Da Iron Man a Joker, 5 film in cui si improvvisava sul set

Pellicole iniziate senza copione, con sceneggiature cambiate in corso di produzione, più e più volte: ecco i 5 film più famosi improvvisati sul set.

Da Iron Man a Joker, 5 film in cui si improvvisava sul set
Articolo a cura di

Ci sono alcuni attori che riescono a seguire la proposta indecente del regista di girare il proprio film senza un copione. Talento e preparazione vengono così valorizzati sul set, dando vita a una delle più bistrattate eppure antiche tecniche della recitazione: l'improvvisazione. Oggi su Peacock esce il tanto discusso My Son, la pellicola con James McAvoy e Claire Foy che è stata descritta come "un'esperienza cinematografica rivoluzionaria".

A rendere particolare e immersivo il trailer di My Son è la sua caratteristica di essere un film senza sceneggiatura: ciò a cui assistiamo è un thriller "puro". Proprio come l'attore, anche noi spettatori saremmo spinti dalla disperazione di chi deve trovare il proprio figlio di sette anni scomparso. Ma per quanto My Son sembri "rivoluzionario" come lo era stato 1917 per la sua iconica ripresa tutta in un piano-sequenza, è davvero l'unico in cui gli attori hanno recitato "liberamente"? Ecco in quali altri celebri film si improvvisava sul set, da grandi fenomeni pop come Iron Man e Joker ad altre opere davvero autoriali.

Joker e l'improvvisazione

Ad aprire il sipario dell'improvvisazione, lui, Joaquin Phoenix, che col suo Joker si è meritato il Premio Oscar come Miglior attore nel 2020. Ma gran parte della sua interpretazione nei panni dell'antagonista di Batman è frutto di quel genio che si pone al confine con la follia: molte scene girate da Phoenix sono state improvvisate sul set dall'attore.

Celebri sono la danza dentro i bagni pubblici e la scena del frigo. La prima sequenza prevedeva che Arthur Fleck iniziasse un monologo con il suo riflesso allo specchio, ma come sappiamo bene non è andata così. Il balletto che segue è del tutto improvvisato da Phoenix.
Anche la parte in cui Arthur si rifugia nel frigo non era prevista dal copione. Come ha dichiarato Lawrence Sher, il direttore della fotografia, Phoenix ha fatto di testa sua. E neppure il regista ha voluto fermarlo. Anche Zazie Beetz, che interpreta la donna di cui si invaghisce Joker, ha dichiarato ai microfoni di MTV: "Il copione l'abbiamo riscritto daccapo mentre giravamo. Letteralmente. Ci riunivamo nel camper di Todd Phillips e scrivevamo la scena da interpretare quella sera".

Anche Lo squalo?

Un film che ha fatto (letteralmente) "acqua" da tutte le parti è stato Lo Squalo: una pellicola che ha sancito un paragrafo determinante nella storia dei thriller, è partito "senza un copione, con un cast ancora incompleto e senza uno squalo", come dichiarato dallo stesso Richard Dreyfuss.

I produttori Richard D. Zanuck e David Brown avevano descritto a grandi linee la trama della pellicola, partendo dall'omonimo romanzo di Peter Benchley, ma neppure dopo aver scelto Steven Spielberg come regista si trovò una stabilità. Fino alla fine dei suoi 159 giorni di ripresa, Lo Squalo ha visto talmente tanti cambi di sceneggiatura e montaggi che Spielberg pensava che avrebbe sancito la fine della sua carriera, quando era stato proiettato. Menzione d'onore agli squali veri che hanno realizzato una scena del film. Decisamente improvvisando.

Casablanca: "Avremo sempre Parigi"

Altri iconici titoli rientrano nella lista degli improvvisati: Casablanca, per esempio, il capolavoro di Michael Curtiz. Il film è stato così tanto rimaneggiato nel corso della produzione che a una sola settimana dalla fine delle riprese non c'era ancora un finale soddisfacente.

Certi dialoghi sono stati realizzati sul set il giorno stesso in cui una scena doveva essere girata e persino l'inizio venne filmato senza sapere cosa sarebbe successo dopo. Howard Koch ricordò in seguito: "Siamo partiti senza un copione completo, così quando Ingrid Bergman mi chiese quale uomo avrebbe dovuto amare di più, le risposi 'Non lo so... trattali allo stesso modo', perché non sapevamo come sarebbe proseguita la storia!". Narra la leggenda che esista un finale alternativo della pellicola. Ma chissà se è lo stesso trovato da Bart e Lisa dei Simpson. Oppure, se leggete la nostra recensione di Curtiz, il film proprio su Casablanca, potreste scoprire qualcosa di più.

Edge of Tomorrow e Iron Man

Passando per film più moderni, troviamo Edge of Tomorrow e Iron Man: a quanto pare la pellicola con protagonista Tom Cruise è stata talmente frutto di improvvisazioni che anche il titolo, fino alla fine, è cambiato diverse volte.

Persino il protagonista è stato sostituito nel corso della produzione: all'inizio la Warner aveva scelto Brad Pitt. Il regista Doug Liman aveva gettato via, alcuni mesi dall'inizio del suo ingaggio, due terzi del suo script esistente. Da allora si sono susseguiti otto diversi sceneggiatori prima di arrivare alla versione finale. Ma è nulla in confronto all'improvvisazione di Iron Man: Jeff Bridges ha svelato nel 2009 che il primo film dell'universo cinematografico Marvel è stato scritto giorno per giorno sul set.
"Non c'era alcun copione. C'era solo uno schema. Per tutte le scene importanti, arrivavamo sul set e non sapevamo cosa avremmo dovuto dire. Chiamavamo gli sceneggiatori al telefono e chiedevamo loro se avevano qualche idea, mentre la troupe era lì fuori ad aspettarci, rigirandosi i pollici". Un film che, visto il rigore che sembra permeare le produzioni Marvel Studios, sembrava perfettamente organizzato. "Ma era esattamente l'opposto", ha continuato Bridges. "E tutto perché avevano deciso la data d'uscita prima di avere un copione tra le mani, convinti che tanto sarebbe arrivato in tempo. E non è successo". Almeno sappiamo, visto il grande successo, che è finita bene per il supereroe di Robert Downey Jr... più o meno.

Che voto dai a: Iron Man

Media Voto Utenti
Voti: 133
8.3
nd