Marvel

Il film su Vedova Nera diventa realtà: speranze e considerazioni

È stato chiamato a gran voce dai fan e i Marvel Studios li hanno ascoltati: la Black Widow di Scarlett Johnasson arriverà al cinema in uno stand-alone.

speciale Il film su Vedova Nera diventa realtà: speranze e considerazioni
Articolo a cura di

Grazie alle innumerevoli interviste al Presidente Marvel Studios Kevin Feige, ai fratelli Russo e a diversi membri del cast, sappiamo ormai che l'attesissimo Avengers: Infinity War e il quarto capitolo del crossover (ancora senza titolo) saranno una sorta di unicum che concluderà il primo e fortunato decennio cinematografico dello studio, cambiando molte carte in tavola. Data l'importanza di Avengers 4 per il futuro del MCU e lo sviluppo di altri universi come quello Spaziale o Multiverso, è in realtà ancora presto per sbilanciarsi su di una Fase 4 attualmente in costruzione, della quale sappiamo però faranno quasi certamente parte Spider-Man: Homecoming 2, Guardiani della Galassia Vol. 3 e l'appena annunciato film stand-alone dedicato alla Vedova Nera di Scarlett Johansson, chiamato a lungo e a gran voce dai fan.
E a quanto pare Feige e piani alti hanno ascoltato le grida di approvazione per un simile progetto, mettendolo in produzione tra innumerevoli variabili e cercando soprattutto di rispettare le speranze degli appassionati.

Sexy e letale

Come pretende ormai una Hollywood in fase di repulisti dalle malerbe sessiste e in costante lotta per una doverosa parità (anche se spesso si trascendono i modi), per scrivere il film il buon Feige ha deciso di ingaggiare la semi-sconosciuta ma lanciatissima Jac Schaeffer, che ha all'attivo due sceneggiature e una in fase di stesura. È considerata una dei talenti emergenti odierni, tanto che le è stato affidato anche un blacklisted-script dal titolo The Shower.

Donna, brillante e in ascesa: diciamo che la scelta dei Marvel Studios potrebbe rivelarsi davvero vincente, soprattutto perché, al netto di contraddizioni e vizi etici sulla questione sexual harrassement in America, una cosa è dannatamente certa: pochi uomini riescono a scrivere un personaggio femminile duro e puro senza cadere in gender cliché o in dialoghi posticci. E dopo lunga attesa, vedere una supereroina del calibro della Vedova Nera pronunciare battute mache o atteggiarsi come un uomo non sarebbe il massimo. Meglio prevenire e puntare come solito sul panorama indipendente, dove storia e personaggi hanno la meglio sui soldi, anche se il trasbordo qualitativo in casa blockbuster non è assicurato in alcun modo. La Schaeffer dovrà allora faticare non poco per centrare una trama originale che misceli sapientemente forza, carattere e abilità della Vedova Nera in un mix spy-action-thriller che renda giustizia alla controparte cartacea. E qui potrebbe (e forse dovrebbe) entrare in gioco il Rated-R tanto chiacchierato finora. L'acquisizione Fox è attualmente sotto il vigile esame dell'antitrust, ma è impensabile che non possa essere ufficializzata entro la scadenza prevista. Questo comporterebbe ovviamente lo sperato mantenimento delle promesse di Bob Iger e Feige, cioè il mantenimento del bollino restricted per Deadpool e compagni e soprattutto il lancio del Marvel-R, l'etichetta della Casa delle Meraviglie sotto la quale si muoveranno i titoli cinecomic vietati ai minori.
E senza girarci troppo intorno, Black Widow sarebbe un progetto assolutamente perfetto per saggiare quella (ampia) fetta di pubblico Disney che da tempo desiderava un approfondimento più truculento e cremisi dei super di casa Marvel. Questo innanzitutto perché la Vedova Nera ha un bacino di appassionati ormai davvero importante, grazie alle continue apparizioni di Scarlett Johansson nel personaggio e al buon uso che prima Joss Whedon e poi i Russo ne hanno fatto nei loro film.

Ma come se questo non bastasse, la backstory della letale assassina russa è colma di abusi e violenze, siano esse fisiche o psicologiche, e pensando a uno sviluppo organico sul grande schermo vengono alla mente scene d'azione prive di censura e uno stile narrativo e visivo che potrebbe avvicinarsi a un'Atomica Bionda sotto steroidi.
Il problema sarebbe poi tornare indietro e re-inserirla in un contesto family friendly come quello degli Avengers, dilemma comunque superabile con un po' di impegno. Non che lo stand-alone su Black Widow non funzionerebbe anche nella sua attuale forma PG-13, ma parliamoci chiaro: è arrivato il momento di sfruttare ogni elemento di questa sexy e letale anti-eroina nel miglior modo possibile, pensando al bene del personaggio e soprattutto dimostrando coraggio. In fondo non stiamo parlando di un ragnetto qualunque, ma della mortale Vedova Nera.

Quanto attendi: Avengers: Infinity War

Hype
Hype totali: 273
90%
nd