Avengers: Endgame contro Avatar, la sfida degli incassi alla volata finale

Avatar di James Cameron potrebbe essere presto superato sia negli USA che worldwide: ad Avengers Endgame rimane soltanto la volata finale.

speciale Avengers: Endgame contro Avatar, la sfida degli incassi alla volata finale
Articolo a cura di

A diverse settimane dal debutto nelle sale di tutto il mondo, torniamo a parlare degli incassi di Avengers: Endgame, la cui crescita è diventata ormai più appassionante di una finale alle olimpiadi. Effettivamente la sfida sul tavolo è più grande di quanto si possa pensare: ci si gioca il primo posto nella classifica dei maggiori incassi della storia del cinema a livello globale, il secondo posto se guardiamo soltanto agli Stati Uniti.
Partiamo proprio dal mercato casalingo, dove l'ultimo cinecomic firmato dai fratelli Russo è risalito fino al terzo posto con 728 milioni e 447.735 dollari, guardando Avatar all'orizzonte.
Il kolossal di James Cameron uscito ben 10 anni fa è infatti fermo a 760 milioni e 507.625 dollari, un soffio, un passo, che potrebbe essere colmato con l'arrivo di un nuovo weekend. In caso di sorpasso, si tratterebbe davvero di una manovra storica.

Dalla nicchia alla massa

Avatar, come ben sappiamo, era un film adatto a tutta la famiglia, dai bimbi più piccoli ai nonni più anziani, un progetto in grado di richiamare un pubblico di massa e generalista senza troppa fatica. Con Endgame invece parliamo di tutt'altra produzione: sicuramente un lungometraggio rivolto al grandissimo pubblico ma con caratteristiche ben precise, appartenente a un genere considerato "di nicchia" non troppo tempo fa. Siamo infatti nella sfera dei cinecomic, i film tratti dai fumetti, con un target potenziale decisamente più ristretto rispetto ad Avatar.
Non solo: non si tratta di un progetto "standalone" ma dell'ultimo tassello di un mosaico iniziato ormai 11 anni fa, che raccoglie personaggi apparsi in altri film e completa la storia di Avengers: Infinity War, dunque non si rivolge a un pubblico "occasionale" ma ben preparato.
Certo bisognerebbe mettere in relazione i biglietti staccati con il numero di persone che hanno effettivamente visto il film, poiché molti appassionati sono tornati al cinema anche due, tre, quattro volte, questo però non ridimensiona l'exploit dell'opera, anzi, le dona sfumature ancora più inedite dal punto di vista "antropologico".

Uno tsunami globale

Gli uomini di Kevin Feige sono riusciti a creare praticamente dal nulla un fenomeno di caratura globale, capace di spostare masse di persone inimmaginabili solo qualche tempo fa. Lo si capisce guardano i dati del box office worldwide, dove Endgame potrebbe addirittura conquistare il primato assoluto.

Al momento, il cinecomic è al secondo posto a 2 miliardi e 503 milioni di dollari, una cifra grazie alla quale è riuscito a superare un'altra opera campione d'incassi firmata James Cameron: Titanic - e neanche di poco, visto che parliamo di uno scarto di 316 milioni di dollari, con dati ancora parziali.
Ancor meno milioni separano ora Endgame dalla vetta di Avatar: "solo" 285 milioni per conquistare il trono assoluto, per oltrepassare quei 2 miliardi e 788 milioni del fantasy uscito nel 2009. Una volata finale che tiene appassionati ed esperti con il fiato sospeso, pronta ad aprire porte inedite ai Marvel Studios, capaci in ogni caso di raggiungere vette storiche.

Che voto dai a: Avengers: Endgame

Media Voto Utenti
Voti: 301
8.5
nd