James Gunn e il futuro post-Disney: ritorno all'horror e approdo alla DC?

Ora che James Gunn è libero dai vincoli Marvel e Disney, i grandi studi di Hollywood stanno facendo a gara per scritturarlo.

speciale James Gunn e il futuro post-Disney: ritorno all'horror e approdo alla DC?
Articolo a cura di

Anche se agli appassionati più casual può sembrare un tantino esagerato, il recente licenziamento di James Gunn dalla regia di Guardiani della Galassia Vol. 3 è stato un autentico shock.
Il film dei Marvel Studios non sarà più lo stesso, nonostante l'uso della sceneggiatura originale, ma a questo siamo ormai arresi; certo si è creato un pericoloso precedente, che potrebbe avere ulteriori conseguenze e casi similari. Al di là di questo, siamo certi che sia la Marvel, sia lo stesso James Gunn troveranno modo di ripartire da zero, soprattutto il controverso regista, subito corteggiato dai più grandi studi di Hollywood.
Tanto per ripartire, Gunn ha già in programma un horror in uscita a novembre, anche se Sony ha avvolto il progetto nel più totale mistero - proprio in relazione alla questione Disney.

Ritorno alle origini

Il film in questione, che potrebbe riportare Gunn alle origini, ovvero a quando dirigeva ottimi prodotti di genere per la Troma, ha l'uscita programmata per il 30 novembre prossimo e promette già svariate scintille.
Sembra infatti che il regista abbia chiamato a raccolta, per la produzione dell'opera, buona parte della squadra del folle Slither, compresa la protagonista Elizabeth Banks, con cui è molto legato anche fuori dai vari set.
Dunque almeno una cosa è certa: James Gunn non ha alcuna intenzione di abbandonare l'industria, ma soprattutto nessun grande studio pensa di lasciarlo disoccupato per troppo tempo. Recentemente il The Hollywood Reporter ha contattato decine di studi per tastare il territorio, per capire chi avrebbe lavorato in futuro con Gunn e chi no, nonostante il licenziamento dai Guardiani - che ricordiamolo, è avvenuto per alcuni tweet borderline postati anni fa, dunque formalmente non c'è nessun reato a suo carico, solo un po' di cattivo gusto e voglia di provocare il prossimo. Ebbene, le risposte sono state pressoché unanimi.

Gunn e il DC Universe

Non un solo studio, tra cui anche la Warner Bros., che come sappiamo detiene i prodotti DC Entertainment, diretti concorrenti della Marvel e della Disney, ha affermato di non voler contrattare con Gunn. Al contrario, tutti si sono detti immediatamente disponibili a parlare con lui, segno di come il suo licenziamento sia stato fondato su elementi davvero claudicanti, poco significativi per il grande pubblico e la stessa industria cinematografica.
Addirittura diversi produttori avrebbero già avuto delle sceneggiature da consegnarli, il loro spirito d'iniziativa però è stato messo in pausa, in attesa che la questione Gunn-Disney fosse risolta al 110%. Tutto questo comunque ci tranquillizza rispetto al futuro di James Gunn, cosa tutt'altro che scontata, visto il destino che la gogna mediatica sta riservando a Kevin Spacey e Woody Allen per questioni più o meno analoghe.
Dispiace ovviamente non avere più Gunn al timone dei Guardiani, eppure il detto "Quando si chiude una porta, si apre un portone" non potrebbe trovare più riscontri se non in questa situazione. Il regista ha davanti a se almeno due strade maestre, che fra l'altro possono anche coesistere fra di loro, senza che una escluda l'altra.

La prima, forse la più succulenta, riguarda un approdo proprio alla DC e alla Warner, una notizia che scatenerebbe un terremoto di dimensioni epocali. Walter Hamada avrebbe infatti l'occasione di strappare uno dei migliori autori alla Marvel e impiegarlo per il rilancio di un (attualmente) precario DC Universe, prendendo i proverbiali due piccioni con una sola fava.
Il secondo percorso ci fa ovviamente pensare all'horror demenziale, che Gunn conosce come le sue tasche e che ora potrebbe - grazie alla sua fama e ai mezzi a disposizione - elevare a un nuovo, eccezionale livello.
Qualunque cosa accadrà nel corso dei prossimi 12 mesi, speriamo soltanto di vedere James Gunn ancora in azione. Perdere una delle menti più estroverse dell'attuale generazione di cineasti sarebbe un peccato che non potremmo mai perdonarci.

Quanto attendi: James Gunn project - Horror Movie

Hype
Hype totali: 5
62%
nd