Speciale Cinecittà world

Un assaggio del nuovissimo parco dei divertimenti di Roma a tema cinematografico!

speciale Cinecittà world
Articolo a cura di

"Tutti noi sappiamo che il nostro tempo libero è molto più grande del nostro tempo di lavoro e tutti noi sappiamo che abbiamo il tempo di lavoro molto organizzato e il tempo libero molto disorganizzato, anche perché l'utilizzo di esso dipende dalla qualità dell'offerta. Da questo nasce il nostro progetto".
A parlare è Luigi Abete, presidente ed amministratore delegato sia di IEG Entertainment Group spa che di Cinecittà Entertainment spa, in occasione della presentazione alla stampa di Cinecittà world, primo parco tematico in Italia dedicato al mondo del cinema i cui principali azionisti, accanto a lui, sono Andrea e Diego Della Valle, Aurelio e Luigi De Laurentiis e la famiglia Haggiag con la partecipazione di Generali Properties.
Parco nato progettualmente nel 2003 e che, sito sulla via Pontina all'altezza di Castel Romano in modo da risultare utile agli interessi di tutti, in quanto luogo centrale tra la città e il mare, è stato disegnato dallo scenografo premio Oscar Dante Ferretti, il quale dichiara: "Conoscevo bene Castel Romano, visto che ci avevo fatto dei film. A Cinecittà, poi, avevo portato grandi registi internazionali, quindi volevo mettere pezzi di quelle scene riportandole qui ed inserire cose fatte in generale nel cinema italiano, anche scenografie non realizzate a Cinecittà, come quella di Cabiria. È importante far capire alle famiglie, quando arrivano, che le cose che vedono al cinema a volte sono ricostruite, sono frutto del lavoro di tanti professionisti, ma, se fatte bene, funzionano".

Un divertimento da Oscar

Infatti, è proprio la fedele riproduzione del tempio del Dio Moloch visto nel kolossal realizzato nel 1914 da Giovanni Pastrone e Gabriele D'Annunzio a rappresentare lo spettacolare portale d'ingresso di Cinecittà world, oltrepassato il quale abbiamo un viale ispirato alla New York del proibizionismo e dei gangster degli anni Venti, con drugstore, ristoranti e, addirittura, un barber shop in cui gli ospiti possono "trasformarsi" in vere comparse del cinema.
Poi, passando alle attrazioni, è possibile entrare nel sommergibile Aquila IV, set interattivo di guerra, o salire a bordo della Drop tower che, realizzata sulla schiena del Dio Elefante Erawan, raggiunge sessanta metri di altezza dai quali i visitatori simulano una caduta libera su quattro gondole (due equipaggiate con l'innovativa funzione "tilt" che inclina i sedili avanti di venti gradi).
Immersa in una riproduzione della città di Ambracia, rifugio dei legionari di Marco Ottavio, Aktium, invece, ospita il Water ride: raggiungendo i ventidue metri di altezza, attraverso due lift di salita i passeggeri vengono portati ad immergersi in uno scenario di sfida ed emozioni tra onde immense ed emozionanti "camel back".
Per gli amanti del western, Ennio's creek è un villaggio a tema che, accompagnato dalle musiche del maestro Ennio Morricone, ospita non solo il ristorante saloon Mezzogiorno al fuoco, ma anche ballerine di can-can, sceriffi, banditi e giochi spazianti da candelotti di dinamite a botti piene di whiskey.
E, ovviamente, non poteva mancare Altair, rollercoaster caratterizzato da un esaltante tracciato costituito da dieci inversioni a trecentosessanta gradi con le celebri evoluzioni del "cobra roll" e del "corkscrew", corredato di scenografia rappresentante un'astronave che racchiude la stazione di carico e scarico.
Sempre a tematica rollercoaster, ma impreziosito da atmosfera horror thriller, c'è poi Darkmare, che riporta nell'immaginario dell'inferno dantesco disegnato da Gustav Doré tra curve e drop emozionanti per condurre ad una sorpresa finale che lascia con il fiato sospeso.
Attrazione, quest'ultima, che fa parte dei quattro teatri del parco, insieme al teatro 1, riservato allo show permanente Enigma, omaggio alla magia del cinema e ai misteri che ogni storia crea dentro di noi, a Il proiettore incantato, allestito come un enorme proiettore cinematografico dove è stato ricostruito il mondo fantastico, dipinto con i colori video compositi dei proiettori, e a Ciak si gira, i cui show selezionati sono un mix coerente di performance artistiche e contenuti spettacolari.
Ma non è finita, perché, mentre Abete annuncia che nella Primavera del 2015 dovrebbe essere terminata anche la ristrutturazione del Luneur, indirizzato soprattutto alla fascia di età da zero a dodici anni, all'interno di Cinecittà world vi attendono laboratori tempestati di green screen, avventure digitali, viaggi spaziali, piste laser ed effetti 3D; senza dimenticare Sognolabio, area ispirata al genere fantasy e dedicata ai bambini, tra giostre e barche equipaggiate di cannoni che sparano acqua.
Quindi, a partire dal 24 Luglio 2014 tuffatevi in quello che i fondatori del parco definiscono un... divertimento da Oscar!