Speciale Bradley Cooper/Ryan Gosling

Gli (anti)divi del momento

Articolo a cura di

La bellezza eterea di Brad Pitt, il fascino selvaggio di Johnny Depp, i muscoli del primo Tom Cruise, il capello brizzolato degli attuali George Clooney e Richard Gere...
Nulla di ciò rientra nel "campionario estetico" di Bradley Cooper e Ryan Gosling. Eppure, sono loro i sex symbol del momento, i più amati dalle donne del terzo millennio, gli antidivi per eccellenza; talentuosi, intelligenti e dotati di una bellezza certamente fuori dal comune, del tutto estranea allo stereotipo patinato e laccato tipico della migliore (o peggiore) Hollywood.

Questo weekend, i due attori arrivano in sala con il film di Derek Cianfrance, Come un tuono (The Place Beyond the Pines), che vede Gosling nelle vesti di uno stuntman che, trovandosi in gravi difficoltà economiche, si vede costretto a improvvisarsi rapinatore di banche per salvare la moglie e il figlioletto. Sulle sue tracce, si mette Cooper nelle vesti di un ex poliziotto ora politico.

Attori straordinari, ancora relativamente giovani ma con carriere già colme di successi e in continua ascesa, per le quali ci sembra più che d'obbligo spendere una menzione.

BRADLEY COOPER

Bradley Charles Cooper

Nato a Filadelfia (Pennsylvania) il 5/1/1975

Alzi la mano chi avrebbe osato, al tempo, scommettere un solo centesimo su quel baldo giovinotto che, sotto una tempesta di neve, chiedeva riparo ai malcapitati di turno - rivelandosi poi un personaggio tutt'altro che affidabile... - nell'incalzante thriller di Marc Evans, My Little Eye?
Probabilmente in pochi avrebbero azzardato, ma, a conti fatti, non sarebbe stata affatto una cattiva idea. Anzi...
Ma, all'epoca - parliamo del 2002 - Bradley Cooper era solo uno sconosciuto attore ventisettenne con all'attivo solo qualche fugace esperienza televisiva - tra cui un episodio della seconda stagione di Sex and the City - e un piccolo ruolo nella commedia Wet Hot American Summer, ed era difficile aspettarsi, da parte sua, un simile successo.
Successo che, comunque, è arrivato solo dopo una lunga gavetta in ruoli minori, sia in tv che al cinema, come ad esempio nel noto serial Alias e in alcune puntate di Law & Order e Nip/Tuck, oltre che nelle commedie 2 single a nozze (2005), A casa con i suoi (2006) e Yes Man (2008).
La svolta, per Cooper - grande appassionato di cucina e, per chi non lo sapesse, di origini italiane, per la precisione abruzzesi - arriva senz'altro nel 2009, anno in cui, oltre a prendere parte alla commedia sentimentale La verità è che non gli piaci abbastanza, con Scarlett Johansson, Jennifer Aniston e Drew Barrymore, è tra gli scatenati protagonisti dell'ormai cult Una notte da leoni. Film, questo diretto da Todd Phillips e interpretato anche da Ed Helms, Justin Bartha e Zack Galifianakis, che lo impone definitivamente all'attenzione del grande pubblico, permettendogli inoltre di compiere i primi passi per diventare, a tutti gli effetti, una star del grande schermo.
Dopo aver condiviso la scena - e purtroppo anche il Razzie Award - con Sandra Bullock nel poco apprezzato A proposito di Steve, sempre del 2009, lo vediamo, nei periodi successivi, in altri blockbuster tipicamente hollywoodiani come A-Team (2010), adattamento dell'omonima serie tv degli anni '80, e Limitless (2011), oltre al romantico Appuntamento con l'amore (2010), con Julia Roberts e Jessica Alba.
Immancabilmente, nel 2011, arriva anche il sequel di Una notte da leoni, sempre con lo stesso team di attori e che ottiene un riscontro di pubblico addirittura superiore alla pellicola originale.
Ma Cooper, oltre che un buon interprete 'di cassetta', si dimostra anche un abile trasformista in film molto più riflessivi come The Words (2012), dove interpreta uno scrittore che deve fare i conti con il suo improvviso successo, e soprattutto Il lato positivo - Silver Linings Playbook, che segna la sua definitiva consacrazione e gli regala una nomination all'Oscar e al Golden Globe.

Il prossimo maggio, Cooper sarà di nuovo al cinema con l'attesissimo Una notte da leoni 3!

RYAN GOSLING

Ryan Thomas Gosling

Nato a London (Ontario) il 12/11/1980

Non molto diverso è stato il cammino nello Star System per il canadese Ryan Gosling, attivo nel mondo dello showbiz sin da ragazzino, con un'invidiabile serie di prodotti televisivi tra cui il noto Young Hercules di fine anni '90, che lo vide già nel ruolo di protagonista.
Purtroppo il serial ebbe la durata di una singola stagione, ma il salto dal piccolo al grande schermo avvenne in un lampo; nel 2000 Gosling figura accanto a Denzel Washington nello sportivo Il sapore della vittoria, mentre l'anno successivo condivide la scena con il Billy Zane di Titanic nel duro The Believer, dove interpreta magistralmente il ruolo di un giovane neonazista ebreo.
Del 2002 è invece il thriller Formula per un delitto, dove recita accanto a Sandra Bullock, instaurando con l'attrice un rapporto sentimentale durato circa un anno.
A seguito di qualche pellicola indipendente e dallo scarso successo, nel 2004 lo si vede al fianco della connazionale Rachel McAdams - con la quale si fidanzerà - nello struggente dramma di Nick Cassavetes, Le pagine della nostra vita.
Nel 2006 si fa notare nel ruolo di un insegnante di storia tossicodipendente in Half Nelson, per il quale si aggiudica la sua prima nomination all'Oscar, e nello stesso anno prende parte al complesso Stay - Nel labirinto della mente, con Ewan McGregor e Naomi Watts.
E' un brillante avvocato nel thriller Il caso Thomas Crawford (2007), in cui se la vede con lo scaltro ingegnere aeronautico Anthony Hopkins, e un ragazzo sensibile e introverso in Lars e una ragazza tutta sua (2007), per il quale viene nominato ai Golden Globe.
Nel 2010 gira Blue Valentine facendo coppia con Michelle Williams, ma il film non ha fortuna e arriva in Italia con quasi tre anni di ritardo. Poi è la volta della commedia Crazy, Stupid, Love (2011), dove, nei panni di un incontenibile sciupafemmine, insegna a un goffo Steve Carell come "interagire" con l'altro sesso.
Trova quindi il suo mentore cinematografico nel geniale regista danese Nicolas Winding Refn, che gli affida il ruolo di protagonista nell'adrenalinico Drive (2011), film apprezzatissimo da pubblico e critica e che contribuisce, insieme al successivo Le idi di marzo (2011), quarta regia di George Clooney, a consacrarlo come star a tutto tondo.

Lo abbiamo visto recentemente accanto a Sean Penn e Josh Brolin in Gangster Squad, mentre lo ritroveremo a breve nella nuova fatica di Winding Refn, Only God Forgives.

Che voto dai a: Come un tuono

Media Voto Utenti
Voti: 7
6.4
nd