Da Alita a Godzilla: King of the Monsters, gli imperdibili film del 2019

Oltre ai cinecomic, c'è un mondo blockbuster e d'autore pronto a sorprenderci. Scopriamo insieme i film più interessanti in uscita nel 2019.

speciale Da Alita a Godzilla: King of the Monsters, gli imperdibili film del 2019
Articolo a cura di

Ci siamo. Il sipario è ormai calato su di un 2018 che ha saputo incantare ed emozionare, sorprendere ed entusiasmare, tra la riscrittura dell'epica supereroistica in Avengers: Infinity War, un perverso quanto raffinato gioco di coppia ne Il Filo Nascosto e tutta la vivida e stupefacente potenza della vita stessa nel Roma di Alfonso Cuaròn. È stato un anno cinematograficamente intenso, quello appena passato, ma la speranza è sempre quella che il futuro ci riservi altrettanti titoli di peso, quantomeno interessanti sotto diversi piani di lettura.
A ben guardare le uscite del 2019, allora, la sensazione è che l'anno appena iniziato sia già pieno di uscite imperdibili, sia dal lato blockbuster - e quindi intrattenimento - che da quello più autoriale, marcatamente artistico.
Dato che i film in arrivo da febbraio a dicembre sono davvero numerosi, abbiamo dovuto fare - per forza di cose - una cernita. Troverete così in questa classifica degli imperdibili titoli del 2019 soltanto i film ufficialmente annunciati anche sul mercato italiano, con una data d'uscita e suddivisi per mese. Non sono presenti i cinecomic, di cui abbiamo già parlato in un articolo a parte, né progetti come il Pinocchio di Matteo Garrone, cioè annunciati, in pre-produzione ma senza una data ufficiale. Avendo inoltre già stilato la classifica dei film da vedere a gennaio, anche il primo mese del 2019 è escluso dalla chart.
Abbiamo insomma puntato alla concretezza dell'uscita e alla rimozione di inutili ripetizioni, così da ridurre l'esuberante numero di release per darvi un quadro reale delle proposte più allettanti della prossima stagione filmica.

FEBBRAIO

IL CORRIERE - THE MULE (7 febbraio)

In regia Clint Eastwood, che torna anche a recitare dopo sei anni dalla sua ultima prova attoriale. Un titolo attesissimo che sembra essere in parte anche una sorta di testamento artistico di una delle leggende viventi più amate di Hollywood. Dall'America, chi lo ha visto, lo descrive come "il suo miglior film dai tempi di Gran Torino". Basta e avanza.
ALITA - ANGELO DELLA BATTAGLIA (14 febbraio)

Robert Rodriguez alla regia, James Cameron alla sceneggiatura e alla produzione. Un adattamento molto atteso, che sembra trovare la sua forza nella spettacolarizzazione dell'immagine e delle scene d'azione, oltre che in uno stile molto particolare e vicino al manga originale. Oltre all'Aquaman di James Wan, in uscita a gennaio, Alita - Angelo della Battaglia sembra essere il secondo, imperdibile blockbuster del 2019, per un San Valentino più "movimentato" del previsto.
BEAUTIFUL BOY (14 febbraio)

La commovente storia di un figlio (Thimotée Chalamet), in lotta contro la sua dipendenza da droghe, e di un padre (Steve Carell), che non vuole in alcun modo arrendersi. Le interpretazioni dei due protagonisti sono accese, vivide e molto sentite, tanto che li vedremo quasi sicuramente tra i nominati agli Oscar. Vale il prezzo del biglietto soprattutto per loro, capaci di creare un feeling incredibile tra abbracci e veleni, silenzi e urla.
SE LA STRADA POTESSE PARLARE (14 febbraio)

Una storia d'amore sofferta tra due giovani ragazzi, che sa al contempo annidarsi nella maglia tematica dell'intolleranza e del razzismo ma anche esplodere in solitaria, in un concentrato di tatto e raffinatezza stilistica che rende fiabesco e quasi sognante il cinema di Berry Jenkins. Se la strada potesse parlare è il film da vedere in sala da innamorati: melò aggraziato, potente e a tratti persino divertente.
THE LEGO MOVIE 2 (21 febbraio)

Sequel dell'apprezzato The LEGO Movie, il nuovo film d'animazione a base di mattoncini e follia è sicuramente tra i progetti più desiderati di inizio anno. La speranza è che riesca a bissare il successo del predecessore, superando anche l'ottimo The LEGO Batman in una storia divertente e ben strutturata, che sappia intrattenere senza risultare un more of the same degli altri titoli a marchio LEGO. Il trailer è comunque promettente e tutti quei colori sembrano formare un caleidoscopio di invitanti assurdità.

MARZO

LA MIA VITA CON JOHN F. DONOVAN (7 marzo)

Xavier Dolan torna alla regia dopo due anni dal suo È solo la fine del mondo. Il cinema del giovane autore canadese vive ormai di un suo preciso taglio stilistico, di una sintassi tematica precisa che si articola soprattutto intorno ai rapporti personali, madre-figlio su tutti. Qui, in particolare, si racconta la vita di una star tramite gli scambi epistolari con un suo fan, approfondendone praticamente ogni aspetto. A quanto pare, è la massima estremizzazione dei canoni artistici di Dolan. Da vedere assolutamente.
IL CORAGGIO DELLA VERITÀ (14 marzo)

In inglese è The Hate U Give, titolo che racchiude al suo interno l'intero senso del messaggio che si cela dietro a un film dalla finta forma young adult. Si affronta la tematica razzista con grande tatto, anche e soprattutto quando c'è rabbia e malessere, perché è lì che bisogna dimostrarsi migliori, dare amore e il buon esempio, non sempre e solo odio. Ed è un discorso che vale per tutte le parti in causa. Grande interpretazione di Amandla Stenberg, un sorprendente Russell Hornsby e un'ottima sceneggiatura tratta da un altrettanto ottimo romanzo.
CAPTIVE STATE (28 marzo)

Il ritorno alla regia di Rupert Wyatt (L'alba del pianeta delle scimmie), in un titolo di genere che guarda in particolar modo a District 9, anche se dà l'umanità per sconfitta. Captive State racconta infatti di un dominio alieno dopo l'invasione della Terra, con gli umani divisi in due fazioni: i pro governo alieno e i contro. La ribellione è alle porte e il film sembra una delle prima perle sci-fi del 2019. Da tenere d'occhio.
DUMBO (28 marzo)

Adattamento live-action dell'amato classico Disney, qui a firma Tim Burton. La storia dell'elefantino dalla grandi orecchie cresciuto in cattività e pronto a "spiccare il volo" nel mondo, libero e felice, la conosciamo tutti, ma forse sotto l'occhio di Burton potrebbe regalarci qualche emozione in più, magari nuova. Non sarà magari il riscatto di un regista che sembra aver perso estro e motivazione nel corso degli ultimi anni, ma Dumbo si adatta fortemente alle sue corde, speriamo dunque si tratti di un film riuscito.
NOI (28 marzo)

Nuovo, intrigante, spaventoso e - si spera - scorretto thriller di Jordan Peele. Il suo Scappa - Get Out ha elettrizzato le platee di mezzo mondo con il suo mix di generi portentoso e una regia elettrizzante, e dal primo trailer rilasciato Noi sembra poter fare altrettanto bene. La storia è quella di una famiglia in vacanza che si ritrova a dover sopravvivere al loro incubo peggiore: loro stessi. C'è talmente tanta carica stilistica, tanto amore per l'horror e un occhio di riguardo alla ricercatezza, che senza essere uscito Noi è già uno dei primi cult del 2019.

APRILE

IL RAGAZZO CHE DIVENTERÀ RE (4 aprile)

Il ritorno alla regia dell'apprezzato Joe Cornish a sette anni di distanza del suo Attack the Block. Il ragazzo che diventerà re revisiona l'immortale e fin troppo abusata leggenda di Re Artù in chiave moderna e adolescenziale, declinando l'intero universo narrativo e mitologico della storia - Tavola Rotonda, Cavalieri, Morgana - in un racconto di formazione nella Londra odierna. Intrigante, soprattutto perché Cornish si è già dimostrato un regista capace di manipolare benissimo il genere - in questo caso fantasy - a seconda delle sue esigenze stilistiche.
LA LLORONA - LE LACRIME DEL MALE (18 aprile)

Michel Chaves è un regista per ora poco conosciuto, è però entrato nelle grazie del super-produttore James Wan, che oltre ad appoggiarlo in questo tormentato e inquietante horror basato su di una leggenda messicana, lo ha anche scelto come regista dell'attesissimo The Conjuring 3. A quanto pare lo ritiene "un autore promettente e con una grande visione", e onestamente il trailer ufficiale de La Llorona ci ha messo addosso dei brividi non indifferenti.
STANLIO E OLLIO (18 aprile)

Uno dei biopic più emozionanti, equilibrati e in focus mai prodotti. Non solo racconta con garbo e delicatezza gli ultimi anni di carriera di due grandi leggende del cinema e della comicità, ma lo fa con intenzioni artistiche candide e mano - quella del regista Jon S. Baird - vellutata. L'immedesimazione fisica e l'interpretazione generale dei due protagonisti, John C. Reilly e Steve Coogan, sono poi sorprendenti.
TEEN SPIRIT (30 aprile)

Film esordio alla regia per il giovane Max Minghella, che ha sorpreso tutti al passato Toronto Film Festival per la sua carica stilistica e la sua potenza emotiva. Un titolo che racconta la storia di una ragazza come tante, in difficoltà economiche e infelice della propria vita, che tenta la strada del successo attraverso un talent show. Protagonista la sempre ipnotica Elle Fanning, a quanto pare diretta con competenza da Minghella, che la esalta e la incornicia in un film di crescita e cambiamento, in cui ritrovarsi o addirittura scoprirsi. Una delle sorprese indie del 2019, assicurato.
HELLBOY (aprile)

Menzione doverosa per il reboot cinematografico di Hellboy, che la M2 Pictures ha confermato per un'uscita ufficiale italiana ad aprile tramite il trailer, senza però una data. Probabilmente arriverà il 14 aprile o giù di lì. Il film si presenta come un adattamento più fedele e meno artigianale rispetto ai titoli di Guillermo del Toro, sicuramente affascinante e - si spera - con qualche scena d'azione galvanizzante in canna. Le aspettative per molti fan sono davvero alte, quindi il rischio di deluderle è alle stelle.

MAGGIO

PET SEMATARY (9 maggio)

Nuovo adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Stephen King. La storia segue la famiglia Creed, trasferitasi in una piccola località rurale del Maine, scoprire uno strano quanto agghiacciante cimitero di animali vicino casa loro. Si scatenerà presto un'ondata di omicidi e sangue con risvolti soprannaturali inquietanti. Il film sembra davvero promettente e molto fedele al romanzo originale.
POKÉMON: DETECTIVE PIKACHU (9 maggio)

Ryan Reynolds che presta volto (in performance capture) e voce al Pikachu parlante e un rendering iper-realistico in CGI per i mostriciattoli Nintendo, in una storia dal taglio thriller e ricca d'avventura. Non ci sperava nessuno, nel primo live-action dedicato ai Pokémon, e invece dopo il primo trailer ufficiale sono stati in molti a doversi ricredere, almeno superficialmente, rispetto a quanto poco visto. Detective Pikachu potrebbe rivelarsi un film estremamente piacevole, leggero e scanzonato quanto spettacolare in termini di world building e perché no, persino di trama. Incrociamo le dita.
JOHN WICK 3: PARABELLUM (16 maggio)

Non è chiaro se il terzo capitolo delle avventure dell'ex-assassino in pensione possa essere l'ultimo della saga action di Chad Stahelski con protagonista l'amatissimo Keanu Reeves, ma è di sicuro uno dei film più attesi del prossimo anno. Vedremo John Wick contro l'intero mondo criminale globale, un sottobosco di mercenari, agenti sotto copertura e chi più ne ha più ne metta con un solo obiettivo: uccidere Wick e incassare la taglia. Si preannuncia una caccia all'uomo mista a un survival movie urbano di caratura epica.
ALADDIN (22 maggio)

Secondo adattamento live-action di un classico Disney nel 2019, questa volta affidato alle mani e al sofisticato talento "da strada" di Guy Ritchie, perché di base Aladdin è un ladro o forse perché in lui hanno visto un regista competente in grado di assoggettare al suo volere stilistico la storia d'amore e di riscatto di un eroe popolare.
Il film si presenta comunque spezzato: da una parte un utilizzo di CGI estremamente costoso, dall'altra una scelta di costumi e personaggi da fiera del fumetto. Bisognerà capire cosa verrà fuori unendo queste due anime, ma la curiosità è certamente tanta, soprattutto nel vedere il Genio di Will Smith in blu, completamente ricreato in CGI.
AD ASTRA (23 maggio)

Regia del sempre bravo James Gray, cast all star con protagonisti Brad Pitt, Tommy Lee Jones e Donald Sutherland per una storia sci-fi e thriller che racconta di un ingegnere spaziale che si imbarca per un viaggio verso Nettuno. Lo scopo della sua missione è trovare forme di vita intelligenti, obiettivo mai raggiunto dal padre, scomparso proprio nel mentre della sua ricerca.
Il protagonista interpretato da Brad Pitt dovrà quindi viaggiare ai confini dello Spazio per ritrovare anche il padre. Non c'è ancora un trailer e in rete si trova soltanto un'immagine ufficiale, ma è tra i must see del 2019, senza riserve.
GODZILLA: KING OF THE MONSTERS (30 maggio)

Monumentale, epico e di impatto mostruoso. Tre aggettivi che descrivo benissimo Godzilla: King of the Monsters dopo il full trailer ufficiale rilasciato poche settimane fa. Un film che sembra guardare alla maestosità e alla raffinatezza di Mad Max: Fury Road in ambito blockbuster, senza dimenticare di aumentare la portata distruttiva e spettacolare del film a livelli spropositati. Una guerra aperta tra i Titani del mondo antico in un mondo dominato da parassiti. La natura che si ribella all'uomo. Un entusiasmante quanto visivamente sontuoso massacro.
ROCKETMAN (30 maggio)

Il produttore Matthew Vaughn ne ha parlato come di un biopic visivamente galvanizzante tutto "sesso, droga e rock'n'roll". Ed effettivamente il trailer mostra un ritratto diverso, un po' sognante e molto scanzonato, che vuole intrattenere raccontando la vita di Elton John, interpretato da un somigliante Taron Egerton. Sotto le mani di Dexter Fletcher, comunque, non ci si poteva aspettare niente di meglio. Già con Eddie the Eagle ha saputo confezionare un prodotto fresco, emozionante e molto divertente, quindi l'attesa è ovviamente... alle stelle!

GIUGNO

PETS 2 - VITA DA ANIMALI (6 giugno)

Sequel del riuscito e spassoso film animato della Illumination Pictures, sempre diretto da Chris Renaud, questo Pets 2 vuole bissare il successo del capitolo precedente, provando a mettere in un'altra situazione spiacevole il piccolo Max e i suoi amici. La mascotte del film, Nervosetto, ricoprirà addirittura il ruolo si supereroe animale urbano. Se tanto ci dà tanto, risate e intrattenimento infantile e senza pretese sono assicurati, e in questo caso va benissimo così.
MEN IN BLACK: INTERNATIONAL (13 giugno)

Niente più Will Smith o Tommy Lee Jones vestiti in nero e in azione contro gli alieni, perché adesso è il turno di Chris Hemsworth e di Tessa Thompson. La storia del nuovo Men in Black: International - come suggerisce il titolo - non resterà chiusa nei confini nazionali, perché si sposterà in giro per il globo, dall'America all'Inghilterra fino anche in Italia, così da espandere un Universo affascinante e promettente. Certo, manca la mano artigianale e riconoscibile di Barry Sonnenfeld, ma è lo scotto da pagare per avere qualcosa di nuovo, anche se forse meno identitario.
TOY STORY 4 (27 giugno)

Quarto capitolo delle avventure animate di Woody e Buzz targate Pixar. La Grande Fuga dell'infernale asilo del terzo film sembrava la fine per i nostri eroi, e invece c'è ancora una storia da raccontare, questo volta - pare - davvero l'ultima. Ed è una storia che parla d'amore, quello tra Woody e Bo Peep, perso, sofferto e ritrovato; o almeno, si spera ritrovato, dato che il film vedrà proprio Woody mettersi sulle tracce dell'amata.
I doppiatori originali, Tom Hanks e Tim Allen, hanno candidamente ammesso che il finale li ha destabilizzati emotivamente per diversi giorni, portandoli alle lacrime. Fazzoletti alla mano e infanzia bene a mente, a fine giugno ci aspettano i pianti in sala, di quelli belli, catartici e liberatori.

LUGLIO

Escluso SPIDER-MAN: FAR FROM HOME (4 luglio), il listino d'uscite interessanti nel mese di luglio è al momento non pervenuto.

AGOSTO

FAST AND FURIOUS PRESENTS: HOBBS AND SHAW (1° agosto)

Primo spin-off dedicato alla saga miliardaria di Fast and Furious e incentrato sulla dinamica e muscolare coppia formata da Dwayne "The Rock" Johnson e Jason Statham, nei rispettivi panni di Luke Hobbs e Deckard Shaw, alleati in una missione al fulmicotone contro il cattivo Idris Elba. Dirige David Leitch, che già di per sé, nel genere, è un'enorme garanzia. Le possibilità di sbancare nuovamente ai botteghini mondiali sono molto elevate.
IL RE LEONE (21 agosto)

Terzo e ultimo adattamento live-action di un classico Disney in uscita nel 2019, quello più importante, che potrebbe portare una trasposizione simile nella top 5 dei film di maggior incasso nella storia del cinema. Il trailer è il secondo più visto di sempre, appena dietro a Infinity War ed Endgame, e il Re Leone è una di quelle storia immortali, qui ripensate in versione CGI iper-realistica piuttosto che in un vero e proprio live-action, non essendoci nulla di reale. Dirige Jon Favreau, che merita estrema fiducia dopo il certosino lavoro dietro a Il Libro della Giungla.
ONCE UPON A TIME IN HOLLYWOOD (28 agosto)

Dopo la separazione obbligata dalla Weinstein Compay e il passaggio alla Sony Pictures, Once Upon a Time in Hollywood rappresenta sia l'atteso ritorno alla scrittura e alla regia di Quentin Tarantino, sia un totale cambiamento del modello produttivo, che adesso integra anche una distribuzione mondiale capillare, come si addice a un grande studios.
Il film ha un cast stellare che comprende Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino e tantissimi altri, e la storia è ambientata nella Los Angeles del 1969, sullo sfondo di un mutamento culturale importante e mediaticamente interessato agli omicidi della Manson Family. Tra chi ha avuto modo di leggerlo e di lavorarci, se ne parla come di uno dei film migliori dell'autore, vicinissimo nella portata a Pulp Fiction.

SETTEMBRE

IT: CHAPTER TWO (5 settembre)

La seconda parte dell'adattamento cinematografico del romanzo di Stephen King aprirà il mese di settembre 2019 all'insegna della paura. I Perdenti sono ormai cresciuti, ognuno con un lavoro importante in giro per l'America, ma non sono poi tanto felici. A Derry, nel Maine, torna infatti Pennywise a minacciare nuovamente la tranquillità della città, tanto che i protagonisti dovranno tenere fede alla promessa di sconfiggerlo una volta per tutte. James McAvoy e Jessica Chastain nel cast, con la regia sempre affidata ad Andy Muschietti. Tra i film più attesi dell'anno.
FORD VS FERRARI (5 settembre)

Regia affidata al James Mangold di Logan - The Wolverine e due personaggi storici delle corse automobilistiche, Henry Ford II ed Enzo Ferrari, interpretati qui da Tracy Letts e il nostro Remo Girone. La storia, però, non avrà i due fondatori come protagonisti, perché in realtà il film si concentrerà sugli sforzi delle due case automobilistiche per vincere la gara di Le Mans nel 1966, quindi raccontando la fatica dei meccanici e dei due piloti della case, Carrol Shelby e Ken Miles, con i volti di Matt Damon e Christian Bale. Un Rush dal taglio più drammatico, ma dall'azione assicurata. Interessante.
ARTEMIS FOWL (19 settembre)

Adattamento cinematografico targato Disney dell'omonimo e amato romanzo young adult di Eoin Colfer. A prendere in mano le redini della regia ci ha pensato lo shakespeariano Kenneth Branagh, forse perché ha visto nel film l'opportunità di lavorare nuovamente in grande con un blockbuster, e sembra che almeno visivamente il lavoro di adattamento non lasci assolutamente a desiderare. Purtroppo già con Nelle pieghe del tempo ci siamo scottati, quindi non vogliamo esagerare in lodi preventive anche solo all'estetica, limitandoci a dire che Artemis Fowl si presenta come un prodotto d'intrattenimento leggero molto intrigante.

OTTOBRE

GEMINI MAN (3 ottobre)

Nuovo e curioso film diretto da Ang Lee con protagonista Will Smith. Si tratta di un action thriller ipercinetico che vede Smith nei panni di un killer professionista ormai deciso a ritirarsi, stanco della sua violenta professione. Proprio in chiusura di carriera, però, si ritrova a fare i conti con una copia più giovane e spietata di se stesso. Nel cast anche Clive Owen e Mary Elizabeth Winstead, mentre alla sceneggiatura c'è anche David Benioff de Il Trono di Spade.
TERMINATOR 6 (31 ottobre)

Sesto capitolo del franchise iniziato da James Cameron e con protagonista Arnold Schwarzenegger. Il film diretto da Tim Miller (Deadpool) ignorerà sia Terminator 3 che Salvation e Genisys, riprendendo le fila della storia da Terminator 2 e riportando Linda Hamilton nei panni di Sarah Connor. Ci sarà un nuovo modello di Terminator interpretato da Gabriel Luna e una favolosa Mackanzie Davis nei panni di Grace, una delle nuove protagoniste. Si sa ancora pochissimo in merito alla storia, ma con Cameron nuovamente alla produzione si può tornare a sperare.

NOVEMBRE

KINGSMAN: THE GREAT GAME (14 novembre)

Prequel della saga principale con protagonisti Taron Egerton e Colin Firth, questo Kingsman: The Great Game dovrebbe uscire prima di Kingsman 3, anche se in generale si è creata molta confusione su chi sia chi e chi esca prima.
È sicuro che Matthew Vaughn dirigerà entrambi i film, back to back, e soprattutto sul prequel si hanno molte più informazioni. Protagonista della storia saranno Rhys Ifans, Charles Dance e Daniel Bhrul, durante la prima guerra mondiale e con il club dei Kingsman ancora da fondare. Le riprese dovrebbero cominciare questo gennaio, quindi a seconda di eventuali ritardi o problematiche varie, la data d'uscita potrebbe slittare - anzi, è quasi certo. Per ora, però, è fissata a novembre.

DICEMBRE

FROZEN 2 (12 dicembre)

Per ora sappiamo pochissimo in merito all'atteso sequel di Frozen - Il Regno di Giaccio, se non che potrebbe rappresentare per l'animazione Disney uno dei primi contenitori tematici per una love story lesbo tra Elsa e non si sa bene chi.
Sicuramente sarà ambientato a distanza di qualche anno dalla storia originale e rivedrà i comprimari del primo capitolo, ma oltre a questo e un'immagine leaked sbarcata online da poco non si sa altro. È comunque Frozen e un cartoon Disney, quindi da non perdere.
STAR WARS: EPISODIO IX (18 dicembre)

E concludiamo questa lunga classifica dei film imperdibili del 2019 all'insegna della Forza, visto che come tradizione biennale vuole ormai dal 2015, dicembre 2019 porterà sul grande schermo Star Wars: Episodio IX - ancora senza titolo ufficiale - diretto da J.J. Abrams. Anche qui, il mistero sulla trama è talmente fitto che gli attori paragonano gli Accordi di non divulgazione della LucasFilm al livello di segretezza della CIA, quindi non si può neanche indagare a fondo finché non trapelano novità ufficiali.
Sappiamo che ci sarà un balzo temporale, forse di un anno o poco meno, e che tra le new entry ci sarà Matt Smith. Episodio IX porterà a conclusione la nuova trilogia con protagonisti Ray, Finn e Poe Dameron, aprendo successivamente la strada a una nuova Galassia di possibilità.

Che voto dai a: Godzilla II - King of the Monsters

Media Voto Utenti
Voti: 28
8.6
nd