I Fantastici 4 nel MCU: chi potrebbe interpretarli?

I Fantastici 4 sono in procinto di entrare nel Marvel Cinematic Universe. Abbiamo provato a immaginare quali sarebbero gli attori giusti per interpretarli.

speciale I Fantastici 4 nel MCU: chi potrebbe interpretarli?
Articolo a cura di

La Marvel ha spesso puntato sul concetto di famiglia. Un po' quella che ti scegli, un po' quella che hai. In mezzo a supergruppi e parentele, però, i Fantastici 4 sono sempre stati una pietra angolare della Casa delle Idee: sia unione di eroi che famiglia, sia amici che fratelli, padri, zii. Un microcosmo perfetto per veicolare storie a fumetti ma che non ha mai trovato una valida controparte cinematografica. Dalla doppietta di Tim Story dei primi anni 2000 - alla quale bisogna riconoscere il merito di alcune scelte di casting azzeccate - al flop assoluto di Fantastic 4, il gruppo non è mai stato onorato a dovere su pellicola.
Ora, finalmente, la Disney e i Marvel Studios hanno di nuovo i diritti cinematografici dei Fantastici 4 e la famiglia verrà inserita nel Marvel Cinematic Universe con volti completamente nuovi. Sì, ma quali?
Abbiamo fatto analisi, scomodato il CERN e usato qualche consiglio della magica Palla 8, un po' come abbiamo fatto per Norman Osborn, ed ecco a voi le nostre ipotesi per i Fantastici 4 nel MCU. Filtrate dalla grande domanda che ci chiediamo tutti: gruppo giovane/giovanissimo per partire da zero o attori navigati? Scopriamolo assieme.

Reed Richards/Mr. Fantastic

Cominciamo in salita. La scelta dei volti dei Fantastici 4 all'interno del MCU sarà strettamente correlata al modo in cui saranno inseriti. Se si parte da zero è molto probabile che siano giovani, alle prime armi. Se arrivano da un altro universo avranno già i poteri e non saranno ragazzi. Insomma, le possibilità sono molteplici, ma possiamo comunque dividere i Reed Richards in giovani (o giovanili) e adulti. Per i giovanili, anche strizzando l'occhio alla controparte cartacea dell'universo Ultimate, si potrebbe puntare su Colin Morgan. Il giovane Merlino della serialità televisiva ha tutte le carte in regola: alto, allampanato, sulle nuvole ma al tempo stesso dal piglio serio, adulto, più di quanto la sua faccia imberbe lascerebbe pensare. Ha l'aria dello scienziato folle ma geniale e, diciamocelo, sembra già pronto ad allungare il suo corpo.

Lanciandoci verso lidi più adulti, potremmo cercare una persona che andrebbe bene sia senza barba che con, e quindi... John Krasinski. Il barbuto attore, regista e sceneggiatore funzionerebbe sia con il viso pulito, che potrebbe suggerire una minor esperienza, sia con la faccia ricoperta di foltissima peluria.
Ha anche un lato giocoso, un po' dissacrante (ve lo ricordate in The Office?), che potrebbe ben inserirsi nella parte di carattere "sulle nuvole" di Reed, quella in cui si perde per giorni nel laboratorio dimenticandosi anche di mangiare. Poi gli si fa crescere la barba quando nasce Franklin, ma abbiamo ancora tempo.

Susan Storm/La Donna Invisibile

C'è un immaginario di Susan Storm impossibile da ignorare: quello di dea nordica, di donna perfetta sotto ogni punto di vista, tanto da far innamorare un tizio come Namor, che non è proprio uno che si mette a fare le coccole sotto le coperte. Ecco perché vederla giovanissima, forse, non sarebbe così facile (si potrebbe azzardare una Holland Roden, star di Teen Wolf). Ma torniamo alla dea nordica. Forse ne esiste soltanto una, anche se la forma del viso ricorda poco la sua controparte cartacea: Katheryn Winnick. L'indimenticabile Lagertha di Vikings avrebbe il piglio giusto per un ruolo così denso come quello di Sue Storm, e anche il phisique du role per portarlo avanti con statuario eroismo. Volendo variare sul tema, perché non Yvonne Strahovski? Ha già dato prova di sé in ruoli agli antipodi (Chuck, Dexter e The Handmaid's Tale), ognuno sfaccettato in maniera diversa. Ha inoltre tutte le carte in regola per essere una vera e propria dea dentro il Marvel Cinematic Universe.
Potrebbe però esserci una terza opzione, molto più vicina alla Sue Storm cartacea: Allison Williams. Presenza scenica magnetica (basta ricordarla in Get Out per convincersene) e quel volto giovanile perfetto per una via di mezzo che la Marvel potrebbe andar cercando. È poi inutile negarlo: bionda con quegli occhi azzurri è praticamente Susan Storm presa di peso dal fumetto.

Ben Grimm/La Cosa

Il casting più difficile di tutti. Intanto perché Michael Chiklis era veramente perfetto, e poi perché trovarlo giovane sarebbe dura. Qui sarà tutto un lavoro di motion capture, a maggior ragione se i Fantastici 4 arriveranno già con i loro poteri. Quindi Ben Grimm potrebbe vedersi solo in versione Cosa, e magari la controparte umana apparirebbe in qualche flashback. Perciò... chi? Forse l'unica soluzione è David Harbour.
L'amatissimo sceriffo Hopper di Stranger Things e il nuovo (molto meno amato) Hellboy avrebbe davvero tutte le carte in regola per interpretare la Cosa. Fisico imponente, volto squadrato, occhi umanissimi. C'è tutto quello che serve per regalare ai fan il Ben Grimm ideale, supportato da una CGI come si deve. L'unico problema? Sembra proprio che David Harbour sarà in Black Widow, il film sulla Vedova Nera pronto ad aprire la Fase 4 del Marvel Cinematic Universe. Non si sa ancora nulla del suo personaggio, ma se nelle scorribande la Vedova venisse aiutata da un pilota militare di nome Ben Grimm? Staremo a vedere.

Johnny Storm/La Torcia Umana

Johnny è un ragazzino dentro, un giovane uomo sbarbino ma scafato, dal sorriso sempre aperto e pronto a infuocarsi verso il mondo. Ci vuole qualcuno che ne sappia incarnare l'essenza, e che riporti sia la parte scanzonata che quella umana, di fratello e amico che farebbe di tutto per i propri compagni di avventure. Ecco perché il Johnny Storm dei nuovi Fantastici 4 non potrebbe essere proprio adulto, andrebbe contro l'essenza stessa del personaggio. Proviamo allora con un nome abbastanza giovane: Dacre Montgomery. Il folle belloccio della seconda stagione di Stranger Things ha la faccia giusta: irriverente, da ladies' man, insomma, ha la faccia da schiaffi. Un fratellino perfetto, pronto a infilare uno sbaglio dietro l'altro, mentre prende fuoco molto prima di ragionare. Se invece la Marvel lo cercasse un pelo più adulto, allora perché non Sam Claflin? Il suo sorriso dice già tutto e le capacità attoriali non mancano. Claflin ha dimestichezza con i blockbuster ed è già amato per il ruolo di Finnick nella saga di Hunger Games. Perché non farlo diventare anche Johnny Storm? In questo caso si avrebbe sempre un belloccio smaliziato ma con un volto più pulito, forse maggiormente in grado di creare empatia con lo spettatore.

Queste sono le nostre scelte per i Fantastici 4 nel Marvel Cinematic Universe. Ora non resta che aspettare Kevin Feige e i Marvel Studios, magari ad agosto avremo un logo e una data. Sognare non costa nulla.