Speciale I Cinefumetti mai realizzati: Iron Man

Prima di Jon Favreau e Robert Downey Jr., Iron Man stava per debuttare al cinema con Tom Cruise nei panni di Tony Stark...

speciale I Cinefumetti mai realizzati: Iron Man
Articolo a cura di

Testi a cura di Marco Lucio Papaleo e Fabio Mucci

E' da tempo che non parliamo dei cinefumetti mai realizzati, quei cinefumetti che erano pronti per entrare in produzione, talvolta solo con sceneggiature scritte e già storyboardate, altre volte persino con registi e attori a bordo. E dopo avervi parlato degli Eroi in Vendita (qui), dei Fantastici 4 e Silver Surfer (qui), di Deathlok e Shang-Chi (qui) e persino dei cinefumetti horror (qui), oggi parliamo di uno degli eroi più amati da un paio di anni a questa parte: Iron Man. In occasione dell'uscita nelle sale cinematografiche italiane di Iron Man 3, scopriamo cosa 'abbiamo rischiato di vedere' al posto di Robert Downey Jr. e del Tony Stark da lui caratterizzato sul grande schermo. Scopriamo, insieme, quei progetti legati al personaggio che per poco non sono stati realizzati, impedendoci di vedere Downey Jr. come Stark.

Iron Man negli anni '90

Come saprete la Marvel, per certi versi, non se la passava bene negli anni '90, anche in campo cinematografico. A differenza della Dc Comics (di proprietà di un'unico studio, la Warner Bros. Pictures), la Casa delle Idee aveva evitato di essere acquisita dagli studios cinematografici (cosa che poi accadrà solo negli anni 2000 con l'acquisizione da parte della Walt Disney Pictures) e aveva deciso di cedere i diritti dei suoi personaggi in mano a varie case di produzione. Questo non giovò per nulla alle produzioni e, quelle poche che hanno visto luce, sono finite nel dimenticatoio ben presto o sono state perlopiù relegate a pellicole di serie B destinate alla sola distribuzione home video.Iron Man, in questo, non ha fatto eccezione. Personaggio all'epoca non popolarissimo, nelle serie a fumetti non è mai riuscito veramente a sfondare come i 'colleghi' Spider-Man e X-Men. L'eroe in armatura era, probabilmente, per quei tempi, il personaggio più inadatto da trasporre al cinema. Sebbene fosse stato protagonista di storie memorabili ed era uno dei membri dei Vendicatori, il personaggio non era mai riuscito a colpire il pubblico, a cui risultava spesso anzi antipatico. L'idea di rinverdirne l'immagine c'è sempre stata, ma come vedremo, la cosa riuscirà solo in tempi recenti.
Agli inizi degli anni '90 ci fu la proposta di inserire un suo team-up, dopo quelli con DareDevil e Thor, nell'eventuale quarto film dedicato all'Hulk portato sugli schermi cine-televisivi da Bill Bixby e Lou Ferrigno, ma la dipartita dell'interprete principale/regista pose uno stop indeterminato al progetto. Senza Bixby, Hulk rimase un tabù fino al film di Ang Lee del 2003.
Successivamente al progetto della comparsata -che nelle intenzioni avrebbe aperto le porte per un'eventuale serie a se stante- Universal Pictures acquisì i diritti del personaggio di Iron Man e decise di farne un film a low-budget con Stuart Gordonalla regia. L'idea, tuttavia, era sbagliata in partenza. Gordon è un regista di alto profilo immaginifico per quanto riguarda l'horror (ha adattato Poe e Lovecraft, è il regista di Re-Animator) ma lo avremmo visto più a suo agio in un Doctor Strange vs. Dormammu che non in un film tecnologico. Ma, soprattutto... immaginate un film di Iron Man realizzato con pochi soldi nei primi anni '90!
Il progetto fu presto accantonato e i diritti furono acquisiti dalla Twentieth Century Fox, ghiotta come sempre di personaggi Marvel. Fu proprio il co-creatore del personaggio, Stan Lee, ad esser ingaggiato per la sceneggiatura, in coppia con Jeff Vintar. Incredibile ma vero fu Quentin Tarantino ad esser approcciato alla regia e Nicolas Cage si candidò come attore protagonista. Tuttavia anche questo progetto made in Fox fu cestinato in fretta e furia e i diritti furono acquisiti dalla New Line Cinema, che intanto aveva sfornato Blade, il cinefumetto Marvel 'colpevole' di aver rilanciato i supereroi al cinema. 

Iron Man di Nick Cassavetes

Forti del successo di Blade, la New Line Cinema acquisì anche il personaggio di Iron Man con l'idea di lanciare un film dedicato proprio all'eroe in armatura. Erano i primi anni 2000 e l'idea di un'universo collegato ancora non c'era, i personaggi erano sparsi qua e là fra le varie case di produzione e distribuzione e c'era solo voglia di 'incassare' sfruttando 'un personaggio'. Per questo la New Line ingaggiò un trio di sceneggiatori (Terry Rossio, Tim McCanlies e Ted Elliott: il primo e l'ultimo sono gli artefici degli script dell'intera serie di Pirati dei Caraibi) per scriverlo; la sceneggiatura, che ci crediate o meno, era la più 'fumettistica' tra quelle che giravano a quei tempi, con tanto di cameo di Nick Fury per 'anticipare' un film di prossima produzione (esatto, anche Fury era in mano alla New Line Cinema). Approcciato per la regia fu Joss Whedon, che anni dopo finirà per dirigere l'acclamato The Avengers; anche per questo progetto, comunque, non arrivò mai la luce verde e ne fu sviluppato uno meno 'fumettistico'.Lo studio pensò bene di ingaggiare Nick Cassavetes, regista di 'drammoni' quali John Q. e Le pagine della nostra vita. E' cosa nota che al regista stanno a cuore le persone con problemi cardiaci (scusate il gioco di parole!) e lo studio deve aver pensato che Cassavates avrebbe potuto dare una visione interessante di un supereroe cardiopatico...
La sceneggiatura fu scritta da Alfred Gough & Miles Millar con David Hayter ed era piuttosto particolare. Il film, più un 'dramma' che un 'cinefumetto', vedeva il nostro eroe protagonista combattere il padre, Howard Stark, che, sul finale, indossava l'armatura di War Machine e gliele suonava di santa ragione. L'annuncio ufficiale venne dato nel novembre del 2004. Una frangia di Marvel fan manifestò perplessità in merito, ma noncurante di queste avvisaglie la New Line cercò di andare oltre la pre-produzione e ingaggiò Tom Cruise come protagonista. Il tentativo fu effettivo e la New Line Cinema ci mise 'anima e corpo' per vedere realizzato il progetto ma, come accade spesso con questi cinefumetti mai realizzati, poco a poco, protagonista, regista e sceneggiatori persero interesse nella cosa e il film finì nel dimenticatoio. La New Line Cinema decise di ridare i diritti indietro ai Marvel Studios ed il resto è soltanto storia...

L'Iron Man di Ang Lee?

E' inutile negarlo: se leggendo il progetto di Nick Cassavates vi è venuto in mente l'Hulk diretto da Ang Lee sappiate che non siete gli unici! Hulk di Ang Lee, che vedeva anche lì padre contro figlio, era ancora fresco nella memoria comune e sembra sia stato d'ispirazione per questa 'versione' del personaggio!

Che voto dai a: Iron Man 3

Media Voto Utenti
Voti: 77
8
nd