Speciale L'arte di vincere: sport al cinema

Ripercorriamo la storia di alcuni dei più famosi film sportivi

Articolo a cura di

Che siate sportivi o semplicemente tifosi, che si tratti di calcio, tennis o basket, tutti avrete vissuto delle grandi emozioni legate allo sport: un goal all’ultimo minuto, la solidarietà nel gioco di squadra o l’ebbrezza di sfidare ogni volta i propri limiti. Ma non di sole passioni vive lo sport: a volte, dietro una squadra o un atleta vincenti, ci sono l’impegno e la razionalità di una serie di persone che valutano di volta in volta l’opzione vincente, la formazione migliore. È questa la storia raccontata ne L’Arte di Vincere, film con Brad Pitt in uscita il 27 gennaio, ispirato alla vita di Billy Beane, manager della squadra di baseball Oakland A’s. Insieme al giovane economista Peter Brand, Beane applicò dei modelli matematici e statistici allo studio della formazione ottimale per la propria squadra scegliendo giocatori poco quotati ma che, giocando insieme, avrebbero garantito il successo.

L’arte di vincere (probabile candidatura all’Oscar come migliore attore per Brad Pitt) si inserisce in un fortunatissimo filone del cinema hollywoodiano, ovvero quello legato ai film che parlano di sport nelle sue varie forme. Pellicole edificanti e spesso in grado di coinvolgere profondamente lo spettatore, i film sportivi, quando sono riusciti ad evitare le trappole dei cliché e della retorica, hanno conquistato un posto di rilievo nella storia del cinema, diventando talvolta dei veri e propri cult-movie. Eccovene alcuni esempi...

L'idolo delle folle

Uno dei primissimi esempi di grandi film sportivi è L’idolo delle folle, diretto da Sam Wood nel lontano 1942 e ricompensato con undici nomination e un premio Oscar. Il film racconta la vera storia di Lou Gehrig, famosissimo giocatore di baseball e bandiera dei New York Yankees, con un record di 2.130 partite consecutive; la sua scomparsa, nel 1941, a causa del cosiddetto “morbo di Gehrig”, commosse l’intera nazione. Nel film il ruolo di Lou è interpretato da uno dei grandi divi di Hollywood, Gary Cooper, mentre sua moglie Eleanor è interpretata dalla “fidanzatina d’America” Teresa Wright.

Rocky

Nel 1977, un film sul pugilato realizzato a basso budget e con un attore all’epoca semi-sconosciuto, Sylvester Stallone, trionfò al box-office e si aggiudicò tre premi Oscar: si tratta di Rocky, la storia del pugile più famoso del cinema, Rocky Balboa, che riscatta sul ring le sue umili origini e trova l’amore dell’adorata Adriana (Talia Shire). Il successo di Rocky ha dato vita ad una lunga e fortunatissima serie cinematografica.

Lo special continua a pagina 2!

Toro Scatenato

Un altro pugile che non può mancare in un’ideale classifica dei film sportivi è Jake LaMotta, lo storico campione dei pesi massimi protagonista del capolavoro del 1980 diretto da Martin Scorsese, Toro scatenato. Interpretato da un memorabile Robert De Niro, che per questo ruolo ha ricevuto il premio Oscar come miglior attore.

Momenti di gloria

Una delle maggiori sorprese cinematografiche del 1981 è stata una produzione britannica diretta da un regista esordiente, Hugh Hudson, che ha ottenuto un enorme successo in tutto il mondo e ha conquistato quattro premi Oscar. Accompagnato dalla splendida colonna sonora di Vangelis, Momenti di gloria racconta la vera storia di due giovani velocisti inglesi che partecipano alle Olimpiadi di Parigi del 1924.

Il migliore

Come L’arte di vincere, ecco un altro film sul baseball che ha conquistato il pubblico cinematografico, ottenendo un grande successo: si tratta de Il migliore, diretto da Barry Levinson nel 1984, in cui Robert Redford interpreta il ruolo di Roy Hobbs, una ex-promessa del baseball che dopo un’esperienza traumatica scende nuovamente in campo; con Redford nel cast anche Glenn Close, Robert Duvall e Kim Basinger.

Seabiscuit

Nel 2003 il film Seabiscuit, diretto da Gary Ross e basato su una storia vera, ha fatto innamorare il pubblico americano ed ha ricevuto una pioggia di candidature all’Oscar. Protagonista della pellicola è il cavallo Seabiscuit, che con il suo giovane fantino Red Pollard (Tobey Maguire) diventa un campione dell’ippica nell’America della Grande Depressione.

Che voto dai a: Moneyball

Media Voto Utenti
Voti: 6
6.7
nd