro ma si risveglia come se niente fosse accaduto e comincia a rivivere continuamente lo stesso giorno che si conclude, ogni volta, nello stesso identico modo, ossia con la propria morte.
Almeno fino a quando Cage non cercherà di sfruttare a suo vantaggio i ricordi ottenuti prima di ogni sua dipartita.

Uno sci-fi che ricalca le linee guida di un grande classico della commedia fantastica quale Ricomincio da capo (1993), che adatta con ispirazione la light novel All You Need Is Kill.
Tom Cruise è assoluto protagonista, ma Emily Blunt gli tiene testa con la giusta spavalderia e gli ottimi effetti speciali, uniti a una sceneggiatura attenta e a una notevole dose d'azione rendono Senza domani - Edge of Tomorrow uno spettacolare blockbuster a tema.

Predestination (Netflix)

Un viaggiatore del tempo al servizio di un'organizzazione segreta è sulle tracce di un pericoloso terrorista conosciuto come Fizzle Bomber, autore nel 1975 di un attentato a New York in cui persero la vita migliaia di civili.
Nonostante sia rimasto gravemente ferito nel corso dell'ultima missione, viene mandato indietro nel 1970 per lavorare in un bar di New York.
Qui conosce uno strano avventore che si fa chiamare Unmarried Mother, che scrive su una rivista femminile. Il cliente racconta all'agente la sua incredibile storia e darà il via a un gioco narrativo nel quale nulla è quello che sembra.

I fratelli Spierig ci raccontano una storia incredibile che vive sul concetto di paradosso e libero arbitrio, inseriti nel già pericoloso contesto dei viaggi nel tempo.
Una trama che regala sorprese in serie riuscendo a colpire per l'originalità di uno svolgimento cerebrale che rispetta in pieno il suo incipit di partenza, fino al clamoroso e illuminante colpo di scena finale.
Il tutto in una messa in scena che coniuga un sano intrattenimento action a struggenti squarci emozionali.

Che voto dai a: Interstellar

Media Voto Utenti
Voti: 73
8.4
nd