IT 2: le ultime novità sul cast dei Perdenti, tra sorprese e conferme

Con l'inizio delle riprese fissato per luglio, ecco sbarcare online le prime informazioni sul cast adulto del secondo e atteso film.

speciale IT 2: le ultime novità sul cast dei Perdenti, tra sorprese e conferme
Articolo a cura di

Chiudendo la sua corsa con 700 milioni di dollari incassati in tutto il mondo, IT di Andy Muschietti non solo si è rivelato il miglior adattamento possibile della mastodontica opera letteraria di Stephen King, ma anche uno dei film più redditizi del 2017, a fronte di un "misero" budget di appena 35 milioni di dollari. Merito di tale successo è dovuto sicuramente al Pennywise di Bill Skarsgard e alla visione del regista, che ha saputo cogliere l'anima marcia dell'america descritta nel romanzo originale, trasponendo al cinema con dovizia di particolari anche i Perdenti, i bambini-eroi protagonisti della storia.
Per necessità di botteghino e per ambientare la seconda parte della storia nei nostri giorni, i periodi temporali del romanzo sono stati come ormai ovvio cambiati, con il primo incontro tra i Perdenti e il clown che avveniva in IT nel 1988 e con il secondo previsto invece per il 2015, esattamente 27 anni dopo. E tra le più grandi curiosità che ci riserverà il secondo capitolo, tra tutte c'è sicuramente il casting del Perdenti adulti, di cui solo ultimamente sono trapelati online i primi nomi, tra sorprese e diverse conferme.

Perdenti si diventa

A ridosso dell'uscita nelle sale del primo capitolo, lo scorso ottobre avevamo provato a stilare una lista di attori a nostro avviso adatti a vestire i panni di Bill Denbrough, Richie Tozier, Beverly Marsh e degli altri membri del club dei Perdenti, rifacendoci sia alle parole dei giovani interpreti dei Perdenti bambini sia a elementi come physique-du-role, compatibilità di impegni e budget. Per Denbrough, così, si parlava di un nome di un certo spessore come Matthew McConaughey, ma stando all'ultimo report di Variety a quanto pare la Warner Bros avrebbe puntato su un altro interprete con la I maiuscola, James McAvoy, il Professor Xavier degli X-Men. L'attore sarebbe attualmente in trattative con lo studio per ottenere la parte, ma sembrerebbe vicinissimo a chiudere l'accordo. Stando anche ai vecchie indiscrezioni, in realtà McAvoy non appariva in nessuna preferenza dei fan, forse per la sua poca somiglianza con il Denbrough adulto, ma l'interprete è estremamente versatile e molto adatto. Ha già recitato in un thriller horror quest'anno, Split, tra l'altro come grande villain, e date le riprese del prossimo Glass di M. Night Shyamalan ha già la testa rasata, il che lo avvicina ancora di più al Bill adulto, vittima di un incipiente calvizie. Resta comunque lontano dalla prima scelta di Jaeden Lieberher, il Bill bambino, che vedeva nella parte ormai cresciuta un inarrivabile Christian Bale, in questo caso per problemi relativi al budget, anche se questo secondo capitolo vedrà un incremento delle spese dati gli alti introiti del primo film. Se però le scelte di Lieberher e dello studio per Bill non hanno trovato un punto di contatto, storia differente è quella per la parte di Richie Tozier, comic relief principale del romanzo e interpretato in IT dal bravissimo Finn Wolfhard, la piccola star di Stranger Things.
L'attore aveva infatti indicato come suo "successore" il divertente Bill Hader (Tropic Thunder, Paul, Barry in tv), nome che anche noi di Everyeye ci sentivamo di condividere, e a 6 mesi di distanza anche la Warner Bros ha deciso di parlare con Hader proprio per offrirgli la parte di Tozier. Adesso la star sarebbe in trattative ufficiali insieme a McAvoy per finalizzare il contratto, così da entrare a bordo del progetto insieme al collega e lasciare vacanti soltanto altri quattro "posti", quelli di Ben Hascom, Mike Hanlon, Stan Uris ed Eddie Kaspbrak.

Sì, quattro, perché la parte di Beverly Marsh sembrerebbe ormai stata presa dalla telefonatissima Jessica Chastain, forse l'unica certezza di questo casting call che speriamo ci regali ancora molte altre gioie. Forse queste non corrisponderanno a nomi quali Chris Pratt per Hascom, Martin Freeman per Kaspbrak o Chadwick Boseman per Hanlon, ma l'idea è che adesso la Warner voglia spendere meglio e bene per i suoi Perdenti adulti, il che rende tutto plausibile.

Che voto dai a: IT

Media Voto Utenti
Voti: 80
8
nd