Da Zootropolis a Ralph Spacca Internet: chi sono Rich Moore e Phil Johnston

Dopo un inizio carriera vissuto nell'ombra, fra la TV e il mondo dei cortometraggi, Rich Moore e Phil Johnston sono arrivati a convincere l'Academy.

speciale Da Zootropolis a Ralph Spacca Internet: chi sono Rich Moore e Phil Johnston
Articolo a cura di

Nel 2012, Ralph Spaccatutto ha portato una ventata di aria buona e fresca all'interno delle fila Disney, una nuova colorata produzione in un mare di reboot e remake - che del resto continua inarrestabile ancora oggi.
Un'opera animata in cui i classici videogiochi anni '80 diventavano protagonisti assoluti, incontrando una nuova generazione di spettatori e suscitando ottimi ricordi in quelle ormai cresciute, che hanno passato buona parte dell'infanzia e dell'adolescenza a far ingurgitare gettoni ai grandi cabinati da sala giochi - come abbiamo ricordato in questo speciale. Una sferzata di novità firmata Rich Moore, all'epoca alla sua prima grande esperienza cinematografica.
Un battesimo del fuoco, potremmo dire, dopo un proficuo percorso sul piccolo schermo. Moore ha infatti realizzato 17 episodi de I Simpson fra il 1990-1993, epoca d'oro (per non dire di platino) per lo show, fra cui La testa parlante, Homer in the night, Grattachecca e Fichetto: Il Film, Homer contro Lisa e l'ottavo comandamento, Un tram chiamato Marge e Flambé Boe, solo per ricordarne alcuni, autentici capolavori televisivi.

Dal piccolo al grande schermo

Dopo una breve "scampagnata" in Futurama, The Critic, Sit Down Shut Up, la grande occasione: Ralph Spaccatutto è piombato sulla carriera di Rich Moore come un meteorite, che non a caso ha scatenato un big bang nella sua vita. Ralph ha infatti portato il regista, scrittore e doppiatore alla direzione di Zootropolis, Golden Globe e premio Oscar per il miglior film d'animazione rispettivamente nel 2016 e nel 2017, in coppia con Byron Howard.
Moore non disdegna affatto lavorare a quattro mani, non a caso ha riprovato l'esperimento anche con Ralph Spacca Internet, seduto accanto a Phil Johnston, già sceneggiatore del primo Ralph Spaccatutto. Classe 1971, uno dei migliori talenti "in ombra" della sua generazione, anche Johnston trova la sua grande occasione nel primo film dedicato all'omone indiavolato che distrugge tutto mentre il povero Felix aggiusta (il videogioco di cui è protagonista si chiama Felix L'Aggiustatutto, infatti).
Un'opera che lo porta a scrivere proprio Zootropolis e gli fa conoscere a fondo Rich Moore, con cui condivide una certa sensibilità e un modo spensierato di fare cinema per ragazzi con sfumature di spessore, adatte anche agli adulti. Un modus operandi che esplode proprio con Ralph Spacca Internet, un progetto che ha richiesto ben due anni di lavoro ed è riuscito persino a migliorare toni, atmosfere e linguaggio del primo capitolo. Moore e Johnston sono stati capaci di prendere lo spettatore per mano e guidarlo attraverso un mondo fantastico, sterminato, pieno di meraviglie e pericoli come il World Wide Web. La forza della loro scrittura e direzione risiede nella capacità di parlare a un pubblico che va dai 7 a 101 anni, senza discriminazioni, nonostante il tema spinoso.

Spiegare e disegnare internet

Non è affatto semplice parlare di Internet e di ciò che avviene al suo interno, tutto si muove in maniera frenetica e molti nonni e genitori non riescono a stare al passo con i suoi meccanismi e le sue regole non scritte (ma neppure tanti 30enni e 40enni, ormai). Di contro anche i più giovani, che passano svariate ore al giorno a surfare sul web, non sempre sono in grado di recepire i pericoli oppure di reagire a situazioni spiacevoli.
Basta un nonnulla infatti per incappare in un banner truffaldino, in un'applicazione capace di succhiare soldi dal credito telefonico o dalla carta di credito di mamma o papà, per non parlare del nefasto mondo dei social network e delle piattaforme di streaming video, dove hater e utenti incapaci di vivere insieme agli altri odiano senza pensare alle conseguenze - ed è facilissimo rimanere traumatizzati se, in giovane età, non si sa come prendere/affrontare un commento offensivo e gratuito.

I due scrittori-registi sono riusciti a "disegnare" internet e i tempi in cui viviamo fra le pieghe di un'avventura appassionante, che racconta di un'amicizia da consolidare, parlando in modo chiaro sia al pubblico giovane che a quello più maturo. C'è dunque un incontro/scontro di generazioni al di fuori dello schermo, ma anche di epoche all'interno della narrazione, con il mondo immobile dei videogiochi retrò che impatta con quello frenetico di internet.
Contrasti talmente marcati che, insieme, non possono che generare uno splendido tumulto, un "deforme caos di armoniose forme" scriverebbe William Shakespeare, per dirlo con poche parole: arte contemporanea e universale. È questo che sono riusciti a fare Rich Moore e Phil Johnston negli ultimi 8 anni, fondere l'intrattenimento più puro allo stile, al significato, e la speranza è che sia soltanto l'inizio di una nuova carriera a quattro mani. (Foto cover: Entertainment.ie)

Che voto dai a: Ralph Spacca Internet

Media Voto Utenti
Voti: 21
7.7
nd