Black Adam, la Super Divinità di Dwayne Johnson è pronta a scuotere la DC

Insieme a The Batman e The Suicide Squad, al DC FanDome è stato anche presentato ufficialmente il film con The Rock, ricco di curiosità.

speciale Black Adam, la Super Divinità di Dwayne Johnson è pronta a scuotere la DC
INFORMAZIONI FILM
Articolo a cura di

Il DC FanDome si è rivelato l'evento virtuale più ricco e apprezzato della stagione estiva, con una prima parte - la Hall of Heroes - interamente dedicata al cinema e ai videogiochi. Sono stati tanti i titoli presentati in via ufficiale all'interno della grande cupola streaming ideata da Walter Hamada sotto l'egida Warner Bros, e insieme al sensazionale teaser di The Batman di Matt Reeves e al dietro le quinte del The Suicide Squad di James Gunn, altro titolo di punta dell'appuntamento è stato l'intrigante Black Adam con Dwayne "The Rock" Johnson.

Rispetto al Cavaliere Oscuro di Robert Pattinson e alla nutrita Task Force X, il cinecomic diretto da Jaume Collet-Serra (L'uomo sul treno, Jungle Cruise) non ha ancora iniziato la riprese, trovandosi in una fase pre-produttiva avanzata. Fisiologico, comunque, pensando che uscirà nelle sale solo a dicembre 2021 e con la fase di shooting prevista entro la fine dell'anno. The Rock, Hamada e il regista però non vedevano l'ora di presentare qualcosa ai fan, dimostrargli la concretezza del progetto, uno sviluppo passionale con un eventuale alto grado di spettacolarità cinematografica. Lo hanno fatto affidandosi alla voce del protagonista e alla mano professionale dei ragazzi di BossLogic, regalandoci un fantastico artwork trailer dal sapore di motion comic e rivelandoci tante interessanti novità. Approfondiamole insieme.


La sottile linea della giustizia

Il progetto Black Adam è in circolazione in casa DC prima ancora dell'uscita di Batman v Superman: Dawn of Justice. Proprio come Shazam!, che è poi riuscito a vedere il buio in sala prima di lui, il film sulla Divinità Antica (ridefinita tale nel 1994) è sempre stato un traguardo da raggiungere per l'etichetta cinematografica, che ha incontrato però molte difficoltà dopo il flop dell'Universo Condiviso, vedendosi costretta a cambiare radicalmente il piano produttivo e comunicativo delle sue trasposizioni cinematografiche.

Shazam! è stato più fortunato di Black Adam per tre ragioni: ha trovato immediatamente un regista con un'idea in David F. Sandberg, una star del cinema poco impegnata con Zachary Levi - dunque senza problemi d'agenda - e un costo produttivo mediamente ridotto (appena 100 milioni) rispetto ai vari titoli DC. Per Black Adam i problemi erano ben più complessi, dato che, pur avendo una star già decretata, The Rock è stato tra gli attori più impegnati e richiesti degli ultimi cinque anni, in giro per il mondo tra Fast & Furious 8, Rampage, Skyscraper, Hobbs & Shaw e Jungle Cruise. E anche i costi produttivi richiesti erano superiori, già a partire dal solo Johnson come protagonista assoluto. Galeotto è stato poi (dal punto di vista collaborativo) il set dell'adattamento dell'attrazione Disney, che ha convinto la star a spingere in un momento propizio per DC (gli incassi di Aquaman, il successo di Shazam, l'atteso per Joker) sull'ingaggio di Collet-Serra come regista del cinecomic, avendone particolarmente apprezzato la verve creativa e lo stile dinamico e ricercato utilizzato anche per un blockbuster come Jungle Cruise (ma il regista è anche un grande coreografo d'azione).

Anche a seguito del miliardo incassato dal Joker di Todd Phillips e alla nuova linea "multiverso" dell'etichetta, da quel momento in poi Black Adam è passato da progetto sperato a produzione concreta, con uno sviluppo che ha cominciato a muoversi davvero velocemente, aiutato anche dalla ferrea volontà di The Rock di entrare finalmente a gamba tesa in un genere a cui voleva partecipare da anni. E a più di 24 mesi di distanza dalla sua uscita ufficiale, eccoci qui a parlare di tutte le novità sul film, che sono molte.

In primis, abbiamo un logo ufficiale che è paurosamente vicino a quello di Shazam!, il che ci indica che la trasposizione farà parte dell'Universo Condiviso e che prima o poi le due Divinità DC si scontreranno l'una contro l'altra. Non nel primo film, comunque, che invece racconterà le origini di Black Adam, che dal motion comic sembrano molto essere basate sull'Universo New 52, quello che tematicamente è molto vicino ad alcune sensibilità attuali della woke culture americana e a diversi interessi di Johnson.

Il suo personaggio è infatti originariamente uno schiavo già noto come Adam, abitante di Kahndaq, grande melting pot di culture, benessere e magia. Ottene i poteri dal Mago Shazam per liberare il mondo e la sua fiorente civiltà dai Sette Peccati Capitali, il che lo ricollega perfettamente alla trama iniziale di Shazam!, di cui dovrebbe funzionare come una sorta di prequel spin-off, per lo meno in questa sua fase primaria. La rabbia della vendetta sul dittatore di Kahndaq prese il sopravvento sulla sete di giustizia di Adam, che invece di trasformarsi in un eroe divenne un vero e proprio furente liberatore, tanto da costringere il Mago a rinchiuderlo in una cripta ben sigillata e a pentirsi della sua scelta fin troppo avventata.

Da qui l'ispirazione all'Universo New 52 incontrerà all'interno della storia ideata da Adam Sztykiel quella dell'Universo fumettistico Post-Crisi, dove Black Adam collaborò per breve tempo con la formazione della Justice Society of America composta da Hawkman, Dr. Fate, Cyclone e il fantastico Atom Smasher, per cui lo stesso The Rock ha voluto a tutti i costi il lanciatissimo Noah Centineo, che ha già cominciato i suoi faticosi allenamenti per il ruolo. Per i restanti membri della JSA, invece, sono ancora in corso i casting, ma immaginiamo che qualche nome arriverà già nelle prossime settimane. Interessanti, in conclusione, le parole di Johnson nel trailer, dato che lancia una vera e propria minaccia a tutti i membri della Justice League, annunciando che "nessuno, dopo 5 mila anni, potrà più imprigionarlo".

Che diventi alla fine del primo film già un supercriminale? La verità è che lui stesso, nello storico numero 3 di Justice Sociy of America, si definisce così: "Non sono un malvagio... non nella definizione stretta legata all'autoproclamatosi mondo moderno. Ho combattuto con la Justice Society, e per un po' sono stati i miei compagni. Purtroppo non ho mai guadagnato la loro fiducia". Chissà dunque cosa succederà in questo affascinante adattamento, di cui non vediamo l'ora di sapere di più.

Quanto attendi: Black Adam

Hype
Hype totali: 29
75%
nd