Speciale Il Cavaliere Oscuro: la mostra

In mostra foto, costumi e mezzi di scena della saga nolaniana

speciale Il Cavaliere Oscuro: la mostra
Articolo a cura di
Marco Lucio Papaleo Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Google+.

Il 24 Agosto il lido di Ostia (Roma) si è trasformato in uno spicchio di Gotham City, grazie alla mostra dedicata a Batman organizzata per il lancio de Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno, da oggi in tutte le sale. L'iniziativa ha avuto luogo per cinque giorni, dal 24 al 28, celebrando l'epica saga creata da Christopher Nolan che, col suo terzo capitolo, giunge infine a conclusione. L'evento, voluto e organizzato da Warner Bros. Pictures Italia, segue le orme di quello svoltosi l'anno scorso per celebrare la conclusione della saga di Harry Potter. Nessun attore del cast è stato presente all'inaugurazione, questa volta, ma la mostra era decisamente più succosa dal punto di vista del materiale di scena. E se in Piazza Anco Marzio ci aspettava una selezione delle più spettacolari foto di scena -vere e proprie opere artistiche a cielo aperto- il pezzo forte dell'esposizione era in Piazza dei Ravennati, dove non ci hanno deluso i mezzi e i costumi in esibizione, destinati ad essere il bersaglio designato di migliaia di macchinette fotografiche. La mostra, completamente gratuita, grazie alla sua posizione sul litorale, era difatti meta non solo di “devoti pellegrini” del credo Nolaniano e di quello del Cavaliere Oscuro, ma anche di semplici avventori e turisti, che hanno scoperto l'installazione per caso.

Dentro la Bat-Caverna

Una volta all'interno della struttura, veniamo accolti da un vero pezzo forte: una delle Camo Tumbler utilizzate nel film, in tutta la sua imponenza e rude possanza. Poco più in là, la decisamente più aggraziata Batpod, la motocicletta corazzata di Batman.
Nella sala attigua, ecco l'esposizione dei costumi originali, e abbiamo il piacere di scoprire la consistenza, il “feeling” dei costumi di un film supereroico 'dal vivo'.
Si parte da quello di Bane, di impianto militaresco, rozzo, e funzionale, con il caratteristico cappotto impellicciato e l'impressionante maschera del personaggio.
Al centro non poteva che esserci lui, il Dark Knight per eccellenza, Batman: davvero curioso smontare con gli occhi la corazza per scoprirne giunture, materiali, particolari magari non in mostra nella pellicola, come ad esempio la bat-cintura.
Seguono anche costumi “secondari” come quello del terrorista/scagnozzo di Bane, del poliziotto (lo stesso tipo che indossa, per buona parte del film, lo stesso Blake interpretato da Joseph Gordon-Lewitt) e addirittura la divisa da football dei Rogue, la squadra di Gotham City.
Ma il costume che forse più di tutti ci ha incuriosito è stato quello di Catwoman (come recitava la targhetta, anche se nel film non è mai chiamata così). Attillatissimo, sinuoso, con stivali da capogiro e l'originale maschera/visore a completare il tutto.
Una mostra relativamente piccola, più che altro visiva (erano inoltre presenti i maxicartelloni del film, oltre a schermi che proiettavano featurette tratte dallo stesso), ma sicuramente interessante, se non addirittura emozionante per i più grandi fan di quest'epopea. Un'emozione mista a sorpresa, quando abbiamo notato, sul marciapiede all'uscita della mostra, il pipistrello disegnato col gesso, parte integrante della campagna virale che ha promosso il film negli scorsi mesi.

Che voto dai a: Il Cavaliere Oscuro - Il Ritorno

Media Voto Utenti
Voti totali: 110
8.3
nd