IT: Capitolo Due, i Perdenti del futuro e le origini di Pennywise

Soffermiamoci brevemente su tutti quegli aspetti del romanzo di Stephen King che vorremmo vedere nell'atteso sequel di Andy Muschietti.

speciale IT: Capitolo Due, i Perdenti del futuro e le origini di Pennywise
Articolo a cura di

L'attenzione mediatica è stata recentemente catturata dal primo trailer ufficiale di Doctor Sleep, sequel di Shining che tenterà di riunificare due mondi (quello di Stephen King e l'altro di Stanley Kubrick) a lungo rimasti agli antipodi. Il lungometraggio di Mike Flanagan (Hill House) uscirà in Italia il 31 ottobre, in tempo per Halloween, e sarà il secondo progetto dell'anno legato al Re dell'Orrore dopo il ben più atteso IT: Capitolo Due, seconda parte dell'adattamento cinematografico di Andy Muschietti in arrivo il 5 settembre.
Alle trasposizioni dei romanzi di Stephen King probabilmente non ci sarà mai fine, eppure proprio IT è una di quelle opere capaci di spiccare nel bel mezzo di una moltitudine di adattamenti ammassati uno sull'altro, soprattutto per una questione di carattere e personalità. Il primo capitolo si è dimostrato una visione vincente ma migliorabile del mastodontico racconto del Re, forse fin troppo legato a un'anima "alla Stranger Things" che il libro non detesta ma che certamente non estremizza come il film, che nella sua seconda parte è costretto a cambiare pelle proprio come i suoi protagonisti.

Il Cuore del Male

La scelta adottata da Muschietti regista e sorella produttrice è la seguente - come poi sappiamo: dividere IT in due precise linee narrative, quella con i Perdenti pre-adolescenti e questa seconda con tutti i personaggi cresciuti, ambientata 27 anni dopo il primo incontro con Pennywise. La decisione ha però un costo, relativo alla mancata segmentazione del racconto in due linee temporali costantemente incrociate, a dire il vero anche di più, se pensiamo che nel libro ci sono lunghi paragrafi dedicati al passato di Derry e alla sua curiosa quanto inquietante fondazione.
La visione è comunque chiara: un primo film dall'anima più avventurosa e fanciullesca, vicina ai massimi esponenti del genere (pensiamo ai Goonies o a Stand By Me) seppur con un pizzico di terrore in più, affondando poi le mani nell'elemento prettamente horror e adulto della seconda parte. Il primo trailer di IT: Capitolo Due ci ha così mostrato intenzionalmente questi vistosi cambiamenti, legati in particolar modo ai Perdenti cresciuti e una centralità differente della figura di Pennywise, di cui saranno approfondite le origini, e dunque verrà anche mostrato quel passato di Derry assente nel titolo precedente.
È stata confermata la presenza di flashback dei protagonisti bambini, che probabilmente andranno a creare quell'intersecarsi temporale prima mancante, avvicinandosi dunque con prepotenza alle corde narrative del romanzo. In questo secondo capitolo a risaltare dev'essere comunque l'orrore, quel profondo senso di impotenza davanti a una minaccia tornata a tormentare delle vite credute ormai al sicuro pur con i loro rispettivi problemi, di certo meno spaventosi di un'entità multidimensionale che si nutre di paura con le sembianze di un pagliaccio demoniaco.

Le relazioni tra i Perdenti, nel libro, sono essenziali, specie da adulti, quando maturi e consapevoli decidono di tornare a Derry per mantenere una vecchia promessa e mettere a rischio tutto. Da James McAvoy a Jessica Chastain, fino a Bill Hader, gli interpreti scelti per sostituire i personaggi bambini sono tutti attori eccellenti che dovranno creare su schermo un affiatamento complesso a differente da quello delle controparti bambine
Lontani per anni, ognuno con la propria carriera e i propri fantasmi da combattere, i Perdenti si rivedono come un vecchio gruppo unito da un solo obiettivo, amici come prima ma non più innocenti, quasi fosse una rimpatriata di vecchi compagni di scuola organizzata però per salvare un'intera città dal male assoluto. Sono gli unici crociati rimasti, baluardo della Tartaruga, costretti a scendere nel pozzo delle Luci Mortali e combattere il Ragno, simbolo predatorio e ributtevole del male incarnato.

Speriamo allora che IT: Capitolo Due possa completare questa crescita dei Perdenti e darne una descrizione a tutto tondo, prendendo sia le loro esperienze passate e bambinesche, sia tutto ciò che hanno imparato e vissuto nel corso di 27 lunghi anni, in un adattamento che possa dirsi persino migliore di IT: Capitolo Uno. Al contempo, la minaccia di Pennywise deve essere sensibilmente più decisa, presente e agghiacciante, come poi visto nel trailer ufficiale nella scena con Beverly Marsh. È esattamente quel mix tra jump scare e horror psicologico rarefatto e inquietante il valore aggiunto rispetto al passato che, unito a tonalità adulte che scacciano con doverosa serietà un clima avventuroso qui non necessario, potrebbero fare di IT: Capitolo Due una delle migliori trasposizioni di un romanzo di Stephen King.

Quanto attendi: IT Capitolo Due

Hype
Hype totali: 56
85%
nd