Baywatch, Godzilla e omicidi sull'Orient Express: in che anno siamo esattamente?

Nonostante sia il 2017, in sala troviamo Baywatch, Godzilla e gli omicidi sull'Orient Express: in che anno siamo esattamente?!

speciale Baywatch, Godzilla e omicidi sull'Orient Express: in che anno siamo esattamente?
Articolo a cura di

Mettiamo il caso vi venga una voglia irrefrenabile di andare al cinema, oggi stesso. Tutti impettiti, profumati e fieri arrivate davanti alla biglietteria facendo slalom fra pop-corn imburrati e bibite giganti, e scorrendo la lista dei titoli disponibili vedete Wonder Woman, film che ha protagonista un'eroina della DC Comics creata nel dicembre del 1941, Baywatch, opera demenziale creata esclusivamente per omaggiare l'omonima serie TV cult andata in onda per la prima volta nel 1989. Un po' più defilati trovate il documentario The Beatles: Sgt Pepper & Beyond, che celebra i quattro ragazzi terribili di Liverpool e l'album Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band uscito nel 1967, e il dramma sentimentale Una Vita - Une Vie di Stéphan Brizé, ambientato nei primi anni del 1800. Proprio in questo momento, mentre una banda di mocciosi vi corre attorno inseguita dai genitori e la cassiera vi invita ad avvicinarvi alla cassa, iniziate a vedere tutto in slow motion, al rallentatore, e con una faccia da meme decisamente dubbiosa inevitabilmente vi chiedete: ma in che accidenti di anno siamo?

Una macchina del tempo inceppata

Il cinema, è vero, è sempre stato un'autentica macchina del tempo, capace di farvi viaggiare fra le epoche e i secoli, negli ultimi anni però è come se si fosse inceppata, bloccata come una puntina fonografica sullo stesso solco di un vinile. È come se ci fossimo adagiati a vivere nel passato, e la cosa balza agli occhi non soltanto guardando le uscite di questa settimana, anche e soprattutto i film a venire nel resto dell'anno. A breve ad esempio ci aspetta La Mummia con Tom Cruise, remake dell'omonimo film del 1999 con Brendan Fraser, Lady Macbeth, un'opera in costume tratta da una novella pubblicata da Dostoevskij nel 1865 (e non dal Macbeth di Shakespeare, attenzione), addirittura il 5 luglio arriva nelle nostre sale Shin Godzilla, e siamo sicuri non ci sia neppure bisogno di ricordarvi quando è stato creato il Re dei mostri giapponesi (sono più di 60 anni in ogni caso). Al di là della mera anzianità, i film esistenti sul lucertolone gigante sono più di trenta, in pratica continuiamo a battere sempre sul medesimo chiodo.

Scimmie, torri oscure e pagliacci

La nostra carrellata nostalgica non finisce di certo qui, superfluo ricordarvi che un giorno dopo Shin Godzilla, dunque il 6 luglio, esce in tutta Italia Spider-Man Homecoming, uno dei personaggi più sfruttati dell'Universo Marvel di sempre, "riavviato" almeno tre volte dal 2002 a oggi. E ancora il franchise Pianeta delle Scimmie, che torna con The War - Il Pianeta delle Scimmie, seguito diretto di Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie del 2014. All'inizio di questa saga, praticamente la maggior parte di voi lettori neppure era nata, parliamo dell'ormai lontano 1968. Dopo una breve ma intensa parentesi durata fino al 1973, capace comunque di produrre cinque film, Tim Burton ha ricominciato tutto nel 2001 con Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie, poi siamo ripartiti di nuovo nel 2011 con Rupert Wyatt e siamo ancora qui, irremovibili. E cosa dire de La Torre Nera di Stephen King? Quando ormai quasi tutti i bestseller del Re sembravano stati utilizzati, ecco l'idea geniale di riprendere una saga leggendaria iniziata nel 1982 con il romanzo breve L'Ultimo Cavaliere. Che poi, detto fra noi, aver saccheggiato tutti i libri avrebbe mai fermato Hollywood? Mentre vi fate la vostra bella risata, parliamo di IT, che torna nelle sale il prossimo 21 settembre, perché ritrovare il clown Pennywise in ogni nostro incubo nonostante l'età adulta non era ancora abbastanza.

A bordo dell'Orient Express

Come se l'operazione nostalgia generale non fosse ancora del tutto conclusa, i produttori californiani sono riusciti a trasformare la serie TV degli anni '70 e ‘80 CHiPs in un film con Michael Peña e Adam Brody, in uscita il 20 luglio. Caso emblematico è invece Blade Runner 2049: anche un film che guarda smaccatamente al futuro riesce in ogni caso ad essere legato a doppio filo con il passato e al Blade Runner del 1982 - che continua e completa. Ci stiamo però - finalmente - avvicinando alla fine dell'anno, vediamo la luce in fondo al tunnel farsi sempre più grande, probabilmente perché siamo all'interno di una galleria a bordo dell'Orient Express. Kenneth Branagh ha richiamato a se un cast a dir poco stellare (per la cronaca Penélope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Johnny Depp, Josh Gad, Derek Jacobi, Michelle Pfeiffer e Daisy Ridley) per raccontare - di nuovo, a modo suo - il celebre romanzo di Agatha Christie uscito nel 1934 Assassinio sull'Orient Express.

Certo dall'allucinato trailer si capisce subito che degli anni '30 nel film c'è ben poco, come del resto tutti i titoli nominati in questo articolo hanno comunque uno stile assolutamente contemporaneo e sono fortemente incastonati nel nostro tempo. Bisogna però riconoscere che non riusciamo in nessun modo a staccarci dal passato, da ciò che già abbiamo fatto e scritto e raccontato, che abbiamo troppa paura per reinventare tutto da zero. Chissà che il 2018 sia davvero il 2018, sperare non costa nulla.

Che voto dai a: Baywatch

Media Voto Utenti
Voti: 0
ND.
nd