Costruire il mondo dei Pokémon: i contenuti extra di Detective Pikachu

Scopriamo come i tecnici Warner Bros. e i protagonisti di Pokémon - Detective Pikachu hanno creato il mondo del film esplorando i contenuti extra.

speciale Costruire il mondo dei Pokémon: i contenuti extra di Detective Pikachu
Articolo a cura di

Il prossimo 12 settembre Pokémon - Detective Pikachu arriva in versione "fisica" in DVD, Blu-Ray e nell'edizione Steelbook Blu-Ray grazie a Warner Bros. Home Entertainment, nel frattempo però - come vi abbiamo già raccontato - è disponibile la versione in Digital Download. Fra le diverse edizioni disponibili sulle maggiori piattaforme italiane, quella offerta da iTunes sembra essere la più completa - sia per la presenza del 4K che per i contenuti speciali, oltre 30 minuti di filmati extra che andremo a conoscere ora in dettaglio.
Oltre a un interessante Dietro le Quinte, la sezione più corposa degli "Extras iTunes", la Warner Bros. si è concentrata soprattutto sulle interviste ai membri del cast, pensiamo soprattutto a Ryan Reynolds (voce originale di Pikachu), Kathryn Newton e Justice Smith. È proprio il ragazzo che presta corpo e voce a Tim Goodman ad aprire le danze, confermando come la sua scelta fosse probabilmente la migliore possibile. Justice ribadisce infatti come il suo amore verso i Pokémon non sia nato con la produzione del film, tutt'altro: conosce il mondo degli animaletti giapponesi sin dal Pokémon Oro uscito su Game Boy Color, inoltre insieme alla sorella possiede ancora tutte le carte della prima serie originale. Anche se non conoscevano tutte le regole originali, i due ragazzini erano soliti giocare inventando di sana pianta le loro condizioni, l'importante era divertirsi con quei numerosi animaletti tanto coccolosi quanto aggressivi - all'occorrenza.

Behind the scenes

Il piatto forte dei contenuti extra è dunque un corposo Dietro le Quinte, grazie al quale si scopre come i tecnici abbiano fuso splendidi e dettagliati set reali con elementi totalmente digitali. Nonostante la grande tecnologia utilizzata per realizzare il prodotto finale, il regista Rob Letterman ha deciso insieme alla produzione di utilizzare la pellicola 35mm, che ha aiutato a donare ai Pokémon un aspetto più realistico e "analogico", meno freddo rispetto al digitale.
Certo i Pokémon sono arrivati sullo schermo solo nella fase successiva alle riprese, la vera difficoltà di Justice Smith è stata infatti recitare per il 75% delle scene praticamente da solo con la troupe, senza interagire con nessuno. Emblematica in questo senso è la divertente scena dell'interrogatorio a Mr. Mime, durante la quale l'attore protagonista ha recitato da solo insieme a una lampada e a uno sgabello - con tutta la troupe attorno. Una situazione surreale che ha però restituito uno dei momenti più riusciti dell'intera produzione, ma come si fa a recitare da soli sul set, senza qualcuno che risponda alle tue battute?
Justice Smith ha girato le scene con un "segreto": un auricolare dentro il quale passavano le battute di Pikachu. Era il solo ad averlo, anche perché nel film è l'unico personaggio in grado di sentire le parole del topino elettrico, dettaglio che ha reso ancor più realistiche le scene con più personaggi.

Un Pikachu buontempone

Il cuore della produzione però sono stati ovviamente i Pokémon, per la prima volta ricreati in CGI: degli oltre 800 esistenti, la produzione ha dovuto sceglierne soltanto 60 per motivi di tempo, budget e buon senso, ricreandoli però sin nei minimi dettagli per accontentare anche i fan più sfegatati, facendo attenzione alle movenze e ai tratti originali. Star assoluta dell'intero progetto è ovviamente Pikachu, che da solo ha avuto ben 1.100 riprese, doppiato in lingua originale da Ryan Reynolds.
L'attore che presta ironia e corpo al Deadpool cinematografico della Marvel ha studiato un anno intero per entrare nel ruolo di Pikachu. Lo ha scelto fondamentalmente per far felici i propri figli, rivela in una piccola intervista presente nei contenuti Extra, anche se conosceva poco il mondo dei Pokémon. L'attore ha lavorato sodo e compreso ogni aspetto del fenomeno giapponese, cercando inoltre "di perdere 80 chili per arrivare allo stesso peso di Pikachu, prima che intervenissero i medici", scherza davanti alla telecamera.

Pur essendo solo una voce per gran parte dell'operazione, Reynolds è stato spesso sul set per supportare gli altri attori e immergersi nel magico mondo di Ryme City. Una città fittizia ricreata sulla Tokyo attuale ma impreziosita da strutture futuristiche e strade stracolme di insegne al neon, che insieme ai Pokémon colore pastello aiutano a colorare ambienti volutamente neutri, per far risaltare i colorati animaletti. Animaletti che possono diventare davvero aggressivi, ad esempio pensateci più di una volta prima di far arrabbiare un Torterra.


Affrontare il Torterra

In un nuovo filmato degli Extra, gli attori raccontano la particolare avventura della scena d'azione col Torterra: un'intera settimana di riprese nella fredda e umida Scozia, durante la quale i protagonisti hanno corso, saltato e nuotato tutto il tempo. Inoltre per ricreare il mondo che si ripiega su se stesso sono state costruite enormi piattaforme mobili da fondere con l'ambiente digitale, un qualcosa di davvero spettacolare che potete ammirare in un interessante spezzone video. Presente fra gli Extra anche una scena iniziale alternativa, un divertente "Commento al film" di Mr. Mime e una Modalità Detective per vedere l'intero film con pop-up e informazioni aggiuntive - vera chicca dell'edizione Digital. Visto il successo dell'operazione, al box office e non solo, speriamo che questo Pokémon - Detective Pikachu sia l'inizio di un universo più grande e variegato.

Che voto dai a: Pokémon - Detective Pikachu

Media Voto Utenti
Voti: 43
8.3
nd