Keanu Reeves come Ghost Rider? Potrebbe funzionare

Il lungo corteggiamento tra i Marvel Studios e Keanu Reeves potrebbe ipoteticamente concretizzarsi in un nuovo Ghost Rider cinematografico.

speciale Keanu Reeves come Ghost Rider? Potrebbe funzionare
Articolo a cura di

Quella di Ghost Rider è una storia cinematografica non particolarmente felice. Il primo adattamento del personaggio creato per la Marvel da Roy Thomas risale al 2007, scritto e diretto da Mark Steven Johnson, autore già responsabile - è il caso di dirlo - del Daredevil con Ben Affleck. Un percorso di diabolica perseveranza che ha portato a risultati disastrosi, essendo Ghost Rider un film profondamente figlio del modello produttivo di Avi Arad. Nato vecchio e dal ritmo stanco, con un Nicolas Cage per nulla convincente nel ruolo "del bel tenebroso" Johnny Blaze, il film è una trasposizione nata e cresciuta nella mediocrità, in cui neanche le oscure e misteriose atmosfere hanno potuto nulla contro il venefico influsso del disinteresse qualitativo.

Un tentativo fallito che a differenza di Daredevil ha però generato un sequel, migliore dal punto di vista dell'azione ma del tutto fallimentare in termini narrativi. Ed era il 2012, anno d'uscita nelle sale del primo e incredibile Avengers dei Marvel Studios. Mentre Joss Whedon dirigeva il game changer della storia dei crossover cinematografici, Nicolas Cage salutava per sempre il personaggio in un progetto da dimenticare.
Palla al centro per i Marvel Studios nella partita per i diritti del personaggio, che infatti di lì a pochi anni sarebbe tornato nella scuderia dei campioni e apparso in una nuova e più giovane versione in Agents of SHIELD, certo legata a un rilancio fumettistico del personaggio ma comunque decisamente più riuscita dei due film precedenti.
Avrebbe dovuto poi avere una sua serie su Hulu, purtroppo (o per fortuna) cancellata prima ancora di iniziare, il che ha rispedito in panchina e in attesa di una nuova chance il fiammeggiante e scheletrico motociclista Marvel. Che è ancora lì che attende.

E se Keanu Reeves fosse la risposta?

Ghost Rider non è il personaggio più semplice da gestire, specie se non si vuole fallire in un'altra trasposizione. Ha al suo interno una mitologia di personaggi demoniaci e dell'orrore che difficilmente si adattano al modello produttivo Disney e Marvel Studios, e soprattutto non c'è evidentemente un progetto di rilancio per il personaggio. Parliamo di un'idea concreta che faccia seguito al Roberto Reyes di Gabriel Luna, successore di Johnny Blaze accantonato di colpo dopo i progetti di espansione televisiva, non funzionale ai nuovi piani Disney dopo la fusione con Fox e il lancio di Disney+.

Questo spiega anche perché il reboot di Blade abbia già trovato una casa - quella cinematografica - e un protagonista in Mahershala Ali mentre Ghost Rider no. E siamo quasi certi che se la Marvel Television di Jeph Loeb non avesse inserito Reyes in Agents of SHIELD a quest'ora avremmo già avuto un annuncio di un film con Johnny Blaze, che invece tarda ad arrivare anche se richiesto a gran voce dai fan. Perché merita riscatto e un adattamento finalmente valido. Proprio come i Fantastici 4.

Potrebbe arrivare sotto forma di serie televisiva su Disney+? Sì e in PG-13, come d'altronde sta già accadendo per Moon Knight. Come lungometraggio cinecomic? Ancora meglio, considerando che una produzione su grande schermo diretta da un regista navigato nel genere come Andy Muschietti o Mike Flanagan, riserverebbe non poche soddisfazioni. Su Hulu? Anche, ma l'opzione non ci entusiasma particolarmente, visto che i Marvel Studios utilizzeranno la piattaforma più come servizio "di scarto" di Disney+, il che non significa per forza di cose producendo pessimi adattamenti ma con meno visibilità senz'altro.

Vada come vada, la sua presenza nel Marvel Cinematic Universe è comunque garantita, data l'unificazione multimediatica del MCU, e proprio per questo, che approdi su Disney+, Hulu o direttamente al cinema, prima di tutto è necessaria una grande star per interpretare Johnny Blaze.
Un personaggio dal fascino del cattivo ragazzo, con giubbotto in pelle nera, borchie, stivali e motocicletta. Un buono che sfrutta le sue mostruose sembianze per combattere i poteri del male sulla Terra e ricacciare i dannati nell'Inferno da cui sono fuggiti. È forte e carismatico e sa essere brutale ma anche gentile: dipende da chi si trova di fronte. E non c'è bisogno di dire che il suo carattere è decisamente... focoso. Per interpretarlo ci vuole un attore che restituisca la stessa intensità emotiva e che abbia un forte ascendente sul pubblico, che sia riconoscibile quando è umano e che trasmetta resilienza nelle situazioni più difficili. Ci vuole Keanu Reeves.

La star di Matrix e di John Wick ci sembra la risposta adatta al problema Ghost Rider, e per diversi motivi. Primo fra tutti è il suo attuale status, essendo al momento uno degli attori più amati della sua generazione. Segue poi la sua attitudine agli action movie dal taglio frenetico, con azione dinamica e un montaggio anche abbastanza serrato.

Vederlo cavalcare una moto con una catena intorno al petto e falciare stuoli di demoni seguendo coreografie ragionate varrebbe già di per sé il prezzo del biglietto, ma c'è persino dell'altro. Sì perché per Keanu Reeves rappresenterebbe anche una sorta di rivincita per il suo Constantine, il trasformarsi nel "cacciatore di anime infernali" della concorrenza. Il ruolo gli si addice ed è abbastanza tenebroso e sofferto per interpretarlo al meglio, e indovinate un po'? I Marvel Studios sono anni che stanno facendo la corte all'attore per farlo entrare nel MCU, solo in un ruolo adeguato che a quanto pare non hanno ancora trovato. E più di Namor o Adam Warlock, anche grazie a una recente fan art dell'artista web Ultraraw26, il Johnny Blaze di Ghost Rider ci sembra l'occasione giusta per suggellare questa unione, accontentare gli appassionati e ridare al personaggio dignità. Se la merita.