Speciale Dracula Untold: i 'cattivi' dalla parte del bene

Alla scoperta di vampiri, licantropi e mostri assortiti... dalle buone intenzioni!

speciale Dracula Untold: i 'cattivi' dalla parte del bene
Articolo a cura di

Nato nel 1431 in Transylvania e ceduto dal padre in ostaggio, insieme al fratello minore, al sultano Murad II, che li tenne prigionieri per sei anni a Costantinopoli addestrandoli alla guerra, Vlad III di Valacchia - conosciuto presso gli ottomani come Kaziglu Bey - divenne uno spietato conquistatore il cui metodo di tortura favorito era impalare i nemici, lasciandoli agonizzare per giorni (da questo deriva il suo soprannome postumo Vlad l’Impalatore).
Conquistatore che prese il nome di Dracul in quanto il padre Vlad II apparteneva all’Ordine del Drago, società segreta di cavalieri cristiani che combatteva i musulmani dell’impero ottomano, e che, una volta entratone a far parte anch’egli, si fece chiamare dai suoi uomini Dracula (ovvero “figlio del demone-Drago”).
Un Dracula che, con le fattezze di Luke ”Fast & furious 6” Evans e sotto la regia di Gary Shore, troviamo in Dracula untold - ora disponibile anche in Blu-ray e DVD - in una Transilvania del 1462 ormai stanca delle guerre ed in grado di godere di un lungo periodo di tranquillità proprio sotto il suo governo; fino al momento in cui il sultano Mehmed Secondo alias Dominic Cooper arriva a pretendere che mille giovani della Valacchia, tra cui il figlio del principe, vengano strappati alle famiglie per essere arruolati a forza nel proprio esercito.

Non tutti i vampiri vengono per mordere

Da qui, con il protagonista costretto a decidere se consegnargli il ragazzo od ottenere l’aiuto di un mostro per sconfiggere i turchi, condannando la sua anima ad una esistenza di servitù, assistiamo, quindi, ai retroscena che hanno caratterizzato la genesi del vampiro più famoso del mondo; il quale, nel caso di questo lungometraggio reso disponibile per il mercato dell’home video da Universal, stringe un patto faustiano con un demone dai connotati di Charles Dance per entrare in possesso della forza di cento uomini, della fulminea velocità di una stella cadente e del potere di schiacciare i propri nemici, oltre a ritrovarsi tormentato da una insaziabile sete di sangue umano alla quale deve resistere per tre giorni se intende tornare ad essere se stesso.
Perché, decisamente distante dai precedenti esempi cinematografici strettamente horror proposti per quanto riguarda il succhia-emoglobina nato dalla penna di Bram Stoker, è una fanta-avventura all’insegna della spettacolarità quella orchestrata da Shore.
Una fanta-avventura tendente a trasformare il Signore della notte in una sorta di supereroe, un po’ come avvenuto con il diurno Blade nato sulle pagine dei fumetti Marvel e che, metà uomo e metà vampiro incarnato da Wesley Snipes, è stato al centro di tre film realizzati tra il 1998 e il 2004 rispettivamente da Stephen Norrington, Guillermo del Toro e David S. Goyer.
Soltanto uno degli esempi di vampiro buono dello schermo, in quanto, se in tv abbiamo avuto la serie Angel, spin-off di Buffy l’ammazzavampiri, al cinema hanno provveduto i quattro capitoli di Underworld a proporre tra il 2003 e il 2012 la Selene impegnata insieme ai suoi simili a lottare contro i licantropi.

Demoni o dei?

E, al fianco di un Allan Quatermain con il volto di Sean Connery, del Capitano Nemo, dell’Uomo invisibile, dell'agente dei Servizi Segreti americani Tom Sawyer, di Dorian Gray, e del Dottor Jekyll e Mister Hyde, una vampira ha contribuito a sventare un folle piano di distruzione del mondo anche ne La leggenda degli uomini straordinari, diretto nel 2003 dal già citato Norrington partendo da una graphic novel di Alan Moore.
Del resto, il magico universo della Settima arte non ha mancato di insegnarci che sono molti i mostri o, comunque, i personaggi comunemente usati come cattivi che hanno avuto modo di sfoderare anche tendenze pacifiche.
Potremmo citare l’Aaron Eckhart di I, Frankenstein, immerso in una guerra tra gargoyle e creature demoniache, o i burattini killer della lunga saga Puppet master, che, a cominciare dalla loro terza avventura, hanno cominciato ha far strage di nazisti e poco raccomandabili esseri soprannaturali.
Ma, a proposito di creature demoniache, non possiamo dimenticare i patti infernali stretti in Spawn di Mark A.Z. Dippé, in Faust di Brian Yuzna e in Ghost rider di Mark Steven Johnson, che ha avuto anche il sequel Ghost rider - Spirito di vendetta, per mano di Mark Neveldine e Brian Taylor.
Mentre, tornando nell’ambito televisivo, se il telefilm Dexter ci ha portati a conoscenza del tranquillo tecnico della polizia scientifica di Miami che è, in realtà, un feroce e spietato serial killer interessato ad eliminare i criminali sfuggiti alla giustizia, il cartoon giapponese Devilman ha introdotto l’uomo diavolo del titolo, deciso ad affrontare la sua tribù dei demoni per difendere l’umanità e la sua amata comune mortale.
Cartoon da cui, tra l’altro, è stata anche tratta un’operazione live action per il cinema; cosa ancora non avvenuta per Bem il mostro umano, primo vero anime horror che, con il trio formato da Bem, Bero e Bera, generati da un esperimento genetico e dediti alla giustizia nonostante il loro aspetto mostruoso, è stato comunque trasformato in un dorama in dieci puntate.

Che voto dai a: Dracula Untold

Media Voto Utenti
Voti: 17
7.2
nd