Marvel

Il futuro del Marvel Cinematic Universe è alle porte: cosa aspettarsi?

Entro due mesi conosceremo probabilmente tutti i piani dei Marvel Studios relativi alla Fase 4 del MCU, della quale comincia forse a trapelare qualcosa.

speciale Il futuro del Marvel Cinematic Universe è alle porte: cosa aspettarsi?
Articolo a cura di

I primi dieci anni sono passati: pensiamo ai prossimi dieci. Questo - in sintesi - il ragionamento degli heads di Disney e Marvel Studios sul Marvel Cinematic Universe, centro nevralgico delle produzioni ad alto budget della Casa di Topolino. Avengers: Endgame ha chiuso un periodo importante dell'universo narrativo supereroistico, in uno showdown contro Thanos assolutamente memorabile, eppure è arrivato il momento di guardare oltre, verso nuovi orizzonti.
I piani del MCU che verrà sono ancora fumosi per noi che scriviamo e per voi che leggete, eppure Kevin Feige e soci lo stanno costruendo alacremente già da anni, dando ossatura al futuro e costruendo una solida base da cui partire. Senza girarci troppo intorno, questa sembra essere il Multiverso Marvel, un insieme di dimensioni alternative e universi differenti con cui lavorare per diversificare.
Si sono create con lo schiocco di Thanos, saranno approfondite - inizialmente - in Spider-Man: Far From Home, verranno riprese e centrate nei progetti della Fase 4 che andremo ora ad analizzare. Importante sottolineare come si tratti di rumor - più o meno attendibili - e che dunque sia un testo di pura speculazione, che potrebbe però contenere diversi elementi che saranno poi confermati. Vi invitiamo dunque a fare questo breve viaggio insieme a noi.

Rappresentanza prima di tutto

Oltre a Feige, l'altra super produttrice dei Marvel Studios è Victoria Alonso, al momento una delle donne più potenti di Hollywood. La sua filosofia produttiva si basa al momento su di un concetto basilare: l'inclusione. Si riferisce all'integrazione cinematografica di minoranze e comunità quali asioamericana o LGBTQ, per arrivare a una rappresentazione sostanziale della società moderna, ormai lontana da concetti esclusivamente patriarcali, bisognosa di evolversi. Lo fa anche il MCU, scegliendo di uscire già il prossimo anno con i primi tre o quattro titoli della Fase 4, tutti dedicati proprio alle minoranze.
Basandoci infatti sui casting e i programmi di ripresa, i tre film che dovrebbe uscire nel 2020 sono Black Widow, Gli Eterni e Shang-Chi. Si intuisce subito il cambio di passo. Lo stand-alone dedicato alla Vedova Nera con Scarlett Johansson è il secondo film dell'Universo Marvel interamente dedicato a un'eroina femminile, il primo interamente diretto da una donna, Cate Shortland. L'uscita del solo movie per il prossimo anno è praticamente certa, visto che le riprese sono attualmente in corso (qui la Johansson sul set), anche se manca una data ufficiale. Sarà ambientato prima o dopo Endgame? Secondo molti, gli eventi di Black Widow seguiranno il post-Civil War, ma grazie a nuove immagini ha cominciato a farsi insistente la possibilità che il titolo possa seguire la Fine dei Giochi.

È tutto basato su di una foto abbastanza sfocata e sul fatto che Captain America, riportando su Vormir la Gemma dell'Anima, abbia in qualche modo riportato indietro Natasha Romanoff, dunque decisamente fragile come ipotesi, andando inoltre a collidere con le parole dei Russo, che hanno spiegato come "la Romanoff sia definitivamente scomparsa".
Si apre allora l'ipotesi Multiverso, uguale ma diversa, anche se onestamente tale possibilità è più difficile da sostenere, visto che andrebbe a ingarbugliare fin troppo continuity e spessore narrativo. Probabilmente scopriremo la verità a fine agosto.

L'evento rivelatore

Che agosto sarà un mese rivelatore è l'unica certezza che abbiamo. Proprio in queste ore, infatti, la Disney ha annunciato una serie di panel che andranno ad arricchire il D23, l'annuale convention della società ad Anaheim, in California, dove saranno presentati diversi progetti della compagnia, non solo Marvel. Parliamoci chiaro, però: i cinecomic e la Fase 4 MCU saranno il cuore pulsante dell'evento.
Abbiamo anche una data esatta: il 24 agosto. Significa che salteranno ancora una volta la Hall H del San Diego Comic-Con? Probabile. In fondo non ne hanno più bisogno e il D23 è in sostanza la fiera del mondo Disney, dunque il palco migliore su cui raccontare i progetti del domani.
Parlavamo comunque dei prossimi cinecomic in uscita: se Black Widow sarà la punta di diamante di marzo o aprile, siamo quasi certi che Gli Eterni sarà quello estivo, di luglio 2020, lasciando poi l'autunno in mano a Shang Chi. Lo ripetiamo: sono supposizioni basate su vari rumor e progetti di produzione, ma sono i più credibili.
Avevamo pensato anche alla possibile uscita di Doctor Strange 2 per il prossimo anno, ma un recente report darebbe le riprese del film diretto da Scott Derrickson previste per il gennaio 2020, il che significa una release per il 2021, contando anche un'importante fase di post-produzione.

Certo, di Shang-Chi non abbiamo ancora nulla se non un regista (Destin Daniel Cretton), eppure lo spingere all'inclusione e al lancio di storie originali, più slegate dalla continuity rispetto al passato, ci porta a pensare che l'adattamento dell'eroe asiatico sia di vitale importanza per lo studio, da concretizzare il prima possibile.

Facendo un rapido resoconto, il 2020 potrebbe e dovrebbe regalarci tre progetti originali non sequel, interamente improntati sulla rappresentanza (culturalmente parlando, tema da battere finché caldo, e non in senso negativo) e di cui uno corale, come i Guardiani della Galassia.
Stando agli ultimi leak, i sequel non mancheranno di certo e arriveranno già nel 2021, anno d'uscita di Doctor Strange 2 - lo dicevamo poco sopra -, di Guardiani della Galassia Vol. 3 (le riprese sono confermate nel 2020) e di Black Panther 2. Siamo più orientati a pensare al sequel del cinecomic di Ryan Coogler anziché a Captain Marvel 2 per una questione d'uscita cinematografica, visto che l'opera dedicata a Pantera Nera è uscita nel febbraio 2018.

E poi?

Fin qui, ci siamo. La suddivisione a tre film all'anno è quella che abbiamo scelto di utilizzare guardando agli ultimi tre anni dei Marvel Studios. Ci sembra anche la più funzionale al mantenimento di una certa ed elevata fetta di mercato, anche se potremmo ovviamente sbagliarci. Detto questo, il 2022 dovrebbe vedere l'arrivo di Captain Marvel 2, di film completamente nuovi e al momento soltanto rumoreggiati, che proveremo però a mettere in fila.
Si tratta di Nova, presunto stand-alone sull'omonimo supereroe spaziale a lungo desiderato dai fan dei Marvel Studios, di Ant-Man 3 (mai confermato, ma possibile), Thor 4 e New Avengers.

I leak degli ultimi giorni vanno in realtà anche oltre, anticipando il presunto arrivo di altri due filoni dei Vendicatori molto cari agli appassionati: Young Avengers e soprattutto Dark Avengers, che oltre ad andare sempre più al fondo del Multiverso Marvel, potrebbero anche introdurre il Dark Reign, evento consequenziale alla Secret Invasion (forse affrontata in New Avengers o Captain Marvel 2) che vede l'ascesa al potere di Norman Osborn, con un gruppo di Vendicatori formato da Dottor Destino, Emma Frost, Loki e Namor.
Quando diciamo "potrebbe condurre" ci riferiamo a una fase consecutiva, chiamiamola 5, quando verranno introdotti anche gli X-Men, i Fantastici 4 e Deadpool, che a quanto pare non arriveranno prima del 2022.
Magari uno di questi potrebbe far direttamente parte della Fase 4, ma al momento è davvero difficile da dire, visti ancora i colpi di assestamento della fusione con la Fox e la pianificazione per i reboot di tutti questi personaggi, rientrati nelle mani dei Marvel Studios da pochissimi mesi, dopo una Fase 4 presumibilmente già pianificata a dovere.