Speciale Gods Special

E' Guerra! Da un lato il monte Olimpo, dall'altro Hollywood. Tu da che parte stai?

speciale Gods Special
Articolo a cura di

Non cominceremo questa storia con "Tanto tempo fa" e nemmeno con "C'era una volta", è inutile che insistete: non lo faremo.
E volete sapere il motivo? Perchè sta succedendo ora, non è già una storia passata, e di certo non sta avvenendo in una galassia lontana lontana. E' qui.
Dal monte Olimpo cadono i primi fulmini, la patria degli dei è in subbuglio, ora ai suoi dorati abitanti non basta più l'onnipotenza divina: vogliono essere anche protagonisti delle nostre pellicole.
Invasione dei "titani" è iniziata, e come possiamo competere con loro? Alti, spavaldi e fieri, forse non erano felici nei loro letti di seta e capricciosi e ricchi di invidia hanno voluto insegnarci a recitare: provate ad immaginare di essere un regista e trovarvi davanti Zeus in un provino, lo caccereste via?
Beh, proprio come pensate nessuno lo ha fatto e infatti quest'anno è iniziata l'invasione degli dei, non solo con Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo, ma anche con Clash of the Titans e il loro "fratellino" Thor in arrivo il prossimo anno.
Dobbiamo prepararci al peggio, perchè se la moda dei Vampiri è al suo pieno culmine quella degli dei potrebbe scoppiare come una forte influenza da un momento all'altro.
Non vogliamo seminare il panico, ovviamente non tutti gli dei sono capricciosi e volubili, Xena e Hercules ci hanno tuttavia insegnato abbastanza per temerli o almeno per stargli alla larga.

What if.....

E se l'attuale ondata di film a sfondo mitologico facesse parte di un piano ben più grande? E se non fosse Sam Worthington ad interpretare Perseo, ma Perseo ad interpretare Sam Worthington? In occasione dell'uscita del fantasy peplum "Scontro tra Titani" e dopo i nostri special, su conigli, le lobby magiche e i robot della porta accanto, questa volta tocca alle divinità dell'antica Grecia (e non solo) ad essere passate al setaccio dal nostro reporter dell'impossibile Daniele Daccò. E ricordate. Non sono mai solo film.

L'antro dei Titani

Abbiamo già capito con Maghi e Conigli che non serve chiudersi in casa: prendete ad esempio la scena vista nel trailer di Clash of the Titans (e già famosa nella pellicola originale). Avete capito quale?
Stiamo parlando di quando Zeus (Liam Neeson) sbatte con ira il pugno sul suo trono urlando "Release the Kraken", ecco.
Facciamo il punto.
Analizzando quella scena si evincono molte cose importanti: la prima è sicuramente che questi dei possono assumere sembianze di attori famosi, questa volta è toccato a Neeson, e prima ancora a Sean Bean (in Percy Jackson), ma non sappiamo fino a dove potrebbero spingersi per avere una parte ad Hollywood.
La seconda sfumatura che si coglie è ovvia, ma ci teniamo a sottolinearla per il vostro bagaglio culturale: gli dei sono vendicativi!
Avete visto l'espressione di Zeus/Neeson quando batte il pugno sul suo trono? Non è merito della scuola di recitazione, ma solo dell'arrabbiatura divina.
La terza traccia sulla loro natura è chiara ad una prima occhiata: brillano come sfere da disco anni 70, (come alcuni vampiri di nostra conoscenza). Le malelingue vogliono che questa affinità sia più di una coincidenza, ma non è ancora stato trovato un giornalista abbastanza coraggioso per pubblicare un ipotesi del genere.
La quarta ed ultima traccia invece risiede nelle parole del dio: "Release the Kraken", (per chi non conoscesse la mitologia, il Kraken è un mostro marino enorme e cattivo.)
Cosa avrà mai fatto Perseo di tanto esagerato a Zeus da meritarsi uno scontro tanto "titanico" con quel "coso"?
Tagliare di netto la testa di medusa/Thurman non ci pare una cosa così grave: la produzione avrà risparmiato i soldi di un cestino della mensa durante la pausa fra le riprese, anzi di molti cestini contando anche i serpenti in testa.
Quindi gli dei sono anche degli ingrati.
Ricapitoliamo: gli dei sono dei cambia faccia, vendicativi, danno fastidio agli occhi e sono ingrati.
Non certo un bel quadretto. La nostra non è una campagna diffamatoria, ma solo una sensibilizzazione contro le "mode" facili.
Se per i vampiri basta un paletto di frassino, per gli dei serve qualcosa di più.

Mode e Ambrosia

Eliminare una moda è abbastanza facile: basta non seguirla più.
Il problema con esse è che nessuno vuole lasciarle andare. Al massimo una moda può essere sostituita con un'altra, ma essere mollata di punto in bianco no.
Per questo ci è venuto un grosso sospetto, diciamo che abbiamo unito i puntini e c'è stato rivelato un quadro più grande.
La passione per i vampiri, come vi abbiamo già fatto notare, sta proliferando e non sono pochi i remake che tra non molto vedranno "la luce", molta gente è in religiosa attesa mentre tantissima altra ha già una collana di aglio al collo.
Seguendo la massima di cui sopra "una moda non può essere distrutta ma solo sostituita" temiamo che gli dei soppiantino presto nel cuore di fanciulli e fanciulle il posto ora riservato ai non morti con i canini affilati.
Percy Jackson di Chris Columbus si è rivelato un discreto successo e, probabilmente, niente fermerà Hollywood dal girarne numerosi altri seguiti. Rick Riordan, l'autore della serie letteraria, ha già scritto 5 tomi d'altronde.
Mentre per quanto riguarda il successo di "Clash of the Titans" di Louis Leterrier, del quale è già stato annunciato in via non ufficiale un seguito, è dovuto al semplice "ammaliare" divino di Zeus, è chiaro.
Voci non confermate ci fanno sapere che chiunque resisterà fino alla fine dei titoli di coda potrà assistere ad un vero e proprio rito propiziatorio rivolto agli dei dell'antica Grecia, come cachet per il loro lavoro nel film.
Cento capre in sacrificio ad ogni proiezione: le Major possono questo ed altro.
Non rimarremmo stupiti se dopo il successo della pellicola verremo invasi da notizie su Liam Neeson che si trasforma in toro per rapire Europa. Nel caso, ricordate solamente che Everyeye aveva scoperto tutto, e sapeva.
Perseo nel ruolo di Sam Worthington, invece sembra ormai a suo agio nei panni dell'attore australiano, tanto da saltare senza problema da un ruolo all'altro, da Terminator ad Avatar fino ad Eroe in gonnella, speriamo non incorra nelle ire di qualcuno.
Anche Thor, (forse geloso) è sceso da Asgard per il suo ruolo in un colossal, e come biasimare il biondo dio nordico (Kenneth Branagh) alle prese con casa Marvel? Quale miglior modo di arruolare adepti per la sua religione "ormai passata di moda", visto che i fumetti non hanno funzionato.
Gli dei stanno arrivando che lo vogliate oppure no. Di questo passo vedremo forse fioccare pellicole sul pantheon egizio prima ancora di vedere un film su Ercole, magari uno per fatica?
Qualcuno ci sta già sicuramente lavorando.

Clash of the Titans Se leggendo questo breve speciale non vi siete ancora convinti e avete scortato talmente il naso che ora soffiate verso l'alto, guardate fuori dalla finestra. Non vi sembra che stia per arrivare un temporale?

Che voto dai a: Clash of the Titans

Media Voto Utenti
Voti: 115
5.5
nd