Disney al lavoro sul suo servizio streaming: cosa sappiamo a oggi

Vediamo dove sono arrivati i lavori relativi alla nuova piattaforma streaming di mamma Disney, fra tecnica e contenuti.

speciale Disney al lavoro sul suo servizio streaming: cosa sappiamo a oggi
Articolo a cura di

Più volte su queste pagine vi abbiamo parlato della nuova piattaforma streaming che Disney vuole lanciare nel 2019, per raccogliere tutti i suoi prodotti in barba alla concorrenza.
Film in live action e animati, serie televisive, lungometraggi e cortometraggi Pixar, ma soprattutto i cinecomic Marvel e i progetti legati al marchio Star Wars, tutto sotto lo stesso tetto in cambio - molto probabilmente - di un abbonamento mensile.
Un'idea che da tempo sta facendo tremare Netflix, Amazon e Hulu, i principali attori del panorama streaming attuale - che non a caso stanno premendo sull'acceleratore dei contenuti originali ed esclusivi.
Del servizio della grande D però non si parla da un po', del resto la compagnia ha avuto alquanto da fare con l'affaire Fox e la guerra con Comcast, una faccenda terminata con successo pochissimi giorni fa. Facciamo dunque il punto della situazione, raccogliendo tutte le notizie disponibili sino ad ora a proposito della nuova piattaforma di streaming della casa di Topolino.

Galassie aliene e supereroi

Del servizio si parla dall'agosto dello scorso anno, il 2017, mese in cui una brutta tegola si è abbattuta su Netflix. La piattaforma di Reed Hastings infatti fa affari con la grande D dal 2012, grazie a un accordo che offre ciclicamente i prodotti Disney agli abbonati Netflix. Accordo che finirà proprio nel 2019, quando tutti i film Disney spariranno dal servizio per confluire nella nuova piattaforma proprietaria.
Un destino che toccherà anche i prossimi capitoli di Star Wars, con Gli Ultimi Jedi che dovrebbe essere l'ultimo ad approdare su Netflix prima che la spina venga staccata definitivamente. Nel settembre del 2017 abbiamo infatti appreso che tutti i prodotti a marchio Star Wars e Marvel saranno esclusiva della piattaforma in arrivo a partire dal prossimo anno, una scelta che - a meno di sorprese clamorose - dovrebbe portare al servizio milioni di abbonati sin dal primo giorno.
Sempre a proposito delle "galassie lontane lontane" create da George Lucas, sinora abbiamo parlato di capitali principali, l'esclusiva Disney però riguarderà anche spin-off, serie animate e uno show live action annunciato nel novembre del 2017 - prodotto che prenderà vita esclusivamente online con la scrittura e la supervisione di Jon Favreau (Iron Man e Iron Man 2). Una serie che andrà a posizionarsi, temporalmente, fra Il ritorno dello Jedi e Il Risveglio della Forza.
Lo scorso 19 luglio è poi arrivata la ciliegina finale, su una torta già appetitosa: assisteremo al ritorno dello show animato The Clone Wars, con 12 nuovi episodi. L'unico scoglio legato all'universo di Guerre Stellari riguarda i capitoli classici della saga, ovvero le due trilogie originali: la Disney non detiene al momento i diritti esclusivi per lo streaming, almeno negli US, e sta facendo di tutto per convincere Turner Broadcasting a cederli indietro.
Una missione tutt'altro che facile, con il competitor che al momento non ha fatto nulla per procedere con le trattative. Molto probabilmente la grande D dovrà trattenere il fiato e aprire il portafogli più di quanto avesse sperato di fare, ma dopo l'affare Fox la cosa potrebbe slittare avanti nel tempo.

Non solo guerre stellari

I competitor hanno comunque di che preoccuparsi, visto che il potere Disney e i marchi in suo possesso possono davvero smuovere mari e monti - e con l'accordo Fox appena concluso, i giochi saranno ancora più facili. Oltre ai contenuti però, è necessario che la piattaforma abbia una struttura tecnica solida, motivo per cui nel gennaio del 2018 la Disney ha assunto Kevin Swint per la sua costruzione.
Ovviamente non parliamo del primo sprovveduto qualsiasi, al contrario di un veterano di casa Apple, a cui dobbiamo l'iTunes Store così come lo conosciamo oggi - ovvero una delle piattaforme video più affidabili, fornite e solide del panorama attuale.
Certo sino ad ora abbiamo parlato quasi esclusivamente di Star Wars e dei cinecomic Marvel, ma la piattaforma Disney offrirà molto, molto di più. Oltre a tutti i film animati e live action legati al marchio, vedremo anche moltissimi contenuti originali creati appositamente per la nuova piattaforma. A febbraio scorso, erano già cinque gli show esclusivi in lavorazione per il servizio, fra cui un atteso reboot dei colorati Muppets, una serie ispirata a Monsters Inc. e un'altra a High School Musical. Come direbbe il buon vecchio Doc Brown, "ne vedremo delle belle, Marty".