Godzilla vs Kong, il MonsterVerse raggiunge il suo apice?

Il film diretto da Adam Wingard porterà alle estreme conseguenze quella che immaginiamo essere soltanto la Fase 1 del MonsterVerse.

speciale Godzilla vs Kong, il MonsterVerse raggiunge il suo apice?
Articolo a cura di

Cercare di stare al passo dei Marvel Studios, in termini produttivi, non è certo compito facile: lo sanno bene i produttori della DC Films, che hanno visto collassare sotto il peso delle loro stesse ambizioni il DCEU e cinque anni di inutile continuity. Anche dalle parti della Universal Pictures avvertono un fremito nella forza, ripensando al fallimentare Dark Universe dedicato a Dracula, la Mummia e a tutti gli altri esseri mitici e leggendari, eppure qualcuno sembra essere riuscito a costruire un Universo Narrativo Condiviso funzionale, esattamente alla Legendary Pictures.
Stiamo ovviamente parlando del MonsterVerse di Godzilla e King Kong, che a ben guardare è l'unico insieme al MCU a essere riuscito a portare avanti un discorso organizzato e coeso tra i suoi film, anche se rispetto alla compagnia guidata da Kevin Feige stiamo parlando di un progetto praticamente in fase embrionale.
Vedremo però i primi risultati di questa macchinazione il prossimo anno, con l'atteso Godzilla vs Kong, che lascerà incontrare le due più grandi maestà del MonsterVerse in un film di cui - al momento - sappiamo molto poco, se non che avrà alcuni dei protagonisti di King of the Monsters e che potrebbe subire un significativo posticipo.
[ATTENZIONE, SPOILER A SEGUIRE]

Le giuste sproporzioni

Inquadriamo la situazione. Alla fine di King of the Monsters, dopo un micidiale scontro con Ghidorah in una Boston ormai rasa al suolo dalla furia dei Titani e dalla potenza termonucleare, Godzilla si erge sulle macerie della città, circondato da tutti i kaiju risvegliatisi. Sconfitto infatti il despota a tre teste, il Re Lucertola è tornato a essere il Predatore Alpha di questo gruppo di antichi Dei tornati a camminare tra noi piccoli umani, riconquistando il suo posto naturale. Nei titoli di testa del film vediamo poi un susseguirsi di strilli di giornale che urlano a un ritorno dei kaiju nelle loro "tane", aggiungendo al tutto strani avvenimenti al largo del Pacifico, proprio nei pressi di Skull Island, dove qualcosa avrebbe generato un forte sisma.
L'escamotage funge da connessione narrativa con Godzilla vs Kong, perché a quanto pare l'origine dei Kaiju sarebbe proprio da ricercare nell'isola a forma di teschio vista nel film di Jordan Vogt-Roberts. Proprio lì, Bill Randa e Houston Brooks trovarono conferma alla teoria della Terra Cava, secondo cui nel substrato terrestre ci sarebbe una rete di tunnel e gallerie che permetterebbe a dei mostri giganteschi di sopravvivere e spostarsi indisturbati. La scoperta arrivava negli anni '70 e da lì la Monarch acquistava sempre più potere, ricercando e controllando queste forme di vita superiori provenienti da un lontano passato.
Nel primo, speriamo gigantesco, crossover diretto da Adam Wingard (Death Note) vedremo ciò che resta dell'umanità tentare di assicurarsi (forse) una convivenza con questi esseri, almeno una parte, visto che probabilmente non mancheranno i classici personaggi con le solite cattive intenzioni.

Tutto dovrebbe essere ambientato diversi anni dopo gli eventi di King of the Monsters, presentandoci dunque un mondo ormai cosciente dell'esistenza dei kaiju e della loro pericolosità, che pensa a delle contromisure in termini di sicurezza abbastanza efficaci (mai come per Evangelion o Pacific Rim, ma più o meno simili).
Uno scontro scriteriato e devastante tra Godzilla e King Kong, così, non dovrebbe comportare ulteriori e inutili perdite, anche se è ovvio che combatterlo in un ambiente urbano significherebbe la distruzione totale di qualsivoglia città terrestre.

Scontro obbligato

Arrivati a questo punto, non dimentichiamo un elemento fondamentale: il Re delle Scimmie non è intenzionato a scendere in guerra contro nessuno. Ce lo rivela addirittura un passaggio della novelizzazione ufficiale di King of the Monsters, rivelando il perché dietro all'assenza di Kong nel film, che è molto semplice: non è interessato a scendere in campo, anche se il risveglio di massa degli altri kaiju "questa volta lo ha fatto arrabbiare". A quanto pare, l'unico desiderio di Kong è quello di continuare a vivere in tranquillità su Skull Island, proteggendo con ogni fibra del suo essere i confini del suo territorio. Vuole essere lasciato in pace e che gli altri mostri stiano lontani da lui, infastidito e imbestialito già com'è per dover affrontare nuovamente gli Strisciateschi tornati in superficie a causa degli scombussolamenti causati da Godzilla e Ghidorah.
Il dubbio che ci sovviene è: quale sarà la goccia che farà traboccare il vaso? Perché Godzilla e Kong si scontreranno e "uno dei due cadrà", come recita arditamente il primo teaser poster ufficiale. Se Godzilla è ormai Re, incontrastato per giunta, e Kong non vuole proprio saperne di combattere per il trono, cosa li porterà a questa praticamente certa lotta all'ultimo sangue?

Secondo noi, quei soliti umani di cui sopra. E se Godzilla diventasse un pericolo per il mondo e la Monarch guardasse a Kong per eliminarlo, mettendoli uno contro l'altro? Ci sembra una prospettiva probabile, anche se con un esito abbastanza scontato.
Nella scena post-credit di King of the Monsters vediamo infatti il personaggio di Charles Dance "acquistare" una testa sopravvissuta di Ghidorah, che forte del fattore rigenerante dovrebbe essere capace di riformare (forse) parte del corpo.

Questo apre delle possibilità future per il personaggio, magari come Mecha Ghidorah, aprendo quindi anche a Mecha Godzilla e chissà a quanti altri kaiju ancora mai visti, puntando anche a quelli spaziali, il che significa che il Predatore Alpha dovrebbe essere il vincitore anticipato di questa battaglia contro Kong. Il fatto che Charles Dance non appaia nemmeno tra i protagonisti (a differenza di Millie Bobby Brown, Kyle Chandler e tutti gli altri), è proprio sintomo che tutte queste idee si svilupperanno poi, in quella che chiameremo la Fase 2 del MonsterVerse, dandoci dunque la sensazione che King Kong potrebbe o morire o essere sicuramente sconfitto dall'avversario.

Per far sì che possa essere il più grande e spettacolare capitolo della Fase 1 del MonsterVerse, comunque, Godzilla vs Kong potrebbe subire un posticipo di qualche mese, non uscendo più il 28 maggio 2020 ma nell'autunno dello stesso anno.
I problemi non riguarderebbero ad ogni modo la produzione, visto che le riprese sono già terminate da mesi, quanto piuttosto la volontà di migliorare all'eccesso l'esperienza cinematografica, magari attraverso dei reshoot che saranno annunciati a breve. Vada come vada, non vediamo l'ora di assistere a questo mastodontico scontro tra dei.

Quanto attendi: Godzilla vs Kong

Hype
Hype totali: 22
83%
nd