Johnny Depp, cosa accadrà adesso alla sua carriera?

In seguito al processo vinto contro la ex moglie, l'attore ha subito un danno d'immagine incalcolabile, ma non è certo che diventi un reietto.

Johnny Depp, cosa accadrà adesso alla sua carriera?
Articolo a cura di

Il polverone mediatico sollevatosi in queste ultime settimane di processi, tra interrogatori e perizie psichiatriche, fatica ancora a diradarsi, a causa di modalità d'informazione ai limiti della tossicità che pasteggiano sulla vita privata di due ex coniugi e celebrità di Hollywood. Il caso Heard contro Depp è stato cavalcato da diversi movimenti politici e sociali, dal MeToo alla destra repubblicana americana, trasformando una spinosa lotta giudiziaria in un mattatoio di personalità, con i fan dei due attori schierati in prima linea sui social per difendere i loro problematici beniamini mentre in aula si decideva un pericoloso precedente penale.

Johnny Depp ha trionfato senza stupire nessuno, in una vittoria largamente anticipata da una gigantesca campagna mediatica atta a distruggere la sua ex moglie, ma l'interprete dell'iconico Jack Sparrow non esce indenne dalla bufera: le sue numerose e pesanti dipendenze sono adesso di dominio pubblico, e - sebbene non lo si possa accusare di essere un abusatore seriale - la sua relazione con la Heard ha galleggiato fin troppo pericolosamente sui margini della violenza, macchiando in maniera indelebile la sua immagine come uomo e professionista.

I grandi progetti crollati

Immaginare nuovamente Johnny Depp nei panni di Jack Sparrow nel chiacchierato Pirati dei Caraibi 6 sarebbe una fantasia con qualche spiraglio di luce, nonostante le dichiarazioni di un ex dirigente Disney che non ha più alcuna voce in capitolo (abbiamo cercato di capire anche nel nostro speciale se Johnny Depp è pronto a riprendersi Jack Sparrow). La multinazionale americana, da sempre molto incline al politicamente corretto e mai schierata da nessuna parte sui grandi temi d'attualità (basti pensare al trattamento riservato a Gina Carano allontanata da Disney e Lucasfilm in seguito ad alcuni controversi tweet), non può permettersi di riprendere tra le sue fila un personaggio così inviso ad una larga fetta dell'opinione pubblica, nel bel mezzo di una tempesta che ha svelato il suo amore per le droghe e una forte inclinazione all'ira.

Lo stesso discorso vale per la saga di Animali Fantastici, con l'aggravante che la stessa ha ormai ampiamente superato la figura di Johnny Depp legando il suo Grindelwald a Mads Mikkelsen, un attore sulla cresta dell'onda di cui è ormai impossibile fare a meno (come d'altronde vi dicevamo in chiusura della recensione di Animali Fantastici I Segreti di Silente). Il Depp dei blockbuster è, con tutti i "se" e i "ma" del caso, morto e sepolto, così come l'atteggiamento stralunato che distingueva i suoi personaggi più famosi, che apparirebbe ora obnubilato dai precedenti personali dell'attore.

Piccoli lavori per ricominciare

Non ci è dato sapere se la cosa lo lusinghi, ma durante il processo Johnny Depp è diventato un paladino del movimento anti-MeToo e della destra misogina americana, due frange estremamente facoltose e influenti che siamo sicuri sapranno ricompensare l'interprete per il suo involontario apporto alla loro causa. Di conseguenza la carriera dell'indimenticabile Edward Mani di Forbice non rimarrà ulteriormente impantanata, nonostante l'allontanamento dalle grosse produzioni che avevano segnato la sua filmografia, e possiamo immaginare con una buona dose di realismo che rivedremo presto Depp all'interno di progetti più piccoli, ma che avranno una gigantesca risonanza mediatica proprio a causa del suo coinvolgimento.

Non di sola recitazione vive un uomo, e l'attore può ancora contare su Dior e il suo Sauvage, perché il marchio francese non ha abbandonato il testimonial nemmeno quando le sue personali ossessioni sono diventate di dominio pubblico. Le sue amicizie in Hollywood gli hanno inoltre fruttato la gloriosa conoscenza di artisti in altri settori, e infatti sappiamo già che Johnny Depp pubblicherà un album con Jeff Beck, per questo non dovremmo preoccuparci troppo delle sue finanze, anche se Amber Heard non può pagare i 10 milioni di risarcimento obbligati dal giudice.

Un futuro incerto

Se l'immediato appare quindi abbastanza roseo per Depp, solo il tempo ci rivelerà cosa gli riserva il prossimo futuro, ma possiamo azzardare qualche ipotesi prendendo in considerazione i casi similari che hanno sconvolto lo showbiz negli ultimi anni. Abbiamo già analizzato il rapporto più che complicato con Disney, bollando come inutili suggestioni un eventuale ritorno di Jack Sparrow, ma non è detto che la separazione duri per sempre, perché la Casa di Topolino non ha certo allontanato Robert Downey Jr. dalla figura centrale dell'universo Marvel nonostante i suoi burrascosi trascorsi con alcool e droghe.

Il post con cui Depp ha festeggiato la sua vittoria in tribunale ha incassato quasi venti milioni di like, tra i quali quello di Taika Waititi e moltissime altre celebrità, a dimostrazione del fatto che la narrazione opprimente da parte dei media non l'ha fatto diventare un reietto di Hollywood, cosa che invece è accaduta a Kevin Spacey nonostante una colpevolezza non ancora provata (tornerà dopo lunghissimi anni di assenza nel primo film di Michael Zaiko Hall, qui trovate il trailer di Peter Five Eight). Gli umori ballerini del settore cinematografico si sono spesso piegati a condanne durissime - e a volte ingiustificate - nel corso della storia, molte delle quali sono però evaporate in un perdono celestiale nel momento in cui i presunti colpevoli hanno fatto mea culpa assumendosi le proprie responsabilità: da questo punto di vista Depp appare più che lanciato verso un'assoluzione tempestiva e totale, perché - diversamente da altri suoi colleghi finiti nei guai giudiziari - può contare sulla sentenza di un giudice che lo eleva a vittima di un processo nel quale l'unico vero vincitore è quel carrozzone mediatico sempre ingordo di tragedie e dolore.

Quanto attendi: Johnny Depp

Hype
Hype totali: 28
73%
nd