Marvel

Captain Marvel, l'analisi del nuovo trailer ufficiale

La potentissima supereroina Marvel interpretata da Brie Larson mostra muscoli e carisma nel nuovo footage, che anticipa tutta la sua forza distruttiva.

speciale Captain Marvel, l'analisi del nuovo trailer ufficiale
Articolo a cura di

Fino a pochi giorni fa, aspettavamo tutti l'arrivo del primo trailer ufficiale di Avengers 4 - compreso di titolo -, invece i Marvel Studios hanno deciso di mostrarvi un nuovo filmato dedicato al comunque atteso Captain Marvel. Il cinecomic diretto da Anna Boden e Ryan Fleck si era già fatto ammirare in un teaser trailer lo scorso settembre, attirando un grande consenso da parte dei fan misto a diverse critiche, relative soprattutto all'espressività e al carisma della Larson nei panni di Carol Danvers e alla controversa (per i neofiti e generalisti) scena "del cazzotto alla vecchietta".
Ebbene, proprio perché viviamo in un periodo altamente incentrato sul politically correct, contando anche sul bollino family friendly della Disney e sull'infondata e abbastanza sciocca paura che un bambino possa prendere a calci la nonna scambiandola per uno Skrull, lo studio ha deciso di aprire questo secondo trailer ufficiale esplicitando di buon grado il perché di quel cazzotto. Come? Mostrando direttamente una capriola e un contrattacco dell'anziana donna, in realtà Skrull sotto copertura, mentre in sottofondo la voce di Nick Fury chiarisce: "Quindi gli Skrull sono i cattivi".


Superpotenza declinata al femminile

E i Kree chi sono, allora? Beh, a rispondere al quesito ci pensa prontamente Carol Danvers (Brie Larson), che descrive la sua razza come "eroi nobili guerrieri". Tra loro anche Ronan l'Accusatore, che in Guardiani della Galassia (ma anche un po' in generale nei fumetti) tanto nobile non è, magari un pizzico esagerato ed estremista sì invece. Comunque, sempre perché la chiarezza deve venire prima di tutto, il trailer continua specificando per bene le revisionate origini della Danvers, che finora sapevamo essere per certo di razza mista (Kree e Terrestre).

Quello che di nuovo le viene detto nel filmato è che "la sua vita è cominciata quando stava per perderla", presumibilmente riferito a qualche schianto con l'aereo dopo l'incontro con uno Skrull e un attacco quasi mortale. Curioso però notare come, nella scena del risveglio dopo il brusco schianto con il jet, Carol perda del sangue blu dal naso (in fondo lo diceva che i Kree sono nobili!), ed è quasi certo che quella sequenza sia effettivamente ambientata nel passato della protagonista, prima del suo arrivo sul pianeta alieno e la sua "trasformazione"/totale presa di coscienza.
Molti più segmenti del trailer si focalizzano poi sulla militanza nelle forze speciali Kree della Danvers, che è poi il periodo da cui si presume dovrebbe partire il film (anche se non è chiaro che tipo di narrazione abbia, se regolare o sfasata). Lo ripetiamo: da quanto letto nelle varie interviste e osservato dai due trailer, l'idea è che Carol fosse una terrestre, abbia subito un qualche cambiamento dopo l'incontro con uno Skrull, abbia perso la memoria, sia stata ritrovata e guidata da Kree, resa una super guerriera e poi, durante una missione, riportata sulla Terra. Qui, come si capisce già dal filmato, insegue uno Skrull (la vecchietta) e viene intercettata dallo S.H.I.E.L.D. guidato da Nick Fury (Samul L. Jackson), per poi collaborarci insieme per sventare il piano di invasione segreta della Terra della razza aliena più infame dell'Universo, veri master of disguise delle Galassie. Da qui, successivamente, dovrebbe essere un ritorno alla piena coscienza della propria doppia natura, per la Danvers, che si erge a supereroina di due mondi, Kree e Terra.
Jude Law, come sappiamo, dovrebbe interpretare il mentore alieno di Carol, Marv-Ell, ma forse dei plot twist della storia e dei netti cambiamenti rispetto al fumetto potrebbero rivelarne un'intrinseca malvagità, portando l'audience a vedere un suo mutamento nel corso del film fino a scoprirne il vero nome, Colonnello Yon-Rogg, uno dei più acerrimi nemici di Captain Marvel.

A tal proposito, fosse davvero così, nessuno vorrebbe essere nei suoi panni, almeno da quanto visto nella parte finale e decisamente più eccitante del trailer, quando Carol preannuncia sicura e decisa: "Non combatterò la tua guerra. La finirò", che è anche una delle catchphrase più minacciose dell'intero Marvel Cinematic Universe.
In ogni caso, la supereroina (ed è bello leggerlo a caratteri cubitali in un trailer, dà segno di rivoluzione ed è giusto che sia così in questo caso) non è tutta chiacchiere e niente distintivo, perché dalle parole la vediamo passare ai fatti e divenire la perfetta crasi cinematografica tra Iron Man e Captain America. Esce dall'atmosfera terrestre e comincia a volteggiare sinuosamente e con agilità nello spazio, con indosso il suo costume rosso e blu con tanto di maschera.
L'energia che la ricopre è potentissima, come l'aura dei Super Sayan di Dragon Ball. Parte decisa e comincia a distruggere con i suoi strabilianti poteri una navicella dopo l'altra (probabilmente Skrull), con una semplicità e un'eleganza che 23 anni prima di Infinity War - e nel bel mezzo della sua campagna di eradicazione della vita nell'Universo - persino Thanos dovrebbe avvertire un brivido gelido salirgli lungo la schiena. In poche parole, la potenza femminile declinata in salsa supereroistica. Non vediamo l'ora.

Quanto attendi: Captain Marvel

Hype
Hype totali: 153
78%
nd