Guardiani della Galassia Vol. 3: tutte le novità del primo trailer

Disney ha diffuso il primo trailer di Guardiani della Galassia Vol. 3, che mostra nuovi personaggi come Adam Warlock e L'Alto Evoluzionario.

Guardiani della Galassia Vol. 3: tutte le novità del primo trailer
Articolo a cura di

Il primo trailer di Guardiani della Galassia Vol 3 è arrivato (quasi) come un fulmine a ciel sereno nella notte tra giovedì 1 e venerdì 2 dicembre, portando con sé tantissime novità sulla prossima avventura di Star-Lord, Rocket Raccoon, Groot e compagnia. Il breve video, diffuso a poche ore da una proiezione a porte chiuse al Comic-Con Experience (CCXP) di San Paolo, in Brasile, mette tanta carne al fuoco, mostrandoci l'Adam Warlock di Will Poulter e l'Alto Evoluzionario interpretato da Chukwudi Iwuji, ma anche confermando che Guardiani della Galassia Vol 3 racconterà le origini di Rocket e che, a differenza di ciò che molti temevano, la squadra dei Guardiani vedrà ancora una volta la partecipazione Zoe Saldana nei panni di Gamora. Vediamo però più nello specifico quali sono i principali dettagli del trailer del CCXP dell'ultima fatica di James Gunn e dei Marvel Studios.

Rocket e L'Alto Evoluzionario

Il trailer si apre mostrandoci i Guardiani che arrivano in un pianeta simile alla Terra, ma abitato da degli animali umanoidi: si tratta molto probabilmente della Controterra, pianeta di origine di Rocket Raccoon, governato dall'Alto Evoluzionario, il quale dovrebbe essere uno dei villain della pellicola (se non addirittura il principale super-cattivo del film).

Il video conferma che ad interpretare l'Alto Evoluzionario sarà Chukwudi Iwuji, già apparso nella serie DC su Peacemaker, diretta sempre da James Gunn. Chi è l'Alto Evoluzionario? Tenendo presente che a Marvel piace cambiare le origini dei suoi personaggi cinematografici rispetto alle controparti a fumetti, un ripasso degli albi della Casa delle Idee ci aiuta a farci un'idea: il vero nome del villain è quello del genetista terrestre Herbert Wyndham, ossessionato dalla creazione di ibridi uomo-animale che egli stesso definisce "nuovi uomini". Proprio questi ibridi dovrebbero essere al centro del film, tanto da apparire nella sequenza iniziale del trailer. Con ogni probabilità, i Guardiani arriveranno sul pianeta dell'Alto Evoluzionario nel momento peggiore possibile, rovinando i suoi piani di conquista dell'Universo: stando a dei leak degli scorsi mesi, infatti, lo scienziato starebbe segretamente modificando il corpo del Pianeta Vivente Ego, ucciso in Guardiani della Galassia Vol. 2, nonché padre di Star Lord (e di Mantis, stando a quanto abbiamo scoperto dall'Holiday Special dedicato ai Guardiani) per creare Super-Ego, una versione "negativa" dello stesso Ego apparsa in alcune run a fumetti.

L'arrivo dei Guardiani sulla Controterra sarà dunque uno dei nodi centrali del film, che probabilmente sarà in larga parte ambientato proprio sul pianeta dell'Alto Evoluzionario.

Non dobbiamo però dimenticare che il villain della pellicola è anche il creatore di Rocket Raccoon, il cui arco narrativo potrebbe essere approfondito (anzi, dovrebbe essere approfondito, stando alle dichiarazioni di James Gunn) proprio nel Volume 3. Il trailer, in effetto, mostra quelle che sembrano essere delle scene estremamente drammatiche e toccanti sul tempo trascorso da Rocket sulla Controterra. Sicuramente, Guardiani della Galassia Vol.3 sarà il coronamento dell'arco narrativo di Rocket Raccoon, e forse anche la sua fine: impossibile dire se si tratterà di un finale lieto o di una conclusione amara, ma è molto probabile che il personaggio interpretato da Bradley Cooper non farà più parte dei Guardiani dopo il film (ammesso che i Guardiani esisteranno ancora, ovviamente). Quello che è certo è che alcune sequenze, come l'abbraccio tra Rocket e Lady Lylla (la lontra che, nei fumetti, è la compagna dell'eroe) e la frase "Peter, ho smesso di scappare", pronunciata proprio dal procione inventore non lasciano troppo spazio alle interpretazioni: il Volume 3 sarà dedicato soprattutto a Rocket, e molto meno a Star-Lord, Drax, Mantis e compagnia.

Torna Gamora?

Quest'ultima è una rivelazione decisamente spiazzante, anche perché dal finale di Avengers: Endgame e dal cameo dei Guardiani in Thor Love and Thunder sappiamo che, attualmente, lo scopo dei Guardiani è quello di ritrovare Gamora, morta su Vormir in Avengers: Infinity War. Ovviamente, se ricordiamo che la Gamora del MCU "propriamente detto" è morta, la ricerca sembra essere destinata a concludersi con un fallimento. Tuttavia, in Avengers: Endgame è stata introdotta nell'MCU un'altra Gamora, quella proveniente da un'altra linea temporale, che al momento è... dispersa.

Dispersa nel senso più ampio del termine: non sappiamo se il personaggio sia scomparso a causa dello "Snap" di Iron Man alla fine di Endgame, insieme a Thanos e al suo esercito, né, ammesso che si sia in qualche modo salvata, se sia ancora sulla Terra, insieme ai Guardiani, o se abbia lasciato il pianeta da sola. Ciò che l'apparizione del team in Thor: Love and Thunder e all'inizio del trailer ci suggerisce è che, con ogni probabilità, Gamora ha lasciato la Terra da sola, e Peter e gli altri Guardiani si sono messi sulle sue tracce. Ovviamente, a questo punto conviene ricordare che la Gamora catapultata nell'MCU in Avengers: Endgame è quella del 2014, che non ha mai fatto parte, nella sua linea temporale di origine, della formazione capitanata da Star-Lord, perciò non ha alcun legame con Peter Quill e i suoi compagni.

Il video del CCXP mostra che, forse in un momento avanzato del film, i Guardiani riusciranno a trovare Gamora, che in alcune brevi sequenze impugna le armi e aiuta Mantis a sollevare Drax dopo che questi è stato ferito. C'è però anche una scena che mostra l'eroina mentre tiene in mano una fotografia Polaroid (che si tratti di un'immagine di lei e Peter insieme?), a dimostrazione di come la pellicola avrà sicuramente a che fare con il "recupero della memoria" da parte di Gamora.

In un'altra breve sequenza, infine, vediamo l'intera formazione originale dei Guardiani, con l'aggiunta di Nebula e Mantis, allontanarsi dall'unisono da un incendio. Queste parti del video danno poche risposte e sollevano davvero tanti interrogativi: dove è stata Gamora finora? In che modo la sua storia si intreccerà con quella degli altri Guardiani, portandoli sulla Controterra? Come farà Gamora a recuperare dei ricordi che non ha mai vissuto? Più in generale, la figlia adottiva di Thanos farà ancora parte del team guidato da Star-Lord dopo gli eventi del Volume 3? Se consideriamo che Guardiani della Galassa Vol 3 sarà la fine del supergruppo, sicuramente tutti questi interrogativi riceveranno una risposta quando il film arriverà al cinema, il 5 maggio 2023.

Il debutto di Adam Warlock

Accanto all'Alto Evoluzionario, sembra che un altro dei personaggi principali introdotti dalla nuova avventura spaziale dell'MCU sarà Adam Warlock, interpretato da Will Poulter.

Non c'erano dubbi sul fatto che Adam Warlock sarebbe apparso nel Volume 3, dal momento che il personaggio era già apparso nella scena post-credits di Guardiani della Galassia Vol. 2 e molti si aspettavano che avrebbe avuto un ruolo chiave anche nelle battute finali della Saga dell'Infinito, visti i suoi legami con le Gemme dell'Infinito: la controparte a fumetti di Adam, infatti, ha la Gemma dell'Anima incastonata nella testa. Nel MCU, Adam ha un gioiello sulla fronte, come vediamo dal trailer di Guardiani della Galassia Vol. 3, ma dalla sua forma possiamo dedurre che non si tratti di una delle gemme di Thanos. Difficile dire fin da ora se il legame tra Adam Warlock e la Gemma dell'Anima (e, per mezzo di quest'ultima, con Gamora) verrà esplorato nel corso del film, ma per ora sembra che tale possibilità sia piuttosto remota. Sicuramente, però, la gemma di Adam Warlock avrà un ruolo nella pellicola o nel futuro del MCU, anche perché il fatto che essa sia presenta nel design del personaggio sembra una scelta di design consapevole, e non un semplice vezzo estetico. Infine, nella versione cinematografica Adam ha la pelle dorata: un chiaro segnale della sua origine, che è legata ad Ayesha, Alta Sacerdotessa d'Oro apparsa proprio in Guardiani della Galassia Volume 2 (e che probabilmente tornerà nel sequel).

L'unica scena in Adam Warlock compare insieme a qualcun altro è quella in cui tira un pugno a Nebula, nel corso di un combattimento. Da una sola scena è difficile trarre delle conclusioni, ma essa sembra spiegare che Adam sarà, almeno per parte del film, un antagonista dei Guardiani. Anche in questo caso, non sappiamo se la sotto-trama del personaggio sarà legata all'Alto Evoluzionario o meno, ma quasi certamente Adam si metterà sulle tracce dei Guardiani per volere di Ayesha, che nel Volume 2 lo aveva creato proprio con lo scopo di uccidere Peter Quill e compagnia.

Considerato l'arco a fumetti del personaggio e la sua enorme importanze per l'universo Marvel, però, saremmo decisamente sorpresi se Adam Warlock fosse un semplice villain secondario di Guardiani della Galassia Vol. 3 e la sua parabola fosse autoconclusiva o legata a quella di un "cattivo" maggiore come l'Alto Evoluzionario. È invece più probabile che, ad un certo punto, l'antieroe si unisca ai Guardiani, entrando stabilmente nella loro formazione alla fine del film (come già avvenuto nel videogioco sui Guardiani della Galassia pubblicato nel 2021 da Square Enix): un altro indizio che ci spinge a pensare che il Volume 3 si concluderà con grandi cambiamenti nella formazione dei Guardiani, che potrebbero costringerci a dire addio a Rocket e, magari, anche a Gamora e Drax, in cambio di Adam Warlock e di qualche altra nuova aggiunta al team.

Quanto attendi: Guardiani della Galassia Vol. 3

Hype
Hype totali: 129
78%
nd