Speciale Il MET al cinema

La grande Opera al cinema, una scommessa vinta dal MET di New York

INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

È stato definito “L’esperimento più riuscito del mondo dell'Opera a quattrocento anni dalla sua creazione”, ed in effetti conveniamo con questa definizione.
Movieye si occupa di cinema, all'interno di un network crossmediale come Everyeye che tratta anche videogiochi, fumetti, tecnologia ed entertainment in generale. In quanto esperimento crossmediale di grande portata, che porta l'antico (ma mai vecchio) nel nuovo (il cinema, via satellite e nella sua forma più attuale) la nuova Stagione del Metropolitan merita senza indugio, a parer nostro, più che una citazione sulle nostre pagine.
Sono 1600 nel mondo -e più di 60 in Italia- i cinema che trasmettono il MET via satellite, coinvolgendo un totale di 54 paesi, tanto da raccogliere la più grande platea mondiale mai raggiunta per un’iniziativa di questo genere. Di recente le trasmissioni via satellite del Metropolitan sono arrivate anche in Russia, Israele, Cina, Cipro, Repubblica Domenicana, Marocco, Slovenia, S. Thomas nelle Isole Vergini. E naturalmente in Italia, grazie a NEXO Digital che distrubuisce l'iniziativa nei circuiti italiani, come UCI Cinemas e The Space Cinema (trovate l'elenco completo delle sale -oltre all'elenco delle prossime date- su http://www.nexodigital.it).
Noi, in particolare, abbiamo potuto visionare uno degli spettacoli in cartellone (L'isola incantata) presso una sala UCI Cinemas, restandone conquistati.

La grande Opera al cinema, una sfida vinta dal MET

La scorsa stagione del MET trasmessa al cinema, con un record di 2milioni 600 mila biglietti venduti, ha quadruplicato il pubblico del MET (circa 800 mila persone assistono dal vivo agli spettacoli del MET all’interno del teatro). Da quando la serie del MET al cinema è stata lanciata nel 2006, sono stati venduti oltre 8 milioni di biglietti. Il Metropolitan è, naturalmente, garanzia di uno spettacolo unico al mondo per valore e bellezza, e vede la presenza di star internazionali come Anna Netrebko, Stephanie Blythe, David Daniels, Natalie Dessay, Joyce Di Donato, Plácido Domingo e tanti altri nomi notissimi al pubblico appassionato.
Esempio di pregio è stato lo spettacolo da noi visionato, L'isola incantata, diretto da William Christie e con la regia di Phelim McDermott, con protagonisti, tra gli altri, Danielle de Niese, Joyce DiDonato, Plácido Domingo e Luca Pisaroni. Un pastiche barocco ispirato a La Tempesta e a Sogno di una Notte di Mezza Estate di Shakespeare, con musiche di Vivaldi, Handel, Rameau.
Gli interpreti sono straordinari, i costumi ricchissimi, la scenografia sfarzosa e all'avanguardia, con giochi di luce e ologrammi che rendono la visione quasi tridimensionale. La regia di McDermott, inoltre, è vivace e puntuale, rendendo lo spettacolo vivo e focalizzando l'attenzione dello spettatore ora sull'insieme, ora sui preziosi particolari.
Inoltre, lo spettacolo è introdotto da informazioni sull'opera e intervallato dall'interessante backstage a cura del soprano Deborah Voigt, che ci mostra il dietro le quinte e intervista gli interpreti. Il risultato è stupefacente, perché permette di 'vivere' letteralmente la grande opera ad un prezzo contenuto, in un cinema vicino casa, e ai massimi livelli, vista la cura nella realizzazione tecnica e la qualità audio/video assicurata dal cinema.
Anche chi non è un appassionato può così cominciare a seguire il mondo dell'Opera in maniera informale ed 'easy', visti anche i puntuali -e ben tradotti- sottotitoli del libretto originale.
Insomma, dopo aver saggiato le già grandi potenzialità dei concerti al cinema (A day with Shakira) ci ritroviamo ora convintissimi della bontà di operazioni simili, che esportano la cultura tra la gente comune, che ha spesso visto l'Opera solo come uno spettacolo 'snob' e non come un intrattenimento divertente ma al contempo culturale e ricco di significato. In un periodo in cui il cinema tende a massificare gli introiti tramite blockbuster dal grande appiglio commerciale ma, spesso, dal basso profilo culturale, veder sfruttare il mezzo cinema (anche grazie alla rivoluzione della trasmissione via satellite) è sicuramente un traguardo importante.

Quanto attendi: MET

Hype
Hype totali: 9
52%
nd