Annabelle e altre bambole maledette, tra cinema e realtà

Non tutte le bambole sono dolci e carine. In occasione dell'imminente uscita di Annabelle 2: Creation, parliamo di cinque bambole maledette del cinema.

speciale Annabelle e altre bambole maledette, tra cinema e realtà
Articolo a cura di

Le bambole sono da sempre il giocattolo preferito di ogni bambino, ma non tutte sono dolci e carine come appaiono, perciò non lasciatevi ingannare dal loro aspetto grazioso. Barbie, bambolotti e cicciobelli ci hanno fatto compagnia per tutta l'infanzia, e sono oggetto di collezionismo. I loro occhi grandi, sempre fissi nel vuoto, che sembrano osservarci anche quando non ce ne accorgiamo, hanno suscitato l'interesse del cinema horror fin dagli anni Trenta con La Bambola del Diavolo. Solo negli anni Ottanta, con la bambola assassina Chucky, la doll mania è esplosa a dismisura, culminando nell'ultima incarnazione del Male, Annabelle. Quest'ultima incute ancora più terrore dato che il film si ispira alla vera bambola posseduta di cui si sono occupati i coniugi Warren, i celebri esperti del paranormale. In occasione della prossima uscita di Annabelle 2: Creation (nella sale dal 3 agosto), parliamo di cinque bambole maledette del cinema che sono diventate un cult tra gli appassionati del genere.

Chucky - La bambola assassina

Tutto iniziò con lui: Chucky, l'inquietante bambola assassina che nel 1988 diede inizio a una lunga e fortunata saga del cinema horror. Bambolotto dall'aspetto innocente che diventa il giocattolo preferito di un inconsapevole bambino di 6 anni, in realtà dentro Chucky dimora l'anima di un serial killer il cui unico scopo è quello di reincarnarsi in un corpo umano. Spietato, crudele, sadico e manipolatore, la perfida bambola sarà disposta a tutto pur di riuscire nel suo intento, lasciando dietro di sé una scia di sangue.

Dolly - Dolly Dearest, la bambola che uccide

Prosegue il successo delle bambole possedute con Dolly Dearest. Una bambola dall'aspetto apparentemente solare e ingenuo a cui nessuno potrebbe resistere; peccato che la dolce Dolly sia solo l'involucro che contiene uno spirito maligno pronto a seminare morte ovunque. Terrificanti le atmosfere in cui la bambola si aggira, tra i richiami all'horror satanico de L'Esorcista e il racconto di una favola dark senza il lieto fine. Se sentite il suo ghigno malefico in lontananza, tenetevi a distanza di sicurezza per evitare di finire tra le sue grinfie.

Il feticcio Zuni - Trilogia del terrore

Facciamo un salto indietro di alcuni anni e torniamo a metà anni Settanta quando un film televisivo, noto col nome di Trilogia del Terrore, fece la sua comparsa sul piccolo schermo, tormentando i sonni dei telespettatori. Tre episodi di paura con protagonista l'attrice Karen Black, uno più inquietante dell'altro. Ci concentreremo sul terzo episodio, dedicato al feticcio Zuni che porta con sé uno spirito violento e maledetto. Distrutta accidentalmente la statuetta, l'anima iraconda dello spirito inizia a dare la caccia alla giovane donna che l'ha ricevuta, con tanto di fuga spaventosa con il feticcio che la insegue brandendo un coltello da cucina.

Billy - Saw l'enigmista

Pupazzo dall'aspetto spaventoso e bizzarro, a discapito del suo nome 'innocuo': Billy è il compagno dei giochi mortali dell'enigmista JigSaw, nonché l'annunciatore delle spaventose prove a cui verranno sottoposti i poveri malcapitati che finiscono nella trappola del fantomatico serial killer. Billy appare alle vittime in triciclo, spiegando loro i mezzi e gli strumenti da utilizzare per poter sopravvivere alla fine dei giochi. Quando non si presenta personalmente, spesso comunica con loro tramite messaggi registrati o lo schermo di un televisore. Insomma, se vi trovate davanti un pupazzo del genere, meglio filare a gambe levate.

Annabelle

Molto diversa da quella reale ma ugualmente spaventosa, la bambola Annabelle è piaciuta così tanto nella sua prima comparsa ne L'Evocazione, che si è optato per uno spin-off tutto suo. Il primo capitolo a lei dedicato ci ha raccontato la storia delle sue origini e ci ha insegnato a tenere gli occhi aperti, sopratutto la notte. Occhio a dove lasciate Annabelle, perché lei vi perseguiterà ovunque siate. Il suo scopo è uguale a quello delle altre bambole: possedere un corpo umano. Fortunatamente la vera Annabelle è tenuta sotto controllo, dentro una teca di vetro, presso il Museo dell'Occulto dei coniugi Warren, i quali raccomandano caldamente di non fotografarla.

Bonus: Dolls

Un bonus era d'obbligo: se odiate le bambole, a tal punto da non riuscirle a vederle, questo film non fa per voi. Prima di Chucky, c'era l'esercito di burattini, soldatini e bambolotti di plastica di Dolls. Dotati di una particolare indole omicida, questi pupazzi sono anche in grado di trasformare le loro incaute vittime in bambole. Dopo questo film non guarderete più un pupazzo come prima.

Quanto attendi: Annabelle 2

Hype
Hype totali: 20
59%
nd