Comcast vuole rovinare i piani della Disney: offerti alla Fox 60 miliardi

Pensavate che fra Fox e Disney l'accordo fosse concluso? Sbagliato, Comcast offre 60 miliardi contro i 52 della Disney per lo stesso pacchetto.

speciale Comcast vuole rovinare i piani della Disney: offerti alla Fox 60 miliardi
Articolo a cura di

Diverse settimane fa sui principali media è rimbalzata la notizia dell'acquisto di Fox da parte della Disney, un accordo da 52 miliardi di dollari utile a ingigantire ancor di più lo strapotere della casa di Topolino. Sull'affare poi si è saputo poco o nulla, poiché tutto è rimasto bloccato negli uffici dell'antitrust britannico che sta indagando sulla correttezza della compravendita, almeno fino a oggi. Comcast è infatti entrata a gamba tesa mettendo sul piatto 60 miliardi di dollari per acquistare lo stesso pacchetto desiderato dalla Disney, che invece ne ha offerti "soltanto" 52 come ricordato in apertura; la Fox dunque avrebbe ancora tutto il tempo di dire NO all'offerta Disney e stringere un accordo più vantaggioso, le cose però potrebbero prendere una piega "inedita". Il pacchetto Fox, che contiene anche buona parte di quote Sky, potrebbe esser diviso fra Disney e Comcast, accontentando entrambe le parti.

A gamba tesa

Comcast infatti brama con ardore le quote Sky appartenenti a Fox, mentre la Disney è certamente più interessata agli X-Men e ai Fantastici 4 per rimpolpare le fila del suo Marvel Cinematic Universe. All'orizzonte dunque sembra che la Fox possa concludere due accordi al posto di uno, per buona pace di Bob Iger che avrebbe preferito il pacchetto intero - anche se un accordo parziale farebbe risparmiare alla Disney 12 miliardi di debiti. Alla casa di Topolino andrebbe anche una piccola porzione di Hulu, una parte di contratto strategicamente fondamentale per contrastare il potere di Netflix e guadagnare know how per la piattaforma proprietaria prevista per il 2019. Al momento si tratta soltanto di offerte messe sulla scrivania, con l'antitrust che deve ancora dare il proprio ok su ogni affare, di certo il mercato si sta preparando a un gigantesco terremoto interno.

La piovra

L'offerta di Comcast è arrivata come una tegola sulla testa della Disney, che pensava ormai di aver concluso un ottimo affare. Il malumore all'interno dell'azienda è infatti palpabile, possedere parte di Sky avrebbe permesso alla grande D di consolidare i suoi servizi Direct-to-consumer a livello internazionale, cosa a cui invece dovrà probabilmente rinunciare per non perdere anche il resto.

Dall'altra il CEO di Comcast Brian Roberts si è detto estremamente soddisfatto della strategia della sua azienda, che qualsiasi decisione della Fox sarà comunque un successo - nel caso ceda soltanto Sky oppure tutto il pacchetto. In tutto questo marasma di profonda incertezza c'è comunque un'ottima notizia: c'è ancora qualcuno in grado di contrastare con forza i tentacoli affamati di mamma Disney, che ultimamente sembra davvero intenzionata a fare terra bruciata attorno a se. Grazie agli universi Marvel, Star Wars e Pixar la grande D domina il box office americano con il 22% di quota assoluta, provate a immaginare cosa succederà con l'arrivo degli X-men, i franchise de Il Pianeta delle Scimmie e Avatar, solo per ricordarne alcuni. Inoltre Iger non ha alcuna intenzione di smantellare, ad accordo fatto, Hulu, tutt'altro, vuole che il servizio coesista con la piattaforma proprietaria, cosa che darebbe soltanto l'illusione di una concorrenza. Forse veder salpare Sky verso Comcast potrebbe non essere una così cattiva notizia, in termini di mercato.